Potere alle donne

Le prime operatrici colombiane sulle linee elettriche imparano a mantenere accese le luci

Un lavoro difficile che richiede lunghi periodi lontane da casa, ma l’unica scuola per operatrici su linee ad alta tensione sta cambiando il modo di pensare in un ambiente dominato dagli uomini.
16 gennaio 2023
Soraya Kishtwari
Tradotto da Sandra Silipo per PeaceLink
Fonte:

Due apprendiste che prendono parte al programma di addestramento a La Ceja imparano come riparare i cavi di alimentazione.

Marianela Hernández Valencia sa che cosa vuol dire vivere senza elettricità. “Da bambina sono cresciuta in una casa senza elettricità e per questo dovevamo fare i compiti a lume di candela” racconta. “È stato difficile.”

Oggi Marianela ha 28 anni e insieme ad altre 15 apprendiste spera di essere una delle prime donne colombiane di sempre a diplomarsi come operatrice sulle linee ad alta tensione a La Ceja, una piccola città a circa 40km a sud est di Medellín, la seconda città della Colombia.

Gli operatori sulle linee ad alta tensione si arrampicano su torri e linee di trasmissione alte decine di metri per installare e riparare i cavi di alimentazione. Spesso sono i primi a intervenire dopo una bufera o un disastro naturale e di solito passano lunghi periodi lontano da casa.

Equipaggiate con cinture e imbracature di sicurezza, le prime apprendiste si riuniscono intorno agli istruttori per ascoltare un discorso motivazionale prima di cominciare l’addestramento.

Si sono diplomate alla fine di un progetto pilota durato un anno e guidato dall’ISA, la più grande azienda per il trasporto dell’energia elettrica in America Latina, insieme alla società di formazione Tener Futuro. Adesso hanno la garanzia di un lavoro con due imprese: o Instelec o Salomón Durán. Le studentesse imparano sul campo come lavorare in sicurezza, come usare l’equipaggiamento e come legare i nodi.

Dal momento che molte aziende cercano di diversificare l’ambiente di lavoro, per le donne sembrerebbe il momento migliore per inserirsi in questo settore. Eppure sono poche a prendere in cosiderazione la possibilità di fare domanda. Gli organizzatori del programma hanno l’obiettivo di cambiare lo stato delle cose indirizzando l’apprendistato solo alle donne e offrendo loro uno spazio sicuro dove imparare. A una settimana dal bando, 723 donne avevano espresso il loro interesse.

Un’apprendista fissa in posizione un isolante di porcellana per impedire che i cavi sotto tensione entrino in contatto gli uni con gli altri o con il traliccio del telefono. Un’operatrice sulle linee ad alta tensione solitamente porta appesi alla cintura da 9 a 13,5 kg.

“Lavorare con l’elettricità mi ha sempre affascinato”, spiega Hernández Valencia, che una volta lavorava come aiuto elettricista. “È indescrivibile la sensazione che si prova quando si riesce a riaccendere la luce e i volti dei bambini si illuminano.”

Hernández Valencia gestiva un ristorante a Medellín quando il suo compagno (un operatore su linee ad alta tensione) la informò che era in corso una campagna di reclutamento. La sua domanda venne accettata, ma dopo due settimane di addestramento il suo compagno le sferrò un colpo a sorpresa.

“Quando siamo arrivate, per alcune settimane abbiamo lavorato a fianco di un altro gruppo di apprendisti. Erano uomini, e il mio compagno non era contento. Aveva insistito lui che mi iscrivessi e adesso all’improvviso mi stava dicendo che dovevo scegliere tra lui e il corso”, racconta. “Io ho scelto di continuare il corso.”

Apprendiste durante l’addestramento. Alla fine del corso tutte le diplomate hanno la garanzia di un lavoro.

Il rifiuto di rinunciare al corso e, di conseguenza, la rottura della relazione hanno reso Hernández Valencia ancora più determinata. Il suo istruttore dice che è una studentessa eccellente e che si sta affermando come leader del gruppo.

Mentre la gente è generalmente favorevole nei confronti delle apprendiste, alcuni commenti online sono negativi, altri maschilisti.

“In Colombia abbiamo identità culturali molto complesse”, spiega Claudia Laguna, che lavora per l’ISA come ingegnere ed esperta in progetti aziendali e che ha ideato questo progetto. “Le donne sono molto in gamba, ma sono sempre state messe da parte.”

Da più di 10 anni la rete elettrica copre il 95% del territorio della Colombia, ma l’accesso è difficile nelle aree più remote. Le stime dicono che, nel 2020, 1 milione 900 mila colombiani non avevano ancora accesso all’elettricità.

Gli operatori attivi sulle linee ad alta tensione sono circa 2500 e viene stimato che altri 500 sono necessari per tenere il passo con la domanda di elettrificazione; il programma è di costruire tra i 1200 e i 2500 km di nuove linee elettriche entro il 2025.

Dopo due mesi di addestramento, la maggior parte delle studentesse hanno vinto la paura dell’altezza, ma ci vuole del tempo per padroneggiare l’arte di muoversi lungo un cavo.

