Conflitti

Perchè?

6 agosto 2006
Cindy Sheehan

Il mio viaggio verso la Giordania dall'aeroporto John Fitzgerald Kennedy a
New York, e' cominciato con sapore mediorientale ieri. Mentre mi trovavo
ancora all'aeroporto, infatti, un signore mi si e' avvicinato. Era un
profugo iracheno, che ora vive in Giordania. Mi ha riconosciuta, e mi ha
detto che era onorato di conoscermi e grato per il mio impegno, ma voleva
anche trasmettermi qualcosa. Ha detto che il popolo iracheno e' riconoscente
per cio' che il movimento pacifista sta facendo negli Usa per porre fine
all'occupazione, ma che per il suo paese era ormai "troppo tardi".
Ha aggiunto che chiunque poteva andarsene lo aveva fatto, e che la maggior
parte del suo paese era al di la' delle possibilita' di ricostruzione. La
leggendaria Babilonia, che e' esistita per secoli e secoli, non e' durata
tre anni dopo che ci sono arrivati gli americani. Centinaia di migliaia di
iracheni morti, da aggiungere all'oltre un milione di quelli che sono morti
durante il periodo delle sanzioni.
Il signore mi ha informato tristemente che gli americani non stanno facendo
nulla per fermare la violenza settaria in Iraq,e che anzi la incoraggiano,
e che lui aveva ormai ben poca speranza per il futuro del paese in cui e'
nato e che ama.

All'aeroporto Queen Alia di Amman, io e il mio gruppo siamo stati accolti da
Munther, che ha lavorato con il governo giordano e come consulente per le
ong per molti anni. E' stato uno dei facilitatori che aiutarono, nel 1999,
ad arrivare all'accordo di pace fra Giordania e Israele. E' un esperto per
tutto cio' che riguarda l'acqua e l'agricoltura. Si ritiene fortunato a
vivere in Giordania con la sua famiglia, ma in passato gli hanno sparato, ed
hanno persino lanciato razzi sulla sua casa, a causa del suo impegno
pacifista. Munther capisce bene che una pace vera e duratura non puo' essere
raggiunta tramite una guerra eterna, ed ha pagato un duro prezzo per i suoi
convincimenti.
*
Ma la testimonianza piu' terribile del giorno e' stata quella della
dottoressa Nada, una medica irachena che e' rimasta a Baghdad ad aiutare la
sua gente durante il periodo delle sanzioni e poi durante l'invasione.
Primario in un grande ospedale di Baghdad, la dottoressa Nada dice che le
sanzioni hanno ucciso due milioni di bambini. I piccoli morivano per
l'uranio impoverito lasciato dal primo errore del Golfo compiuto dal primo
George. Morivano di guerra, di inquinamento e malattie, ma anche perche' non
c'erano medicine con cui curarli.
All'incontro, la dottoressa ha portato con se' la piccola Farrah, di tre
anni, figlia di un'amica. Una bimba dai corti capelli scuri e dai grandi
occhi castani. C'erano un mucchio di bambini all'aeroporto Queen Alia ieri,
e dozzine di essi che giocavano attorno all'albergo. Il mio cuore scoppia
dal dolore quando penso a tutti i piccoli in Iraq, in Palestina, in Libano,
che vivono esistenze orribili e la cui vita viene troncata dalla malvagia
macchina della guerra che sembra dirigere il nostro mondo.
La dottoressa Nada ci ha raccontato dei sette giorni strazianti che ha
passato in un pronto soccorso di Baghdad, dal 2 al 9 aprile del 2003. Cento
persone ferite all'ora arrivavano all'ospedale, e molte sono morte perche'
non era possibile soccorrerle in tempo. La dottoressa Nada era responsabile
del "triage" e doveva continuare a lavorare sapendo che il paziente numero
cento di quell'ora sarebbe quasi certamente morto. Le persone operate
venivano stipate nelle sale d'aspetto, e neppure identificate. La dottoressa
ha detto che ricorda quel periodo come "parti amputate di corpi che
nuotavano in un mare di sangue". Lei e' rimasta in Iraq per tutti quegli
anni, ma ora vive in Giordania. Non poteva piu' sopportare la continua
violenza delle milizie, delle squadre delle morte, i rapimenti, e tutto il
resto. "Anche se gli americani non avessero ucciso un solo innocente in
Iraq", mi ha detto, "essi hanno responsabilita' in ogni morte, perche' non
stanno proteggendo gli iracheni, e l'occupazione fomenta la violenza".
*
Domani io lascero' la Giordania per andare a Camp Casey, a cercare di
confrontarmi con George Bush sugli orrori delle sue politiche fallimentari
in Medio Oriente. Abbiamo saputo che comincera' le sue vacanze laggiu' il 9
agosto.
Munther commentava la cosa con me, ieri. Diceva che non poteva credere che
George Bush non avesse ne' il coraggio ne' la cortesia di incontrarmi. Gli
ho risposto: "Non ha neppure il coraggio di stare nella stessa citta' con
me, ormai". Questo cowboy vigliacco ed i suoi amici, cosi' svelti nel
condannare bambini ad una fine precoce, devono essere messi di fronte alla
realta' dei loro crimini. Dobbiamo essere ostinati e perseveranti per la
pace, nella pace, quanto essi lo sono per la guerra.
Io non posso piu' sopportare di vedere altre innocenti Farrah ed altri
innocenti Casey assassinati. Percio' domenica saro' di nuovo seduta in quel
fossato, a ripetere la stessa domanda: "Perche'?".

Note: traduzione di Maria G. Di Rienzo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)