Latina

Il Foro Ambiental y Social Patagónico prova a fermare il progetto

Patagonia: miniera a cielo aperto in costruzione

Raccolta firme in difesa dell'ambiente
6 gennaio 2010
David Lifodi

Le miniere continuano ad essere il principale cavallo di Troia per l'ingresso delle imprese multinazionali in America Latina. L'ultimo caso arriva dalla Patagonia, dove il Foro Ambiental y Social Patagónico (Fasp) denuncia l'assalto dello stato provinciale alla Ley 5001, che intende cancellare la proibizione dello sfruttamento e dell'estrazione mineraria.
Gli attivisti appartenenti al Fasp della provincia argentina di Chubut hanno da poco avviato una raccolta firme per impedire l'utilizzo del cianuro nei processi di produzione nel caso in cui lo sfruttamento minerario abbia inizio, obiettivo che si è prefisso di raggiungere a qualsiasi costo lo stato. Il Proyecto Navidad, questo il nome del progetto che intende impiantare la miniera nella provincia di Chubut, sarebbe inoltre incostituzionale in quanto andrebbe a violare l'articolo 41 della Costituzione argentina. La carta costituzionale stabilisce infatti che nel caso di danni gravi e irreversibili (in questo caso prodotti dalla miniera a cielo aperto), si privilegia la difesa dell'ambiente senza che sia necessario aspettare che il danno sia stato prodotto, poiché si tratterebbe di un impatto ambientale irreversibile. Sempre il Fasp ha chiesto al governo dello stato provinciale di informare e consultare comunque la popolazione prima di aprire la strada alla costruzione della miniera. Durante un'intervista rilasciata a Radio Mundo Real Fabián García, portavoce del Forum, ha chiamato alla "vigilancia social minera", ma ha approfittato anche per fare una disamina della situazione ambientale dell'intera provincia chubutense e in particolar modo della città di Trelew. Sviluppo sostenibile, ambiente e tutela della popolazione non sembrano però essere le priorità dello stato provinciale, nonostante il Fasp abbia più volte sottolineato che il progresso economico non passi solo attraverso l'apertura della miniera, ma che, al contrario, ci sono numerose alternative possibili.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • La fine di un mondo?
    Sociale
    "Non si vede bene che col cuore". Chissà, forse è proprio questo che la nostra Madre Terra vuole?

    La fine di un mondo?

    ... o la fine del mondo? Un dilemma che può trovare soluzione.
    12 marzo 2020 - Roberto Del Bianco
  • Anticorpi
    Laboratorio di scrittura

    Anticorpi

    E' sofferente la nostra Madre Terra, l'organismo vivente che ci ospita. Ma dagli sconvolgimenti epocali di cui da tempo siamo responsabili e testimoni, forse un accenno di speranza c'è, chissà...
    5 marzo 2020 - Roberto Del Bianco
  • Era tutto assolutamente normale
    Legami di ferro
    Una sera a teatro insieme ai guerrieri tra la gente

    Era tutto assolutamente normale

    Spettacolo teatrale a cura della compagnia "Di aria di fuoco di terra di mare" sulla situazione presente e passata della città di Falconara e sulla battaglia dei comitati cittadini per la salute e l'ambiente
    26 novembre 2019 - Beatrice Ruscio
  • “Il mio compito è la liberazione del mio popolo”
    Latina
    Honduras, il popolo del comune di El Triunfo resiste e lotta contro progetti minerari

    “Il mio compito è la liberazione del mio popolo”

    Padre Florentino Hernández (nella foto) ha 51 anni ed è parroco a El Triunfo. Ha accompagnato la lotta della popolazione contro i progetti minerari. Nel 2015 il suo vescovo decise di trasferirlo ma Padre Florentino si dichiarò obiettore di coscienza e rifiutò il obbedire.
    4 novembre 2019 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)