Commento di Giulietta Pagliaccio, presidente di FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta

Critical Mass attaccata dalla polizia

A Torino una manifestazione pacifica per la mobilità sostenibile viene attaccata dalla polizia
24 marzo 2019
Linda Maggiori

Critical mass attaccata a Torino

Comunicato stampa di Fiab: Come riportato da tutti i principali organi di stampa, il 21 marzo a Torino un gruppo di ciclisti critical mass impegnati in una pedalata sono stati affrontati dalla polizia in tenuta anti sommossa.
Giulietta Pagliaccio, presidente di FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta, la più vasta realtà associativa di ciclisti italiani non sportivi, attiva da oltre trent’anni nella promozione della bicicletta quale mezzo ecologico per la riqualificazione dell’ambiente urbano ed extraurbano, commenta cosi la vicenda:

“Stiamo vivendo un momento molto difficile, in cui il tema della sicurezza sta prendendo il sopravvento su qualsiasi altra questione.
“Ci preoccupa moltissimo questa gestione dell’ordine pubblico che, anche in virtù di quanto introdotto dal Decreto Salvini sulla Sicurezza, sembra non fare distinzione tra ciò che realmente può rappresentare un pericolo e quello che è, semmai, una situazione da tenere sotto controllo.

“Critical mass nasce alcuni anni fa come forma ingombrante, ma pacifica, di portare all’attenzione dell’opinione pubblica il tema della ciclabilità e del diritto di tutti all’uso del suolo pubblico, troppo spesso occupato, e talvolta usurpato, dalle auto anche dove dovrebbe essere libero.

“Dibattito più che mai attuale oggi che indiscutibilmente sta crescendo la sensibilità verso le forme di mobilità alternativa e che la bicicletta si sta diffondendo sempre più nelle nostre città. Un cambiamento positivo ma che, purtroppo, sembra generare incomprensioni da chi si trova “costretto” a condividere la strada con altri.

“FIAB, insieme a tante altre associazioni, è impegnata da anni nell’aprire una relazione con le istituzioni a livello nazionale e locale, per far valere le esigenze di chi si muove con le due ruote soprattutto in ambito urbano, dove più si verificano incidenti anche mortali.

“Purtroppo la vicenda di Torino s’inserisce in una serie di situazioni più o meno gravi a danno di cittadini che, in tutta Italia, utilizzano la strada in modo diverso dall’auto, cioè in bicicletta.
“Bicicletta che è, per eccellenza, un mezzo democratico che si pone come strumento di dialogo a cui, in nessun caso, si deve rispondere con la forza.”

Note: https://www.bikeitalia.it/2019/03/22/il-commento-di-fiab-e-salvaiciclisti-bologna-sui-fatti-di-ieri-sera-a-torino/

Articoli correlati

  • "Riace, Musica per l’Umanità" al Centro Studi Sereno Regis di Torino
    Storia della Pace
    Presentazione al Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile

    "Riace, Musica per l’Umanità" al Centro Studi Sereno Regis di Torino

    Una presentazione in pubblico al Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile molto partecipata e sentita sull’onda del ricordo di un carissimo maestro di vita come Nanni Salio, grande attivista e ecopacifista, già presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino.
    11 ottobre 2019 - Laura Tussi
  • Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile
    Pace
    Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti:

    Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile

    La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva di Taranto sia per il modello Riace: razzismo ambientale, razzismo contro i migranti
    25 settembre 2019 - Laura Tussi
  • Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino
    Pace
    Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti:

    Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

    La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva di Taranto sia per il modello Riace: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti
    16 agosto 2019 - Laura Tussi
  • Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta
    Consumo Critico
    In Siria la bicicletta ha un significato speciale

    Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta

    Le due ruote possono servire per combattere incredibili battaglie, avviare processi democratici, smontare l’ordine tradizionale delle cose, contribuire a rendere l’aria più respirabile. E se si è donna, in bici, per le strade siriane si testimonia una reale volontà di cambiamento
    8 gennaio 2019 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)