Comunicato stampa

Altri schieramenti per la messa in sicurezza della discarica di rifiuti speciali di Bussi

Ci piacerebbe unire le forze e le voci per ottenere una messa in sicurezza di emergenza non di facciata e non incompleta, come quella che pare sia stata preparata dal Commissario, che andrebbe a coprire solo superficialmente la discarica non interrompendo invece la percolazione dei veleni nelle falde e nel fiume!
12 marzo 2010
Comitato Bussiciriguarda (EcoIstituto Abruzzo, Italia Nostra, MareVivo, MILA-Donnambiente)

Apprendiamo, con piacere, che anche il WWF è schierato per l’immediata messa in sicurezza di emergenza del sito inquinato di Bussi. Già da mesi, in quanto parte offesa nel processo, abbiamo fornito alle varie redazioni le documentazioni ufficiali sui terribili veleni che a tonnellate – da oltre 47 anni – inquinano pozzi, falde, suoli e catene alimentari di tutte le popolazioni della Valpescara e stiamo chiedendo ad ogni altra associazione, non necessariamente ambientalista, di unire le forze per il risanamento della valle più importante d’Abruzzo.


Ricordiamo che la legge vigente obbliga la messa in sicurezza di emergenza, sulla quale c’è un ritardo di anni e per la quale, limitatamente alla discarica Montedison dinanzi alla stazione di Bussi, la responsabilità è a capo del Commissario Governativo. E’ per questo che abbiamo, nel 2009, diffidato il Commissario a procedere nella messa in sicurezza; è per questa diffida che noi riteniamo, forse erroneamente (ma niente finora ci ha smentito), che qualche cosa si stia muovendo solo dopo di essa; pensiamo anche che ad essa vada fatta risalire la pervicace volontà dei difensori Montedison a desiderare l’esclusione delle nostre associazioni come parte civile nel processo! Abbiamo già ottenuto l’ufficiale adesione dei Medici per l’Ambiente e siamo quindi soddisfatti della posizione del WWF, di cui peraltro non dubitavamo. Ci piacerebbe perciò unire le forze e le voci, dal WWF alle altre associazioni ambientaliste, della sanità, delle categorie produttive primarie e civiche in generale, per ottenere una messa in sicurezza di emergenza non di facciata e non incompleta, come quella che pare sia stata preparata dal Commissario, che andrebbe a coprire solo superficialmente la discarica non interrompendo invece la percolazione dei veleni nelle falde e nel fiume!

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Processo ai manifestanti, tutti assolti
    Taranto Sociale
    Taranto

    Processo ai manifestanti, tutti assolti

    I fatti risalgono al 2011, vi fu una protesta davanti alla discarica Italcave
    7 febbraio 2017 - Alessandro Marescotti
  • Abruzzo, valanghe, seveso, megadiscariche e altro ...
    PeaceLink Abruzzo

    Abruzzo, valanghe, seveso, megadiscariche e altro ...

    L'emergenza neve-terremoto contro cui si sta combattendo in questi giorni. E riflessioni su realtà del territorio che hanno radici profonde ...
    22 gennaio 2017 - Alessio Di Florio
  • La lobby degli inquinatori esulta
    Taranto Sociale
    Puglia, in Consiglio Regionale passa una proroga che vanifica la funzione di Odortel, l'esperimento di monitoraggio ambientale che coinvolge i cittadini

    La lobby degli inquinatori esulta

    Sono ritornati alla carica per difendere le lobby di chi inquina, e questa volta lo fanno prorogando i termini della legge 23/2015 sulle emissioni odorigene. Un anno fa, con un comunicato, PeaceLink aveva suscitato clamore e le manovre erano state bloccate. Arpa Puglia aveva espresso severe critiche. Come mai tutto ciò è passato nel più assoluto silenzio?
    9 febbraio 2016 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)