Diritti Animali

Ecco cosa significherà per gli animali la nuova strategia dell' Unione Europea sui test dei prodotti chimici

Nonstante la promessa di ridurre del 50% entro il 2000 l'uso degli animali nei test chimici nei laboratori europei, la nuova politica chimica dell'unione si avvia ad assassinare milioni di animali in orribili test chimici
22 giugno 2004
Stop EU Chemical Tests
Fonte: http://www.stopeuchemicaltests.com - 29 ottobre 2003


Il 29 ottobre 2003 le peggiori paure della comunità per i diritti degli animali si sono realizzate con la pubblicazione della bozza finale dell'EU per una Nuova Politica Chimica: migliaia di prodotti chimici che sono già in uso verranno "testati" tramite una serie di datati, crudeli ed inaccurati test sugli animali. Invece i test NON sugli animali sono più veloci, più economici, eticamente accettabili ed indicherebbero una nuova, moderna via alla chimica.

Ecco alcuni dettagli:

- a differenza di ciò che accade negli Stati Uniti, dove il pubblico è informato dei propositi di nuovi test sugli animali e gli è data l'opportunità di controbattere, nei paesi dell'Unione i test animali sono condotti in gran segreto per chiudere la bocca in partenza all'opinione pubblica.

- nonostante l'affermazione dell'Unione che i test sugli animali vanno ridotti al minimo, la legislazione chimica europea non include alcuna sanzione per la mancata osservanza della suddetta dichiarazione.

La Peta (People for Ethical treatment of Animals) e l'Unione britannica per l'abolizione della vivisezione (BUAV) stanno organizzando una campagna per un approccio più razionale ai test chimici. Sappiamo che più di 300 prodotti sintetici chimici contaminano il corpo umano e crediamo che gli sforzi per bandire o ridurre severamente questi contaminanti deve aver la priorità sul massivo e confusionario proposito di testare e ritestare migliaia di prodotti chimici comuni e già in uso. Come il Dr. Joshua Lederberg, premio Nobel per la Medicina scrisse nel 1981: ' E' semplicemente impossibile anche con tutti gli animali del mondo andare alla cieca testando tutti i prodotti chimici e raggiungere conclusioni credibili sul rischio per la salute umana'.
Adesso, più di 20 anni dopo, milioni di animali continuano ad agonizzare e morire in inutili, assolutamente inefficai test chimici di tossicità.

Articoli correlati

  • Come 14 milioni di automobili
    Disarmo
    L'impatto ambientale della militarizzazione in Europa

    Come 14 milioni di automobili

    E' stato pubblicato uno studio pioneristico ma parziale, per via della mancanza di dati in questo ambito, e che getta un primo allarmante sguardo sul reale impatto ambientale delle attività militari. Gli autori si sono concentrati su 6 stati dell'Unione Europea, tra cui l'Italia.
    12 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • La spesa militare al tempo del Covid-19: così la pandemia aumenta le diseguaglianze
    Disarmo
    Potenti attori che spingono per l’avventurismo e per le spese militari

    La spesa militare al tempo del Covid-19: così la pandemia aumenta le diseguaglianze

    La crisi globale causata dalla pandemia del COVID-19 potrebbe avere ripercussioni geostrategiche significative
    8 dicembre 2020 - Rossana De Simone
  • Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?
    Disarmo

    Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?

    Unione Europea e NATO devono collaborare e convincere i loro stati membri a sviluppare la tecnologia 5G
    4 ottobre 2020 - Rossana De Simone
  • Ursula Hirschmann
    Europace
    Celebrando i 70 anni dell'Unione europea

    Ursula Hirschmann

    Ricordiamo Ursula Hirschmann, madre fondatrice degli Stati Uniti d'Europa. Dovette sfuggire a una doppia persecuzione, in quanto ebrea e antinazista. Insieme ad Altiero Spinelli ha prefigurato una federazione europea dotata di un Parlamento eletto a suffragio universale e di un governo democratico
    14 maggio 2020 - Virginia Mariani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)