Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Ecuador: Indigeni in marcia "por la paz y por la vida"

Al via le mobilitazioni indigene indette contro ³la politica del terrore
instaurata dal Governo Gutierrez². Strade bloccate, marce ed assemblee hanno
caratterizzato la prima giornata di manifestazioni, mentre duri scontri si
sono registrati nella provincia dell¹Azuay.
E per i prossimi giorni gli indigeni promettono una intensificazione delle
proteste.
18 febbraio 2004 - Tancredi Tarantino

Quito
17/02/2004

Blocchi stradali, marce e duri scontri hanno caratterizzato il primo giorno
di mobilitazioni, indette in tutto il Paese dal movimento indigeno ³per
contrastare la politica di persecuzione, crimine ed impunitá che pretende
instaurare il Governo di Lucio Gutierrez².
La partecipazione é stata cospicua soprattutto nella provincia di Cotopaxi,
al sud di Quito, dove alle manifestazioni di carattere nazionale si é
aggiunto uno sciopero generale e dalla durata indefinita contro la politica
locale del Governo Gutierrez. Le vie e le piazze del capoluogo Latacunga
sono state attraversate, durante l¹intera giornata del lunedí, da decine di
migliaia di indigeni, contadini, lavoratori del settore elettrico, studenti
e professori. I principali mercati della provincia, cosí come le scuole e
gli esercizi commerciali, sono rimasti chiusi, mentre la Panamericana,
principale arteria di collegamento del Paese, é stata bloccata in piú punti,
paralizzando il traffico interprovinciale.

Scontri nel cantone Nabón

Duri scontri hanno invece caratterizzato la provincia di Azuay, nel sud
dell¹Ecuador. Quando sembrava, infatti, che la prima giornata di
mobilitazione nazionale stesse per concludersi in assoluta tranquillitá,
circa 2 mila manifestanti, appartenenti alla Unione delle Comunitá Indigene
dell¹Azuay (UCIA), hanno subito una dura repressione da parte dell¹Esercito
mentre si accingevano a bloccare le principali vie di comunicazione del
cantone Nabón. Quattro manifestanti, tra cui una donna di 69 anni, sono
rimasti gravemente feriti da colpi di arma da fuoco sparati dalle Forze
Armate, mentre altri sedici sono stati arrestati. Di questo ennesimo atto
delittivo nei confronti del movimento indigeno, Leonidas Iza, presidente
della CONAIE, e Gilberto Talahua, coordinatore di Pachakutik, hanno
responsabilizzato direttamente il ³Governo repressivo del presidente
Gutierrez che, attraverso questa politica del terrore, rappresenta un
pericolo per la democrazia². Il leader dell¹ECUARUNARI, Humberto Cholango,
ha invece affermato che quanto accaduto nella provincia di Azuay costituisce
un ulteriore motivo per ³continuare con le mobilitazioni fin quando questo
Presidente incapace non rinunci al suo mandato². Ma le critiche piú dure
sono giunte da padre Francisco Jara, Vicario del cantone Nabón, secondo il
quale il Paese é attualmente vittima di una vera e propria dittatura
militare. In una intervista rilasciata a Radio La Luna, il sacerdote ha
confermato quanto accaduto nel corso delle manifestazioni del lunedí,
denunciando il comportamento autoritario delle Forza Armate, ³che non solo
hanno sparato sui manifestanti, ma hanno anche lanciato bombe lacrimogene ed
incendiato grandi appezzamenti di terra coltivata con l¹obiettivo di
ingabbiare la gente e catturarla². ³L¹Ecuador di Lucio Gutierrez ­ ha
concluso padre Jara ­ é caratterizzato da una dittatura militare in cui i
militari sono coloro i quali comandano, ed i militari sono brutali².

Il bilancio della prima giornata

Nel resto del Paese, alle marce ³per la vita, in difesa della democrazia,
della sovranitá popolare e della pace², si sono aggiunti assemblee e blocchi
stradali che hanno reso impossibile il collegamento della capitale Quito con
le province andine del nord e del sud, senza peró impedire il normale
svolgimento delle principali attivitá della regione.
Al termine della prima giornata di mobilitazioni, gli organizzatori si sono
dichiarati soddisfatti della riuscita delle manifestazioni e ne hanno
rivendicato il carattere simbolico. Quello di lunedí, dice Leonidas Iza,
³non é l¹inizio di un levantamiento. É soltanto un segnale, l¹ultimo, che
abbiamo voluto inviare al presidente Lucio Gutierrez, contro la politica del
terrore e della repressione che si sta attuando².

Cause della mobilitazione

Nelle ultime settimane, infatti, il Paese é stato teatro di un innalzamento
del livello di scontro sociale a causa di una serie di attentati ed
intimidazioni ai danni di funzionari dello Stato, leader indigeni,
giornalisti e deputati che, a detta del movimento indigeno, va inserita
all¹interno di una politica repressiva attuata dal Governo nei confronti dei
suoi oppositori.

Ma questa spirale di terrore e violenza, in cui sembra essere piombato
l¹Ecuador, rappresenta soltanto un aspetto delle motivazioni che hanno
spinto, da lunedí, migliaia di indigeni a scendere nuovamente in strada dopo
alcuni mesi di tregua. Forte rimane infatti il dissenso nei confronti della
politica economica e sociale attuata da Lucio Gutierrez in questo primo anno
di Governo. In particolare, ad essere oggetto di critiche da parte del
movimento indigeno sono l¹avvicinamento del ³coronel² Gutierrez alla
politica degli Stati Uniti in relazione all¹ALCA e alla liberalizzazione del
commercio, l¹involucramento del Paese nel Plan Colombia, la politica
petrolifera a danno delle ancestrali comunitá indigene dell¹Amazzonia
ecuadoriana, la sottomissione della politica economica ecuadoriana alle
ricette del Fmi con tagli alla spesa sociale e tentativi di privatizzazione
nella fornitura di servizi di base, quali acqua, luce e gas.

Di fronte ai molteplici fronti di scontro in relazione alle scelte
politiche, economiche e sociali dell¹attuale governo, e nonostante la
recente apertura del movimento indigeno che, prima dei fatti del cantone
Nabón, si era detto pronto a dialogare con il Governo, i margini per un
superamento della crisi appaiono adesso davvero ristretti. E giá a partire
da oggi, promettono i vertici delle organizzazioni indigene, le proteste si
intensificheranno in tutto il Paese, rendendo sempre piú concreta la
possibilitá di un nuovo levantamiento che vorrebbe dire la fine del quinto
Governo ecuadoriano in cinque anni.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy