Pace

RSS logo

Mailing-list La nonviolenza è in cammino

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista La nonviolenza è in cammino

...

Articoli correlati

4 Novembre. Ogni vittima ha il volto di Abele

Vergogna e lutto per la carneficina di ogni guerra. Mobilitazione contro le spese militari e gli F35

Proposta di una giornata d'impegno contro la guerra promossa da Movimento Nonviolento, PeaceLink e Centro di ricerca per la pace di Viterbo.
25 ottobre 2011 - Alessio Di Florio

Taglia le ali alle armi

Sono diversi anni che PeaceLink denuncia il carattere militarista e mistificatorio della realta' storica del 4 novembre, giorno in cui si dovrebbe esprimere la vergogna e il lutto per l'orrenda carneficina della prima guerra mondiale, e non festa per una presunta vittoria. Quindi non puo' che sostenere, partecipare e far conoscere la campagna "Ogni vittima ha il volto di Abele".
E' quest'anno ancor piu' importante. Nel centesimo anniversario della prima avventura militare italiana in Libia (se si imparasse che "historia magistrae vitae" quanto il progresso umano farebbe un balzo in avanti), nel decimo anniversario dell'inizio della guerra in Afghanistan e della "guerra infinita", festeggiare una guerra è un crimine e un atto disumano. Oggi, come cinquant'anni fa, facciamo risuonare e ascoltiamo l'appello che Aldo Capitini lancio' al termine della Marcia Perugia-Assisi: con la nonviolenza diciamo no ad ogni guerra, bandiamola dal futuro dell'umanita'. E' questo l'unica umana scelta per commemorare i morti della prima guerra mondiale, per ricordare i morti di ogni guerra.


Siamo nel pieno di una profonda crisi economica che sta minacciando la liberta', la dignita' e i diritti di tutti. Sono quindi ancor più scandalosi gli immensi investimenti nella radice di ogni guerra: gli armamenti.
L'Italia ha speso in dieci anni in Afghanistan quasi 4 miliardi di euro, nello stesso periodo Emergency con poco piu' dell'1% di quell'importo ha realizzato tre Centri chirurgici, un Centro di maternita', una rete di 29 Posti di primo soccorso e Centri sanitari, curando oltre tre milioni di persone. Mentre vengono minacciati lo stato sociale e il sistema scolastico, che tutelano i piu' deboli e il futuro dell'Italia, si continua sciaguratamente a voler acquistare 130 cacciabombardieri d'attacco Joint Strike Fighter F-35. Rinunciando ad un solo cacciabombardiere la Rete Disarmo ha denunciato che si potrebbero costruire 183 asili per 12.810 bambine e bambini. La Rete Disarmo chiede di sostenere la mobilitazione contro quest'assurda e disumana scelta firmando la petizione su www.disarmo.org e aderendo su www.facebook.com/taglialealiallearmi


Il 4 novembre saremo nelle piazze e nelle strade d'Italia anche per questo. Davanti alle carneficine di oggi e di ieri, a tutte le guerre e alle loro vittime, una volta per tutte si svuotino gli arsenali e si riempiano i granai (e si diano risorse per scuole, ospedali, centri d'accoglienza per i poveri, etc.) come ebbe a dire il compianto Presidente della Repubblica Sandro Pertini.

Note:

Approfondimenti sull'iniziativa "Ogni vittima ha il volto di Abele"
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/2011/10/maillist.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy