GDP - Contributi

Video Podcast

Video Podcast

Ultime novita'

Gallerie Fotografiche

SI E' CELEBRATA IL 10 OTTOBRE LA GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE

«India, Corea del Sud e Taiwan
cancellino la pena di morte»

Amnesty International: «L'88% delle esecuzioni del 2007 tra Cina, Iran, Arabia Saudita, Pakistan e Usa».

11 ottobre 2008 - Matteo Della Torre (Casa per la nonviolenza, associazione di ispirazione gandhiana)

Pene di morte in Iran nel 2007

Riportiamo questa notizia pubblicata dal Corriere della Sera.

«Asia: è tempo di fermare le esecuzioni». In occasione della «Giornata mondiale contro la pena di morte» che si celebra venerdì 10 ottobre, la Coalizione internazionale contro le esecuzioni capitali rinnova l'appello ai Paesi asiatici perché si adeguino alla tendenza mondiale adottando immediatamente una moratoria.

Secondo i dati forniti da Amnesty International, le condanne a morte eseguite in Cina, Iran, Arabia Saudita, Pakistan e Usa rappresentano l'88 per cento delle 1252 esecuzioni del 2007. Nell'area Asia/Pacifico, 14 Paesi ancora eseguono condanne a morte, mentre 27 Paesi hanno abolito la pena di morte per legge o nella pratica. 


SPERANZA - Ma perché quest'anno l'attenzione è rivolta all'Asia? «Perché c'è terreno per la speranza ed esiste la concreta possibilità di un cambiamento - spiega Irene Khan, segretaria generale di Amnesty International - Per questo sollecitiamo India, Corea del Sud e Taiwan ad adeguarsi alla tendenza mondiale verso la fine delle esecuzioni e a dare il buon esempio al resto del mondo», ha detto. «In Corea del Sud - fa sapere Amnesty - le ultime esecuzioni risalgono al mese di dicembre del 1997, quando 23 persone furono messe a morte. Dieci anni dopo, il 31 dicembre 2007, il presidente ha commutato in ergastolo le sentenze capitali di sei detenuti. Tuttavia, sono ancora 58 le persone rinchiuse nel braccio della morte.

Stanza dell'iniezione letale (Usa)

L'India non esegue condanne a morte dal 2004, anche se continuano a essere comminate sentenze capitali, almeno 100 nel 2007, spesso in seguito a processi nei quali gli imputati più poveri non ricevono un'adeguata rappresentanza legale. Taiwan non esegue condanne a morte dal dicembre 2005. Quest'anno due persone sono state condannate alla pena capitale, portando così a 30 il numero dei prigionieri nel braccio della morte. «In numerosi Paesi dell'Asia - ha aggiunto Irene Khan - la pena capitale continua a essere inflitta per una vasta serie di reati e i prigionieri vengono messi a morte spesso a seguito di processi iniqui. Riscontriamo inoltre un'enorme mancanza di trasparenza sull'uso della pena di morte».


LA COALIZIONE - Proprio in occasione della Giornata contro la pena di morte, Amnesty International, la Coalizione mondiale contro la pena di morte, la Rete asiatica contro la pena di morte e altri gruppi abolizionisti organizzano iniziative in ogni parte del mondo. Fondata nel maggio 2002, la Coalizione riunisce 74 organizzazioni per i diritti umani, associazioni legali, sindacati e autorità locali e regionali che agiscono insieme per liberare il mondo dalla pena di morte. Maggiori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.worldcoalition.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies