Basilicata

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Petroleum Basilicata de profundis

    Anche quest'anno l'Organizzazione Lucana Ambientalista lancia il suo calendario. Il cOLAndario2009 - questo il nome dell'iniziativa - presenterà 12 immagini interamente legate al petrolio in Basilicata.
    15 gennaio 2009 - Pietro Dommarco

    oleodotti in val d'agri Dopo il grande successo riscontrato nel 2008, anche quest'anno ed a grande richiesta, arriva il calendario della OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) - Coordinamento apartitico territoriale di Associazioni, Comitati, Movimenti e Cittadini.

    Il Colandario 2009 – questo il nome dell'iniziativa - è stato progettato ed ottimizzato per facilitare la stampa su carta riciclata. Si presenta in un formato tascabile – 12x12 centimetri – facilmente inseribile all'interno di una normalissima custodia per compact disc, in modo da favorire l'esposizione da scrivania. Inoltre, si è pensato di pubblicare sul nostro portale – alla pagina http://www.olambientalista.it/colandario2009.htm (dove è possibile scaricare il Colandario 2009) – tutte le foto che non hanno trovato spazio in questa edizione, dando la possibilità ai lettori di visionare il nostro archivio ed, eventualmente, integrarlo.

    Con il Colandario 2009, la OLA intende, attraverso i mesi ed i giorni del 2009, proporre visioni e riflessioni sui risvolti ambientali ed umani del petrolio in Basilicata. Una vicenda tanto reale quanto ai molti invisibile, che ha portato la nostra regione in un tunnel oscuro, lungo i 700 chilometri di oleodotti che sventrano le montagne ove la neve fa parte del "chiaroscuro" del profondo nero dei pozzi trivellati, che feriscono a morte boschi e sorgenti. E poi verso le fiamme perenni, maleodoranti e venefiche, con i loro gas bruciati o lungo le "curve pericolose" del Parco della Val d'Agri, congelato dagli interessi petroliferi o quelle di Viggiano, ex paese dei suonatori d'arpa, divenuto "capitale del petrolio", frequentato dalle ombre dei comuni polvere. La realtà di una terra ferita auspica il risveglio delle nostre coscienze.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy