Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Prove di dialogo tra governo e guerriglia

    Colombia: è l’ora della pace?

    Restano dubbi sull’affidabilità del presidente Santos
    10 settembre 2012 - David Lifodi
  • Non si vergognano ?
    Una riflessione dalla Colombia ..... ma non solo

    Non si vergognano ?

    Quelli che si sentono furbi, quelli che vivono una vita facile, i predatori insaziabili degli ospedali, i ladri che rubano costruendo i ponti, le canaglie che vivacchiano al Parlamento, quando vedono questa gioventù dagli occhi limpidi che si guadagna la vita, per sognare una medaglia , vendendo empanadas di porta in porta ?
    8 agosto 2012 - Eduardo Escobar
  • Operazione Colomba denuncia la presenza di bande criminali nella comunità di pace di San José de Apartadó

    Colombia: il ritorno dei paramilitari

    Nel mirino anche i volontari del Corpo Nonviolento di Pace dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII
    23 giugno 2012 - David Lifodi
  • L'ENEL e la diga "El Quimbo" contro la Cacicca Gaitana.
    Tra pochi giorni il Rio Madgalena, nel Sud della Colombia, inonderà 8.500 ettari di terre espropriate ai campesiños che coltivano caffé

    L'ENEL e la diga "El Quimbo" contro la Cacicca Gaitana.

    I lavori di una multinazionale a partecipazione ENEL sono stati fermati da uno sciopero dei contadini che lottano per non perdere le loro case, ma il 20 febbraio potrebbe arrivare il corpo antisommossa dell’esercito ......
    12 febbraio 2012 - Ernesto Celestini
Uscito in Italia Nascimiento Volátil, il suo libro di poesie

Colombia: storia di Angye Gaona, poetessa incarcerata dallo stato

Contro di lei una montatura giudiziaria
9 novembre 2012 - David Lifodi

Nella Colombia dove i sindacalisti sono perseguitati, gli indigeni minacciati, i militanti della sinistra eliminati senza troppi complimenti (vedi lo sterminio di Unión Patriótica), gli attivisti impegnati a difendere i diritti umani imprigionati con l’improbabile accusa di terrorismo, i prigionieri politici in costante aumento ed il caso dei falsos positivos (civili uccisi dai militari e fatti passare per guerriglieri) che ha come principale responsabile l’attuale presidente Juan Manuel Santos, anche per i poeti le maglie della libertà d’espressione diventano sempre più strette.

Il caso giudiziario di Angye Gaona è quasi sconosciuto nel nostro paese, eppure la giovane poetessa colombiana è detenuta dal 13 gennaio 2011: adesso si trova  in stato di libertà vigilata in attesa di giudizio. Lo scorso 26 ottobre è uscito in Italia il suo primo libro di poesie,  Nascimiento Volátil, già pubblicato in Colombia nel 2009: un’occasione in più per far conoscere la sua situazione anche nel nostro paese. Poetessa, giornalista, e studentessa presso l’Università di Santander, Angye è stata arrestata al confine con il Venezuela, dove si era recata per presentare il suo libro Los Hijos del viento, con l’inverosimile accusa di narcotraffico. Nata nel 1980 a Bucamaranga e già madre di una bambina di sei anni, Angie Gaona si è impegnata da sempre per la libertà dei prigionieri politici (ne sono incarcerati 7500 in tutto il paese per “delitto d’opinione”), contro le ingiustizie e la povertà strutturale che affliggono un paese ostaggio degli squadroni della morte, quei paras a cui l’ex presidente Uribe aveva permesso l’ingresso  in Parlamento. La poetessa, impegnata attivamente con le radio comunitarie, può vantare l’organizzazione di numerosi eventi culturali nella sua città natale. Inoltre, il Festival Internacional de Poesía di Medellin, così come l’Exposición Internacional de Poesía Experimental, portano la sua firma. Il suo arresto, avvenuto pochi giorni prima di quello che ha condotto in carcere i suoi colleghi di studi universitari Julian Andoni Domínguez e William Rivera Rueda, impegnati insieme a lei nella battaglia per la riforma universitaria, oltre che nel campo dei diritti umani, rischia di costringere Angie a trascorrere almeno venti anni in carcere. Non solo: l’accusa di narcotraffico senza alcuna prova certa, che ha obbligato  il Tribunale di Cartagena a rilasciarla, anche se in libertà vigilata, fino all’agosto 2012 (mese in cui è iniziato il processo), le impedisce di potersi recare all’estero. Se lasciasse il paese, come avrebbe voluto fare per partecipare all’Esposizione Internazionale di Surrealismo in Pennsylvania a cui era stata invitata, sarebbe arrestata con un mandato di cattura internazionale. Dal canto suo lo stato colombiano non sopporta gli intellettuali che ne denunciano i traffici loschi, a maggior ragione una giovane poetessa che, tramite i suoi versi, lo sbugiarda continuamente: di qui l’urgenza di metterla a tacere da parte di una dittatura camuffata da governo democratico e liberale, per il quale stravedono anche i quotidiani italiani.  Solo tra l’aprile e il giugno di quest’anno ricordiamo due articoli di Repubblica, “Lezioni colombiane per l’Italia” e “Santos l’uomo del miracolo colombiano”, dal contenuto molto discutibile, come si evince dagli altrettanto opinabili titoli. Angye Gaona è una prigioniera politica, al pari dei suoi due compagni, in uno stato oppresso da povertà e ingiustizia sociale, ma soprattutto è vittima di una vera e propria montatura giudiziaria. Acquistare una copia di Nascimiento Volátil, diffuso in Italia da Thauma Edizioni, sarebbe utile per far conoscere la storia di Angye. Tra l’altro, l’accusa di narcotraffico da parte di uno stato dove vige una corruzione dilagante è un amaro paradosso. Riacquistare la libertà per Angye resta tuttora molto difficile, anche per la capacità dello stato di capovolgere e distorcere  la realtà dei fatti attraverso un poderoso apparato mediatico.

La criminalizzazione di Angye e della sua poesia dimostra ancora una volta che in Colombia è in corso una guerra per mettere a tacere qualsiasi voce fuori dal coro: senza i poeti, riporta l’appello del coordinamento Que no calle el cantor, non si raggiungerà mai l’ora della pace.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy