Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • I padroni della Patagonia

    I padroni della Patagonia

    Benetton, Ted Turner, Jeremy Irons, Michael Douglas, Sylvester Stallone, sono solo alcuni dei nomi accusati di voler depredare un paradiso naturale, ricco di acqua e risorse, per i propri interessi.
    12 settembre 2011 - redazione Taringa!-Inteligencia Colectiva
  • Cinque dighe inonderanno una delle più belle regioni del pianeta

    Patagonia cilena: approvato il progetto Hydroaysén

    Represse con violenza le manifestazioni di protesta in tutto il paese
    14 maggio 2011 - David Lifodi
  • Il Foro Ambiental y Social Patagónico prova a fermare il progetto

    Patagonia: miniera a cielo aperto in costruzione

    Raccolta firme in difesa dell'ambiente
    6 gennaio 2010 - David Lifodi
  • Dalla Patagonia a Treviso



    Lettera inviata il 2 agosto dalla Famiglia Curiñanco-Rùa Nahuelquir alla Fondazione Serpaj in relazione alle trattative sulla restituzione del Predio Santa Rosa da parte di Benetton alla Famiglia Mapuche.
    11 agosto 2005

Coalizione patagonica senza frontiere

1 agosto 2007
Fonte: Adital


Il Primo Parlamento Ambientale della Patagonia si è inaugurato nei giorni 29 e 30 di giugno, nella località cilena di Chaitén. Più di un centinaio di sostenitori, appartenenti a comunità od organizzazioni non governative cilene ed argentine, hanno partecipato alla riunione con l'obiettivo di unificare e organizzare tutte le proteste, senza frontiere, aspirando solidalmente al consolidamento delle iniziative e della resistenza su tutto il territorio patagonico.

Secondo i partecipanti, la Patagonia è "una vera Riserva di Vita che si estende per tutto l'estremo Sud del Continente". L'incontro è stato di fondamentale importanza per tutte le lotte che hanno sempre condotto le comunità danneggiate dalle industrie minerarie, idroelettriche e in generale da tutte quelle che riducono la qualità della vita e mettono a rischio il destino delle generazioni future.

Nella parte finale dell'incontro, le comunità hanno sottolineato l'importanza della difesa del territorio patagonico: "La ricchezza che custodisce la Patagonia non è una risorsa naturale, ma un bene comune non commerciale. Consideriamo la Patagonia come un solo territorio con differenze culturali ma con valori simili, che dobbiamo difendere e proteggere. Le comunità patagoniche hanno il diritto, il dovere e la capacità di decidere il loro futuro. È una grande opportunità che si presenta all'uomo per mettere alla prova la sua autodeterminazione, la sua vita e la sua identità. La Patagonia non deve essere il bersaglio di grandi piani di sfruttamento".

Le comunità hanno indicato alcuni obiettivi da raggiungere: formare una grande coalizione patagonica senza frontiere, per la difesa del sistema di vita e delle tradizioni; promuovere l'istituzione di un organo coordinatore che mantenga unito e solidale il territorio patagonico; fomentare a approfondire i meccanismi di partecipazione cittadina, sia nelle aree urbane che in quelle rurali; generare sistemi di informazione e sensibilizzare le comunità, favorendo la riflessione critica e la presa di coscienza collettiva.

Perciò le organizzazioni hanno intenzione di creare delle azioni di lavoro concrete per difendere le comunità colpite dalle minacce già instaurate nella regione e da altre potenziali minacce come le dighe, le petroliere, la salmonicoltura, le industrie minerarie, i cavi di trasmissione elettrica, la concentrazione del possedimento dei beni (acqua, terra, mare, aria), il turismo di massa ad alto impatto ambientale ed altre. Queste azioni aiuteranno ad identificare le alternative di sviluppo regionale nuove e vecchie, a patto che siano accettabili dal punto di vista sociale, culturale e ambientale.
Inoltre, il loro intento è di articolare e rafforzare le varie organizzazioni e tutti coloro che sono impegnati in progetti che si dirigono alla difesa della Patagonia. Il loro scopo è anche quello di denunciare e diffondere le problematiche e i conflitti ambientali che rappresentano i progetti di grandi industrie minerarie, enormi centrali e impianti elettrici.


Note:

Adital - http://www.adital.com.br/site/noticia.asp?lang=ES&cod=28371

Articolo tradotto da Laura Lacanale per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy