Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • G4-EU: Patetica rappresentazione di Merkel, Sarkozy, Berlusconi e Brown.
    Riunione dei capi di Stato di Gran Bretagna, Francia, Italia e Germania sulla crisi finanziaria internazionale

    G4-EU: Patetica rappresentazione di Merkel, Sarkozy, Berlusconi e Brown.

    I quattro leader politici non hanno trovato alcun accordo europeo su una crisi mondiale di fronte alla quale non è sufficiente rispondere con un semplice coordinamento di politiche nazionali.
    5 ottobre 2008 - Nicola Forlani
  • Sarkozy e Brown

    Nuova leadership della vecchia Europa

    Il resoconto di un seminario tenutosi all'Università di Bologna.
    10 dicembre 2007 - Leopoldo Bruno
  • I consumi e le emissioni in atmosfera

    Quanto inquina la guerra

    Un aereo da caccia tipo F-15E Strike Eagle o F16 Falcon consuma circa 16.200 litri/ora. Un carro armato Abrams M1 ha bisogno di 450 litri per fare 100 chilometri.
    17 agosto 2004 - Luca Mercalli
  • 53,500 MegaWatt

    Record storico assoluto dei consumi di elettricità
    23 luglio 2004 - Giacomo Alessandroni
Estratto dal libro di Lester Brown, nuovo uscito in libreria

Piano B. Una strategia di pronto soccorso per la Terra

Modifiche al sistema fiscale per internalizzare i costi ecologici.
20 aprile 2004 - Lester Brown
Fonte: Boiler, giornale di scienza, innovazione, ambiente

Il Piano B è una massiccia mobilitazione tesa a sgonfiare la bolla economica internazionale prima che esploda. Evitare l'esplosione della bolla richiederà un livello di cooperazione internazionale senza precedenti per stabilizzare la popolazione, il clima, le falde idriche e i suoli, il tutto a un ritmo da tempo di guerra. Infatti, sia per dimensioni che per urgenza, l'impegno richiesto è paragonabile alla mobilitazione degli Stati Uniti durante della Seconda guerra mondiale. La nostra unica speranza è un rapido cambiamento del sistema, un cambiamento basato su quei segnali del mercato che dichiarano la verità ecologica. In altre parole, bisogna ristrutturare il sistema fiscale: abbassare le tasse sul reddito e alzare quelle sulle attività che creano danni all'ambiente, come l'uso di combustibili fossili, in modo da internalizzare i costi ecologici. Finché non faremo in modo che il mercato mandi segnali che riflettono la situazione reale, come consumatori, pianificatori aziendali e responsabili politici faremo sempre scelte sbagliate. Le decisioni economiche malinformate e le conseguenti distorsioni che ne derivano possono condurre al declino economico. Il Piano B rappresenta l'unica alternativa possibile per un semplice motivo: il Piano A, lasciando immutata la situazione economica, porta a conseguenze inaccettabili come il degrado ambientale, la destabilizzazione e l'esplosione della bolla economica. Che si tratti del collasso della pesca o dello scioglimento dei ghiacciai o ancora del cedimento delle falde idriche, i segnali d'allarme sono sempre più frequenti. Finora gli allarmi si sono verificati a livello locale, ma presto potrebbero assumere dimensione globale. Le massicce importazioni di cereali della Cina e l'aumento di prezzi degli alimenti che probabilmente seguirà, potrebbero risvegliarci dal nostro letargo. Ma il tempo sta per scadere. Le bubble economy, per definizione, sono gonfiate artificialmente e non sono destinate a durare.

Note:

http://www.enel.it/magazine/boiler/index.asp

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)