Assemblea Autoconvocata Firenze

No cpt, aggressione al Piazzale: tentano di dar fuoco a striscioni

In pieno giorno, quattro persone hanno cercato di dar fuoco agli striscioni contro i Cpt affissi all'auto dove per tre giorni ha vissuto Gigi Ontanetti
20 luglio 2008

Quattro uomini fiorentini (tra i 35 e i 40 anni) riusciti poi ad allontanarsi, hanno cercato di dar fuoco stamani, verso mezzogiorno agli striscioni affissi all'auto sulla quale è montata la gabbia per la protesta contro i Cpt in corso da giorni a Firenze. Sul posto sono intervenuti carabinieri e la digos.

All'interno della gabbia, in rete metallica e filo spinato, montata su un fuoristrada, da venerdì manifesta contro i Cpt Gigi Ontanetti, che ha preso il posto dell'attore Saverio Tommasi, ideatore della protesta, rimasto rinchiuso per tre giorni.

Sull'episodio di stamani è intervenuta Ornella De Zordo, capogruppo in consiglio comunale di Unaltracitta'unaltromondo, per esprimere solidarietà a Ontanetti e auspicare «che gli aggressori siano prontamente identificati e duramente puniti. Si è trattato di un'aggressione potenzialmente pericolosissima e di un gesto di intolleranza inqualificabile nei confronti di una protesta civile e nonviolenta».

Articoli correlati

  • No ad ogni rigurgito xenofobo e anti-migranti. Non sono nemici e non minacciano nessuno né tolgono diritti
    PeaceLink Abruzzo

    No ad ogni rigurgito xenofobo e anti-migranti. Non sono nemici e non minacciano nessuno né tolgono diritti

    Davanti al dramma di chi cerca di giungere in Europa per fuggire da guerre, miseria, persecuzioni politiche e al fallimento delle attuali politiche sulle migrazioni, l’azione comune deve essere quella per costruire Comunità civili, solidali e accoglienti in Italia e in tutta Europa. Comunità dove non si spendano immensi patrimoni solo per salvare le banche e comprare armi ma basate sull’equità economica e sul riconoscimento dei diritti di tutti, come richiesto anche dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e da altre convenzioni internazionali.
    28 aprile 2015 - Alessio Di Florio
  • Altro che favoritismi, i migranti in Italia trovano sfruttamento e diritti violati
    PeaceLink Abruzzo

    Altro che favoritismi, i migranti in Italia trovano sfruttamento e diritti violati

    Quel che sostiene la recente iniziativa contro i rifugiati politici, avvenuta anche a Vasto e Ortona, non corrisponde a quello che quotidianamente vivono migliaia di migranti
    14 aprile 2015 - Alessio Di Florio
  • Il processo è a rischio prescrizione
    Migranti
    Torture al Cpt di Lecce Regina Pacis

    Il processo è a rischio prescrizione

    Cesare Lodeserto fu condannato in primo grado per "gravi violenze con sevizie e crudeltà"
    Stefano Mencherini
  • Migranti

    Guerra per decreto

    C’è puzza di bruciato in giro. E non viene solo dal centro per l’internamento e l’espulsione degli immigrati di Lampedusa dopo l’ennesima rivolta. Sta bruciando il nostro presente, come il nostro passato prossimo già nell’oblio.
    3 marzo 2009 - Stefano Mencherini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)