Conflitti

Diario dall'Afghanistan #1

Tornare in Asia e' sempre un'esperienza che mi emoziona enormemente.

1 maggio 2003 - Luca Lo Presti

Ogni volta quando si scende dall'aereo e' come immergersi nuovamente in un
flusso di colori, di odori, di sapori e sensazioni insomma di una vita che
ti rendi conto di non aver mai dimenticato, ma di aver solo messo in un
angolo del cuore per riprendertela appena possible.

Sono ormai quasi vent'anni che viaggio in quest'area di mondo dall'India al
Pakistan, in Nepal, Afghanistan e ogni volta venivo per turismo, per
ricerca nel campo delle violazioni dei diritti umani, per lavoro, ma questa
volta e' diverso. Oggi partiro' per Kabul da Islamabad, capitale del
Pakistan, per andare a costruire insieme alle fantastiche e coraggiose
donne di HAWCA (Humanitarian Assistance for Women and Children of
Afghanistan) un nuovo progetto per le donne mendicanti di Kabul con Pangea,
la Fondazione che dal luglio scorso e' nata grazie all'impegno di alcuni
operatori ed esperti nel campo della ricerca sulle violazioni di diritti
umani.

Questa giornata che ho passato a Islamabad e' stata a dir poco irreale, in
cittá non si vede un occidentale, cosa completamente diversa da appena un
anno fa quando pullulava soprattutto del carrozzone mediatico che ora
affolla le piste sabbiose dell'Iraq, quasi senza piú memoria e attenzione
per una realtá che si e' voluto dimenticare e considerare stabilizzata.
Riportata alla tranquillitá, quando non passa settimana senza che qualche
neo governatore delle diverse regioni dell'Afghanistan non scateni
scaramucce piú o meno violente contro un vicino, vecchio signore della
guerra rivale.

Mentre giro per i mercati, colgo l'occasione per andare a trovare Salib, il
mio amico venditore di tappeti, compagno di interminabili trattative sul
prezzo dei suoi meravigliosi tappeti. E lui dopo un abbraccio acaldissimo e
lungo mi conferma che Islamabad e tornata la capitale irreale e di
rappresentanza di sempre, in cui il governo tenta di accentrare un potere
che sente sfuggirsi di mano nelle regioni di confine. Soprattutto sul
border line con l'Afghanistan, che e tornata ad essere la zona di nessuno
in cui ora si incrociano anche i marines americani a caccia di terroristi
ancora e sempre piú invisibili.

Ora devo proprio andare, fa molto caldo e abbiamo l'aereo tra 1 ora.
Questa sera saro a Kabul, nella citta' dimenticata.

Luca Lo Presti

Note: A partire dal 1 Maggio 2003 il sito www.peacelink.it pubblica le
lettere inviate da Luca Lo Presti, presidente della Fondazione Pangea
Onlus, che insieme alla fotografa e ricercatrice Stefania Scarpa sara' a
Kabul per seguire l'avvio del progetto Jamila, promosso da Pangea insieme
all'associazione locale HAWCA (Humanitarian Assistance for Women and
Children of Afghanistan

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)