Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Tutti i diritti Umani di ( e per) tutti gli Uomini ...

7 ottobre 2007
redazione Movimento Ambasciatori per la Pace sezione Provincia di Caserta e Regione Campania (con la collaborazione di Nunzio De Pinto”, Presidente dell’ Assostampa Sannicolese. Autore delle foto: Andrea Pioltini)

Logo della Marcia della Pace Perugia-Assisi

Foto: logo della 7a Marcia della Pace Perugia-Assisi e Agnese Ginocchio con l’amico dall’Africa, durante un momento della Marcia per la Pace e la cultura fra i popoli. Sant’Agata dei Goti (Benevento) Agosto 2007


Agnese Ginocchio e l’amico dall’Africa, durante un momento della Marcia per la Pace e la cultura fra i popoli. Sant’Agata dei Goti (Benevento) Agosto 2007

“Tutti i diritti Umani di ( e per) tutti gli Uomini” non dà solo il titolo all'edizione 2007 della prossima Marcia per la Pace Perugia - Assisi, ma soprattutto é diventata anche una canzone d'impegno per la Pace e per i Diritti Umani, per i Diritti del popolo africano, per i Diritti delle popolazioni violentate dalla guerra e per i Diritti degli ultimi della terra. A trasformare in canto questo slogan così singolare e non comune a tutti, una grande personalità che prima di cantare testimonia con l'esempio costante di vita dal basso ogni giorno questa sua scelta: Agnese Ginocchio, cantautrice, insigne del titolo “internazionale” per la Pace , conferitole proprio ad Assisi. Con un ricco curriculum alle spalle, finalista e vincitrice di concorsi canori nazionali, é sempre lei, Agnese, la stessa persona autrice di tante canzoni sulla Pace, come l'inno alle bandiere arcobaleno di Pace, quella dedicata alla memoria della pacifista americana Rachel Corrie, quella contro la guerra dedicata alla giornata mondiale della Pace, quella dedicata ad Emergency e tante altre. Fra le ultime segnaliamo quella sviluppata sul tema della campagna internazionale degli obiettivi del millennio dal titolo: “I Poveri non possono aspettare - Stop alla povertà”. Tutti i diritti Umani di tutti gli Uomini invece, ovvero l'ultimo pezzo inciso da Agnese é di prosieguo alla campagna del millennio.

“Questa canzone” – ha avuto modo di spiegarci la cantautrice per la Pace – “farà da slogan e da inno a tutti gli eventi e le iniziative, in vista anche del sessantesimo anniversario, che ricorre il prossimo 10 Dicembre 2007, della dichiarazione cioè della carta universale dei Diritti Umani. La presenterò” – prosegue – “io personalmente nelle scuole della mia provincia di Caserta, nella regione Campania e ovunque ci sarà la possibilità di farlo. Per coloro invece che vivono altrove o all'estero, comunico che la canzone sarà reperibile su internet direttamente dal mio sito. Io la metto, ovviamente dietro esplicita richiesta degli interessati, a disposizione di scuole, enti e di tutte quelle realtà del mondo dell'associazionismo e del movimento che la vogliono usare come materiale di sensibilizzazione, divulgazione, approfondimento e di ricerca, nell'ambito di progetti sulla Pace, manifestazioni, dibattiti scolastici ecc... sul tema: Pace, povertà, obiettivi del millennio, educazione alla Pace e ai Diritti Umani, Africa, terzo mondo & c...

Nairobi 2007 Marcia della Pace

Nairobi 2007 Marcia della Pace

Ho intenzione di far realizzare entro breve anche un video da correlare alla canzone, e per questo va il mio personale ringraziamento al regista Marino Cataudo di Benevento, perché subito mi ha offerto supporto e si messo a disposizione per realizzare questa mia idea. Ricordo che Cataudo è sempre lo stesso autore dei DVD della Marcia nazionale della Pace Benevento Pietrelcina, promossa dalle Acli e dalla Tavola della Pace di Benevento. Il potere delle immagini associato alla musica e al testo forte dà più impatto. In questa maniera si può meglio incidere nelle coscienze dell'uomo. Tuttavia già le parole del testo di questa canzone, di per se per chi le ascolta sono particolarmente forti e di denuncia contro gli scandali dei potenti del mondo. L'arrangiamento della canzone invece é stato magistralmente curato dal maestro Niky Saggiomo di S. Giorgio a Cremano (Napoli), noto arrangiatore italiano della cristian music international, nonché arrangiatore di tutte le mie canzoni che finora ho inciso”.

La canzone di Agnese Ginocchio "Tutti i diritti Umani di tutti gli uomini" é stata già presentata lo scorso 29 Settembre 07 dalla stessa cantautrice per la Pace nell'ambito della sesta edizione del Festival Internazionale delle Culture a L' Aquila città per la Pace , promosso dall'Ass. culturale "L'Impronta( presidente Luisa Stifani)", alla quale Agnese é stata ospite, mentre il giorno 4 Ottobre giornata nazionale della Pace, sarà presentata in provincia di Caserta nella città di Bellona, città martire per la Pace, la nota città ricordata per l'eccidio ( strage) nazista dei 54 martiri di Bellona, nell' ambito del concorso provinciale scolastico promosso dal Comune ed Istituto autonomo comprensivo "Dante Alighieri" di Bellona (Ce) dal titolo: " Le stragi in terra di lavoro". La città di Bellona, martire per la Pace , é stata decorata dal Presidente della Repubblica Italiana: "Medaglia d'oro al valor militare".

L'autorevole dott. Antonio Papisca, direttore del Dipartimento nazionale Pace e Diritti Umani dell'Università di Padova, nell'apprendere la notizia dell'esistenza di questa canzone, ha voluto inviare ad Agnese Ginocchio, il suo personale plauso accompagnato da un messaggio di augurio e di sostegno alla cantautrice, la quale ha annunciato che in segno di ringraziamento alle parole del dott. Papisca farà dono del cd della canzone “Tutti i diritti Umani di tutti gli Uomini” (sul tema dei diritti umani e Pace), al dipartimento dell'università di Padova diretto dal dott. Papisca, come segno di testimonianza del suo impegno di artista per la Pace , che sottolineiamo, è davvero raro, se non unico in Italia. Una canzone ed un testo forte che abbiamo voluto ascoltare per poterne dare subito qui una nostra prima impressione.

La voce di Agnese in questa canzone diventa marcata, grintosa. S'indigna e quasi urla Agnese nella prima parte quando denuncia lo scandalo dei governi del mondo che investendo ingenti somme di denaro pubblico in armi e spese militari, causano lo scandalo della povertà nel mondo. Nella seconda parte del testo la “Joan Baez della Pace”,

un momento dei concerti di Agnese Ginocchio. Vico Equense(Na).Giugno 2006

Foto un momento dei concerti di Agnese Ginocchio. Vico Equense(Na).Giugno 2006

così definita da autorevoli firme del giornalismo nazionale, nonché critici del panorama musicale, (ci si vuole riferire ovviamente alla similitudine dello spirito innato e militante presente in entrambe le artiste), invoca la vita, la Pace , la Giustizia , l'equità, valori tutti che prevarranno solo quando l'uomo ad ogni atteggiamento di divisione, di chiusura e di prepotenza, che nella canzone la cantautrice intende associare al sostantivo “arroganza", lascerà prevalere la forza disarmante dell' Amore, sinonimo della Nonviolenza. Quell'Amore che - ricorda Agnese - ci ha insegnato per primo Cristo Re e Profeta della Pace e tanti suoi seguaci come Gandhi, Martin Luther King, Oscar Romero, don Tonino Bello, madre Teresa di Calcutta, Giovanni Paolo II, don Peppe Diana, Falcone e Borsellino...e tanti altri. L'Amore che restituisce il vero volto ovvero la dignità perduta all' umanità. Solo nell'usare quest'atteggiamento alla fine si potrà fare "Pace e Pace con l' Umanità..."! Parole stupende il testo di Agnese. Il ritornello della canzone ripete poi le parole che danno il titolo alla stessa: “Tutti i diritti Umani di tutti gli Uomini”, é di facile accesso anche ai meno portati per il canto e quindi tutti possono unirsi in coro a cantare.

Lo scopo della cantautrice infatti é quello partecipativo, cioè di coinvolgere tutti al canto. Canzone molto bella, profonda, comunicativa e partecipativa appunto, intrigante e compromettente, tutto dipende dallo spirito di chi si trova dall' altra parte ad ascoltare. Ma intende soprattutto porre l'interrogativo, mettere in discussione lo stile di vita di ognuno. Insomma da che parte stare e in quale direzione é volta la nostra vita? Ancora una volta la Ginocchio con questa canzone sottolinea la storia di quella parte, forse nascosta e meno vistosa, rispetto ai modelli imposti dai mass-media, del movimento che vive dal basso l'ideale della Pace senza se ( cioè le speculazioni, gli interessi commerciali, il proprio profitto, rendiconto) e senza ma ( ovvero le solite manovre di potere politico, di omertà e di ambiguità, da che parte stai?) testimoniandolo con la vita. "Attenzione ai falsi profeti"! Ci ammonisce ancora una volta Agnese, puntando l'indice in alto mentre stringe nel palmo della mano la minuscola Croce iridata-arcobaleno, che porta al collo, dono singolare creato per la nostra testimonial ed Artista per la Pace , ideato da un artista che nella vita svolge il suo servizio nel corpo dei sommozzatori dei vigili del fuoco: Giuseppe Marinelli di Osimo (Ancona). Da segnalare anche il particolare, voluto proprio dalla mente geniale di un'artista, Ambasciatrice di Pace qual'é Agnese Ginocchio, anche della partecipazione nel coro del ritornello della canzone delle voci di una rappresentanza di allievi delle scuole casertane impegnate sui percorsi scolastici di educazione alla Pace e alla Legalità .

Casertana, nativa del comune matesino di Alife, Agnese Ginocchio é voce di donna di un sud travagliato dai mille problemi di precarietà, camorra e di rifiuti. Proprio in merito a quest' ultimo l'abbiamo vista più volte schierarsi accanto ai comitati emergenza rifiuti, nella estenuante lotta a difesa dell'ambiente, per la chiusura della discarica casertana inquinante ed illegale de Lo Uttaro. Le sue canzoni sono il risultato dell'esperienza di un impegno umano sociale e civile, che vive giorno dopo giorno senza alcun scopo di lucro, per la difesa di tutti i diritti umani e per la fratellanza fra i popoli. In linea al tema della canzone:"Tutti i diritti Umani di tutti gli Uomini"... sono tutti quei diritti che richiamano il sacrosanto valore della difesa della Pace e della Legalità. In merito al suo enorme impegno sociale come artista e come donna Agnese é stata insigne di diversi titoli e riconoscimenti nazionali, fra questi segnaliamo il Premio Unicef, per le mani della presidente Unicef Margherita Dini Ciacci; il premio Donne all' Opera 2007 (di assessorato alla città del turismo e del sapere di Ercolano-Napoli); il Riconoscimento di Benemerenza della Manifestazione “Legalità è Pace”(dell’ Ass. onlus Deaport di Franco Falco): “Un solo obiettivo: Pace”. Il singolare dono della "Colomba della Pace (Peacey) di Assisi"( in memoria di Cesare Alterio da Ass. Gigante Buono ). Il prossimo che a breve riceverà sarà il "Premio nazionale per la Legalità Paolo Borsellino" (il giudice ucciso dalla mafia) dall'Associazione Società Civile aderente di Libera contro le mafie della regione Abruzzo.

Insomma, un' altra seguace della lunga serie (ci auguriamo) "San Francesco d'Assisi", non a caso la sua nascita ricorre proprio nel giorno della festa del patrono d' Italia, ovvero il 4 Ottobre. A questa singolare, nobile e magnetica personalità di donna piccola e minuta, dotata di un grande carisma, con la quale mentre si discorre si entra subito in sintonia, auguriamo ogni bene, piena soddisfazione e soprattutto tanto sostegno, ben sapendo che la strada della Pace e l' impegno intrapreso dalla cantautrice - testimonial per la Pace Agnese Ginocchio é tanto arduo, quanto difficile. Una scelta senza dubbio di pochi, di quella parte di donne e di uomini veri che hanno saputo segnare in positivo la storia. “Personaggi” dotati appunto di forte carisma e di particolare sensibilità. Per questo le diciamo ancora "Grazie Agnese" a nome di tutti e per tutti i Diritti umani di tutti gli uomini- Diritti della Pace- per quello che fai"!

Articoli correlati

  • Mosaico di Pace - Note di Pace: dialoghi con Agnese
    Pace
    La pace passa dal quaderno pentagrammato. In dialogo con Agnese Ginocchio, cantautrice di musica per la pace

    Mosaico di Pace - Note di Pace: dialoghi con Agnese

    Intervista di Laura Tussi, Fabrizio Cracolici, Alessandro Marescotti - PeaceLink con Agnese Ginocchio, la Joan Baez italiana
    6 novembre 2018 - Laura Tussi
  • Il Mosaico della Pace passa da Assisi
    Pace
    Marcia della Pace Perugia-Assisi

    Il Mosaico della Pace passa da Assisi

    Su Mosaico di Pace di Settembre un vivace scambio di lettere tra Alex Zanotelli e Flavio Lotti ci restituisce finalmente un confronto aperto e fecondo sui temi della Pace, della Nonviolenza e dei diritti umani.
    22 settembre 2007 - Alessio Di Florio
  • Pace
    Verso la marcia Perugia-Assisi / Intervista a Flavio Lotti

    Pace, pane e politica

    Alla vigilia del 7 ottobre, il coordinatore nazionale della Tavola della pace spiega perché il movimento, se vuole puntare concretamente alla pace, deve confrontarsi con la politica. E ai pacifisti “radicali” risponde: «Non possiamo limitare la nostra azione a un progetto di pace che ha un futuro indefinito».
    10 settembre 2007 - Raffaello Zordan
  • Pace

    Un comitato nazionale per la promozione e difesa dei diritti umani

    Il progetto presentato dalla Tavola della pace, l'associazione "Articolo 21" e il Coordinamento degli enti Locali per la pace in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione dniversale dei diritti
    21 luglio 2007 - Emiliana Costa
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)