Latina

Il Foro Ambiental y Social Patagónico prova a fermare il progetto

Patagonia: miniera a cielo aperto in costruzione

Raccolta firme in difesa dell'ambiente
6 gennaio 2010
David Lifodi

Le miniere continuano ad essere il principale cavallo di Troia per l'ingresso delle imprese multinazionali in America Latina. L'ultimo caso arriva dalla Patagonia, dove il Foro Ambiental y Social Patagónico (Fasp) denuncia l'assalto dello stato provinciale alla Ley 5001, che intende cancellare la proibizione dello sfruttamento e dell'estrazione mineraria.
Gli attivisti appartenenti al Fasp della provincia argentina di Chubut hanno da poco avviato una raccolta firme per impedire l'utilizzo del cianuro nei processi di produzione nel caso in cui lo sfruttamento minerario abbia inizio, obiettivo che si è prefisso di raggiungere a qualsiasi costo lo stato. Il Proyecto Navidad, questo il nome del progetto che intende impiantare la miniera nella provincia di Chubut, sarebbe inoltre incostituzionale in quanto andrebbe a violare l'articolo 41 della Costituzione argentina. La carta costituzionale stabilisce infatti che nel caso di danni gravi e irreversibili (in questo caso prodotti dalla miniera a cielo aperto), si privilegia la difesa dell'ambiente senza che sia necessario aspettare che il danno sia stato prodotto, poiché si tratterebbe di un impatto ambientale irreversibile. Sempre il Fasp ha chiesto al governo dello stato provinciale di informare e consultare comunque la popolazione prima di aprire la strada alla costruzione della miniera. Durante un'intervista rilasciata a Radio Mundo Real Fabián García, portavoce del Forum, ha chiamato alla "vigilancia social minera", ma ha approfittato anche per fare una disamina della situazione ambientale dell'intera provincia chubutense e in particolar modo della città di Trelew. Sviluppo sostenibile, ambiente e tutela della popolazione non sembrano però essere le priorità dello stato provinciale, nonostante il Fasp abbia più volte sottolineato che il progresso economico non passi solo attraverso l'apertura della miniera, ma che, al contrario, ci sono numerose alternative possibili.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Convegno a Taranto:
"Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"
    Taranto Sociale
    Comunicato di Medicina democratica

    Convegno a Taranto: "Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"

    "I cittadini e i lavoratori di Taranto hanno ragioni “da vendere”- ha aggiunto Caldiroli- per pretendere la chiusura o almeno una drastica riduzione dell'impatto dei processi produttivi maggiormente inquinanti (in particolare dell’area a caldo) degli impianti ex ILVA di Taranto.
    12 aprile 2019 - Medicina democratica
  • Democratizzazione dei dati ambientali
    Ecodidattica
    Il software Omniscope

    Democratizzazione dei dati ambientali

    A scuola abbiamo fatto un’esperienza di Ecodidattica con un software di business intelligence realizzato da Antonio Poggi, un esperto del settore che vive a Londra ma che - essendo nato a Taranto - ha pensato di adattare il suo software all’analisi dei dati ambientali.
    22 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Sabato 24 novembre si parlerà dell'immunità penale concessa per Ilva ad Am Investco
    Ecologia
    L'immunità penale concessa ad Am Investco viola la Costituzione?

    Sabato 24 novembre si parlerà dell'immunità penale concessa per Ilva ad Am Investco

    Permangono le problematiche legate all'inquinamento e i dubbi sulla costituzionalità della norma che ha concesso l’immunità penale e amministrativa agli acquirenti Ilva.
    22 novembre 2018
  • Ecologia
    VIS e VDS: traguardi raggiunti e ulteriori passi avanti da compiere

    In che modo la valutazione di impatto e la valutazione di danno possono tutelare la salute?

    La differenza tra valutazione di danno e valutazione di impatto è articolata: la più immediata è che il danno sanitario si valuta a posteriori (ex-post), quando eventi ambientali e sanitari connessi sono già accaduti, mentre l’impatto sanitario si quantifica preventivamente (ex-ante) stimando ciò che è prevedibile accada a seguito di cambiamenti ambientali e sanitari connessi.
    22 ottobre 2018 - Fabrizio Bianchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)