In senso orario: Gli uffici e gli alloggi dell’Università Cattolica dell’Est dove è situato il campo di addestramento per le operatrici; le apprendiste imparano a legare dei nodi particolari e a usare i vari tipi di corde, le imbracature e il paranco; strumenti di lavoro; alle cinque del pomeriggio, dopo i commenti degli istruttori, le donne rientrano nelle loro stanze per parlare con le famiglie.

Le apprendiste di età tra i 17 e i 31 anni ricevono stipendio e alloggio. Per coloro che completano il programma, si presenta anche l’opportunità di viaggiare.

Ma tutto questo richiede dei sacrifici. La maggior parte delle donne sono madri che probabilmente hanno dovuto prendere decisioni difficili riguardo alla custodia dei figli. Diana Lizeth Lizarazo Moreno ha cominciato il programma quando la figlia più piccola aveva 18 mesi. Quando sua nonna è morta, ha ricevuto una dispensa speciale per ritornare a casa per il funerale.

“Mia figlia non mi riconosceva. In pochissimo tempo si era affezionata a mia sorella”, racconta. “È difficile, ma almeno so che è in buone mani.”

Diana Lizeth Lizarazo Moreno, madre di due figli, e Jessica Osorio, 23 anni, che ha interrotto gli studi di biotecnologia.

L’addestramento è difficile. Ogni giorno le operatrici portano di solito tra 9 e 13,5 kg appesi solamente alla cintura. Ma le donne hanno qualità che vanno al di là della forza fisica, dice Laguna, “come l’attenzione ai dettagli e la capacità di garantire risultati sicuri”.

La forza mentale è un fattore chiave. “Devi essere capace di mantere il sangue freddo, specialmente quando succede qualcosa di inaspettato e tu ti trovi in alto su una torre”, spiega Lizarazo Moreno.

Arrampicarsi per decine di metri e trasportare un equipaggiamento pesante all’altitudine di La Ceja talvolta causa dei giramenti di testa.

Tutte le donne iscritte al programma dicono che sono diventate più sicure di sé.

“Devi avere fiducia in te stessa, ma anche nella tua squadra”, dice Jessica Osorio, 23 anni, a cui rimaneva solo un anno per completare la laurea in ingegneria biotecnologica quando ha deciso di interrompere gli studi. “Volevo mettermi alla prova e ho scoperto di amare questo lavoro.”

A un mese dalla fine della prima fase dell’addestramento restano solo 15 delle 30 donne che avevano cominciato.

“Un certo numero di candidate non aveva passato l’esame medico. Una volta che abbiamo selezionato le 30 finaliste, è entrata in gioco una combinazione di fattori: dal rendersi conto improvvisamente che dovevano lasciare la casa e la famiglia (e in molti casi i figli), alle difficoltà logistiche e quelle legate alla custodia dei figli; dall’insicurezza, alla necessità di fare i conti con quello che pensava la gente”, spiega Laguna.

Un telefonino mostra una foto ricordo. Dover passare molto tempo lontane dalla famiglia è uno dei motivi per cui alcune apprendiste si ritirano dal corso.

Ma il settore si è impegnato ad aprirsi alle donne e per il 2023 sono in programma tre gruppi di 20 donne, aggiunge.

“In fin dei conti, si tratta di creare una catena virtuosa e di credere che, sostenendo queste donne adesso, si pongono le fondamenta per generare valore sostenibile in futuro.”

Tradotto da Sandra Silipo per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • Colombia: il cambiamento di Gustavo Petro e Francia Márquez
    Latina
    Estromessi i militari responsabili delle violazioni dei diritti umani

    Colombia: il cambiamento di Gustavo Petro e Francia Márquez

    Il presidente lavorerà per la pace totale
    22 agosto 2022 - David Lifodi
  • Colombia: la rivincita de los de abajo
    Latina
    Per la prima volta la sinistra governerà il paese

    Colombia: la rivincita de los de abajo

    Nel ballottaggio di ieri, 19 giugno, Gustavo Petro e Francia Márquez conquistano Palacio Nariño. Ce l’hanno fatta nonostante le minacce di morte e le intimidazioni che li hanno costretti a sospendere per un breve periodo la campagna elettorale, in un clima caratterizzato da estrema violenza
    20 giugno 2022 - David Lifodi
  • Colombia: cambiamento o status quo?
    Latina
    Il 19 giugno, ballottaggio fra Gustavo Petro e Rodolfo Hernández

    Colombia: cambiamento o status quo?

    Da una parte la visione di uno Stato progressista, dall’altro quella di un Paese che è sempre stato amministrato da un’oligarchia senza scrupoli.
    14 giugno 2022 - David Lifodi
  • Colombia: sulla strada di Gustavo Petro verso Palacio Nariño si intromette Hernández
    Latina
    Rodolfo Hernández ha guadagnato voti grazie alla sua retorica populista e qualunquista

    Colombia: sulla strada di Gustavo Petro verso Palacio Nariño si intromette Hernández

    Nel ballottaggio del 19 giugno l’oligarchia si aggrapperà a questo ingegnere civile di 77 anni per mantenere i propri privilegi
    30 maggio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)