Azione dimostrativa sul Ponte sul Mare e volantinaggio

Bussiciriguarda e la giornata mondiale dell'acqua

A tre anni dalla scoperta delle megadiscariche, nulla è stato fatto, nelle aree esterne alla Solvay, nonostante la presenza di un commissario governativo, con pieni poteri di protezione civile e che è stato dalle stesse associazioni già diffidato ad agire
23 marzo 2010
Comitato Bussiciriguarda (EcoIstituto Abruzzo, Italia Nostra, MareVivo, MILA-Donnambiente)



http://www.ecoab.it/bussiciriguarda/wp-content/imagerotator.swf" name="so2" class="slideshow" type="application/x-shockwave-flash" height="360" width="480">


The World Water Day (giornata mondiale dell’acqua) è stato istituito dalla Conferenza sull’Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite (United Nations Conference on Environment and Development, UNCED). Essa rappresenta ogni anno, dal 1993, un’occasione per focalizzare l’attenzione su uno specifico aspetto della critica questione dell’acqua dolce, con particolare riguardo alle prospettive di accessibilità e sostenibilità delle risorse di questo bene. Il tema scelto per il 2010 è la qualità dell’acqua : acqua pulita per un mondo salutare (“Clean Water for a Healthy World”).


http://www.ecoab.it/bussiciriguarda/wp-content/plugins/vipers-video-quicktags/resources/jw-flv-player/player.swf" type="application/x-shockwave-flash" height="300" width="400">http://www.ecoab.it/bussiciriguarda/video/Bussiciriguardapontemare21-3-2010.flv&;volume=100&bufferlength=15&backcolor=FFFFFF&frontcolor=000000&lightcolor=000000&screencolor=000000&image=http://www.ecoab.it/bussiciriguarda/video/Bussiciriguardapontemare21-3-2010.jpg" name="flashvars">


Gli esponenti delle Associazioni Ecoistituto Abruzzo, Italia Nostra, Marevivo, Mila Donnambiente hanno celebrato, a Pescara, la giornata distribuendo un volantino (Bussiciriguardapontemare21-3-2010) ul lungomare e nell’area portuale. E’ stata scelta la foce del fiume per ricordare che tutti gli inquinanti, alla fine, si riversano in mare. Con il volantino si è voluto riportare l’attenzione sull’ l’inquinamento delle acque dai siti contaminati di Bussi sul Tirino, mentre un gruppo ha steso uno striscione sul Ponte del Mare. Gli esponenti delle associazioni di protezione ambientale, che da anni hanno dato vita al coordinamento “Bussiciriguarda” e che, insieme, patrocinate dall’avvocato Veronica Dini, del foro di Milano, si sono costituite “parte offesa” nel processo e hanno avanzato istanza di costuituzione di “Parte civile” (che si deciderà nell’udienza del prossimo 12 aprile), denunciano che a tre anni dalla scoperta delle megadiscariche, nulla è stato fatto, nelle aree esterne alla Solvay, nonostante la presenza di un commissario governativo,con pieni poteri di protezione civile e che è stato dalle stesse associazioni già diffidato ad agire. Chiedono che si proceda, come prevede la legge:


  • alla messa in sicurezza dei siti da cui continuano a diffondere veleni nelle acque del fiume, in quelle sotterranee e nei suoli;

  • che la Regione attivi l’istituto Superiore di Sanità per l’effettuazione di una indagine epidemiologica per conoscere finalmente, i riflessi che ha avuto sulla salute delle popoazioni l’inquinamento chimico;

  • l’ “analisi di rischio ambientale e sanitario” per individuare le fonti di rischio per la salute e poter adottare gli opportuni interventi preventivi.

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Processo ai manifestanti, tutti assolti
    Taranto Sociale
    Taranto

    Processo ai manifestanti, tutti assolti

    I fatti risalgono al 2011, vi fu una protesta davanti alla discarica Italcave
    7 febbraio 2017 - Alessandro Marescotti
  • Abruzzo, valanghe, seveso, megadiscariche e altro ...
    PeaceLink Abruzzo

    Abruzzo, valanghe, seveso, megadiscariche e altro ...

    L'emergenza neve-terremoto contro cui si sta combattendo in questi giorni. E riflessioni su realtà del territorio che hanno radici profonde ...
    22 gennaio 2017 - Alessio Di Florio
  • La lobby degli inquinatori esulta
    Taranto Sociale
    Puglia, in Consiglio Regionale passa una proroga che vanifica la funzione di Odortel, l'esperimento di monitoraggio ambientale che coinvolge i cittadini

    La lobby degli inquinatori esulta

    Sono ritornati alla carica per difendere le lobby di chi inquina, e questa volta lo fanno prorogando i termini della legge 23/2015 sulle emissioni odorigene. Un anno fa, con un comunicato, PeaceLink aveva suscitato clamore e le manovre erano state bloccate. Arpa Puglia aveva espresso severe critiche. Come mai tutto ciò è passato nel più assoluto silenzio?
    9 febbraio 2016 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)