Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

REFUSENIKS: URI 18 anni

URI 18 anni

Intervista di Maurizio Cucci

Sono cresciuto in una famiglia di sinistra e non c'e' stato un evento particolare che abbia inciso sulla mia coscienza politica per spingermi a rifiutare la divisa. Forse e' stata piu' una sorpresa scoprire che ero anch'io un pacifista, se pacifista puo' essere la definizione piu' appropriata, comunque io mi rifiuto di partecipare a qualunque organizzazione o azione che abbia lo scopo di togliere la vita. Coltivo questa convinzione fin da quando avevo sedici anni. E' stato allora che ho realizzato di essere in qualche modo un pacifista, o quanto meno vicino all'idea di pacifismo.

Quando venne il tempo di presentarmi all'esercito ho iniziato a scrivere lettere in cui spiegavo il mio rifiuto alla leva, cosi' mi hanno invitato a presentarmi alla commissione per l'obiezione di coscienza, che e' preposta ad ascoltare chiunque rifiuti il servizio militare per ragioni di coscienza. I commissari devono valutare se l'obbiettore e' veramente sincero, nel qual caso viene esonerato dal servizio di leva. Esiste anche una commissione per le donne che pero' e' molto diversa, in teoria entrambe le commissioni dovrebbero sottostare alle stesse regole, ma in realta' la commissione per gli uomini non esonera mai nessuno. Su oltre duecento persone che si sono presentate davanti alla commissione per gli uomini, circolano voci non confermate che solo due persone sono state esonerate dal servizio militare, tuttavia non se ne conoscono i nomi e neppure le motivazioni. Questa commissione in teoria dovrebbe esonerare tutti gli obiettori di coscienza, ma il trucco sta nel fatto che non sono tenuti a riconoscere ed esonerare chi fa obiezione selettiva di coscienza, cosi' in

pratica vengono tutti considerati obiettori selettivi e mandati alle loro basi dove un ufficiale decreta loro un periodo di carcere che non puo' superare i 35 giorni.

Quando sono stato ricevuto dalla commissione per essere ascoltato, non mi hanno prestato alcuna attenzione, e mi hanno spedito alla base dove avrei dovuto prendere servizio.

Li' mi sono presentato ad un ufficiale, il quale, senza processo e senza avvocato, mi ha condannato a quattordici giorni di carcere nella prigione numero 6. Poi venni liberato e dopo due giorni rispedito alla base dove mi hanno dato 28 giorni di carcere, e cosi' via, dall'agosto scorso ad oggi sono stato in carcere sei volte per un totale di 133 giorni. Un mese fa, quando mi hanno liberato per l'ultima volta, ho chiesto di essere visitato da uno psicologo, perche' ero stufo di andare avanti e indietro. Ho incontrato ogni specie di psicologi dell'esercito, ma purtroppo nessuno di loro si e' convinto che io fossi pazzo a sufficienza per non andare nell'esercito. In questi giorni dovrei ripresentarmi alla base, ma ho deciso di disertare e di prendermi due settimane di vacanza dalla prigione. Sono stufo di passare dall'ufficio dell'ufficiale che sentenzia quante settimane di carcere dovro' fare ogni volta. Odio quell'ufficio. La legge prevede che dopo due settimane dalla data in cui dovrei presentarmi alla base divento ufficialmente un disertore, in teoria, la polizia militare dovrebbe venire a cercarmi a casa, ma non ce n'e' bisogno perche' mi presentero' direttamente alla prigione militare numero 6, evitando cosi' l'inutile commedia dell'ufficiale della base.

Un mio amico, Johnatan e' stato in carcere sette volte per un periodo complessivo di 196 giorni, lui si e' anche appellato all'Alta Corte Israeliana, ma non e' servito a nulla. Ho l'impressione che l'Alta Corte sia d'accordo con l'esercito sul fatto che l'obiezione di coscienza sia di esclusiva competenza dell'esercito stesso. Nessuno e' in grado di dire con certezza per quanto tempo possa durare questo continuo dentro e fuori dal carcere. Il servizio militare obbligatotio dura per tre anni. In passato la procedura voleva che dopo 90 giorni di detenzione complessiva si ottenesse l'esonero, ma oggi non e' piu' cosi' e non ci sono leggi chiare che determinino con certezza il periodo di carcere per un obbiettore di coscienza. Ho anche parlato con due o tre avvocati ma non ci possono far nulla. L'unica alternativa pare sia di presentarsi di fronte alla corte marziale, nessuno ci ha mai provato, ma il rischio sarebbe di essere condannati fino a tre anni di detenzione. E' vero che dopo sarei fianlmente libero, ma vedi gli ultimi quattro mesi e mezzo sono stati gia' abbastanza

duri per me e tre anni sarebbero decisamente troppo lunghi.

In carcere la vita non e' affatto divertente, ma neppure troppo dura. La prigione militare e' organizzata come una normale base militare, ci sono quattro compagnie ed ognuna e' composta da diversi tipi di prigionieri. Siccome la detenzione di poche settimane e' considerata breve, al massimo 35 giorni, gli abbiettori vengono mandati alla Compagnia A, dove non ci sono celle, ma semplici tende da campo e non ci sono criminali, assassini o drogati, ci sono solo obbiettori. La vita non e' troppo male, ma mi irrita tutta quella disciplina, tutta quella dovuta obbedienza. A volte ci permettono di lavorare in cucina. Alcuni di noi si rifiutano di indossare l'uniforme, allora vengono mandati in isolamento, dentro una vera cella in muratura che misura poco piu' di due metri quadrati. Dentro ci stanno due detenuti e una guardia che li controlla a vista per impedire eventuali suicidi. Ci ho fatto la guardia qualche volta, i turni sono di quattro ore, non e' cosi' dura come puo' sembrare, non c'e' altro da fare che rimanere seduti a leggere per tutto il tempo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)