Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

Israele/Territori Occupati: negato ad Amnesty Internationall'ingresso a Gaza


Gent.mi tutti,
vi trasmettiamo il comunicato stampa della Sezione Italiana di
Amnesty International:
ISRAELE/TERRITORI OCCUPATI:
negato ad Amnesty International l'ingresso a Gaza
Grazie per la cortese attenzione
Per ulteriori informazioni, approfondimenti ed interviste:
Ufficio Stampa
Amnesty International
Tel. 06 44.90.224
cell. 348-6974361
e-mail: press@amnesty.it
COMUNICATO STAMPA
CS73-2003
ISRAELE / TERRITORI OCCUPATI:
NEGATO AD AMNESTY INTERNATIONAL L'INGRESSO A GAZA
Amnesty International ha condannato oggi la decisione delle autorità
israeliane di richiedere agli stranieri che entrano a Gaza di firmare una
dichiarazione che assolve Israele da ogni responsabilità nel caso in cui
verranno feriti o uccisi.
Una delegazione di Amnesty International si è vista oggi negare l'ingresso
a Gaza. Ai delegati è stato chiesto di firmare la "dichiarazione di
rinuncia", cosa che hanno rifiutato di fare.
La dichiarazione da sottoscrivere afferma, tra l'altro, che il firmatario
"accetta che il governo dello stato di Israele e i suoi organismi non
possono essere ritenuti responsabili per la morte, il ferimento e/o
danni/perdite di proprietà che potrebbero verificarsi in conseguenza di
attività militari".
Amnesty International si oppone categoricamente a ogni tentativo di
costringere le persone a firmare una dichiarazione di rinuncia ai propri
diritti. Farlo, in ogni caso, non esonererebbe in alcun modo l'esercito
israeliano dalle proprie responsabilità né esenterebbe le autorità
israeliane dal proprio dovere di assicurare il rispetto dei diritti umani,
da parte delle proprie forze armate, in ogni circostanza.
L'organizzazione per i diritti umani teme che un obiettivo di queste nuove
e drastiche restrizioni sia di impedire la presenza di osservatori esterni
per verificare il comportamento dell'esercito israeliano. Amnesty
International ha inoltre paura che queste restrizioni potranno causare
ulteriori uccisioni a Gaza e chiede all'esercito israeliano di porre
immediatamente termine all'uso eccessivo e illegale della forza.
Amnesty International chiede da tempo la presenza di osservatori
internazionali sui diritti umani in Israele e nei Territori Occupati, per
assicurare il rispetto degli standard internazionali in materia di diritti
umani.
La delegazione di Amnesty International ha rilasciato questa dichiarazione:
"Condanniamo ogni uccisione illegale di civili, compresi i bambini, in
Israele e nei Territori Occupati, a prescindere se sia compiuta dai soldati
israeliani o dai gruppi armati palestinesi".
FINE DEL COMUNICATO
Roma, 9 maggio 2003
Per ulteriori informazioni, approfondimenti ed interviste:
Amnesty International - Ufficio stampa
Tel. 06 44.90.224, cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)