PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Aggressione Pescara: No all’intolleranza omofoba

Il diritto di amare e vivere sia garantito per tutti e tutte
11 dicembre 2013 - Alessio Di Florio (PeaceLink Abruzzo, Ass. Antimafie Rita Atria, Ass. Culturale Peppino Impastato)

Il 10 dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata dei Diritti Umani. E’ la giornata in cui, al di là di celebrazioni stantie e spesso altamente retoriche, si dovrebbe rimettere al centro l’umanità e i diritti imprenscindibili di ogni essere umano. Ci ritroviamo invece a denunciare e commentare l’ennesima aggressione omofoba in Abruzzo. Ringraziamo l’Associazione Jonathan per aver dato voce alla denuncia di un ragazzo, vittima di un pestaggio dopo settimane di minacce e intimidazioni. A nulla servono le celebrazioni, le ricorrenze, le retoriche fin quando la realtà quotidiana continuerà a raccontarci episodi come questo. Esprimiamo profonda indignazione e sdegno per questo episodio e uniamo la nostra voce a quella dell’Associazione Jonathan, ai tantissimi e tantissime che sono scesi in piazza nelle scorse settimane per ricordare l’assassinio senza ancora nessuna giustizia di Emanuela e di Maurizio Acerbo, che torna a chiedere che il sindaco di Pescara dia finalmente seguito alla mozione approvata dal Consiglio Comunale di Pescara del 25 febbraio 2011. Sarebbe un primo importantissimo segnale concreto e porrebbe le basi perché a Pescara si possa avviare un percorso contro l’omofobia e ogni intolleranza contro la libera scelta sessuale di ogni persona. Un percorso che deve coinvolgere ogni coscienza democratica e civile.

Respingiamo ogni intolleranza, ogni violenza fomentata dall’odio e dalla discriminazione. Lo scrivemmo, insieme ad altre associazioni e movimenti, dopo l’affissione di manifesti ad Ortona da parte di Forza Nuova e dopo l’assassinio a Parigi di Clement Meric, assassinato dai nazi-fascisti. Potremmo celebrare la Giornata Internazionale dei Diritti Umani quando tutti e tutte avremo diritti, quando tutti e tutte potremo farlo serenamente e in libertà. Fin quando odio e intolleranza colpiranno i diritti e la libertà di ognuno saremmo tutti e tutte colpiti. Il diritto di amare e vivere dev’essere garantito ad ognuno perché possa essere garantito a tutti e tutte.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy