Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un comitato nazionale per la promozione e difesa dei diritti umani

Il progetto presentato dalla Tavola della pace, l'associazione "Articolo 21" e il Coordinamento degli enti Locali per la pace in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione dniversale dei diritti
21 luglio 2007
Emiliana Costa
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Un disegno di legge che preveda la costituzione di un «Comitato nazionale» per la promozione, l'educazione e la difesa dei diritti umani. E' questo il progetto presentato dalla Tavola della pace, il Coordinamento nazionale per gli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani e l'associazione "Articolo 21" per il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Un compleanno importante che ricorda come ancora oggi il rispetto dei diritti di tutti sia un traguardo lontano da raggiungere: basti pensare agli orrori di Guantanamo, le continue morti dei civili in Iraq o, tornando a casa nostra, ai "semplici" sfruttamenti nell'ambito dei lavori agricoli.
Il progetto di legge è stato presentato in una conferenza stampa presso la Camera dei Deputati. «Vogliamo bandire la retorica da questa ricorrenza. - dice Giuseppe Giulietti (L'Ulivo), portavoce dell'Associazione Articolo 21 - L'idea è quella di attuare un'azione continuata che abbia come scopo l'insegnamento della promozione e protezione dei diritti umani nelle scuole e nelle università. E allo stesso tempo far sì che i media acquisiscano come loro linea editoriale questa legge». Flavio Lotti, Coordinatore nazionale della Tavola della pace, si dice soddisfatto dell'approvazione alla Camera del progetto legislativo e ne auspica un passaggio positivo anche al Senato. La rapida approvazione della legge è uno degli obiettivi concreti della Marcia per la pace Perugia-Assisi che si svolgerà il prossimo 7 ottobre con lo slogan "Tutti i diritti umani per tutti". «Quest'anno abbiamo chiesto con largo anticipo - dice Lotti - uno stanziamento di due milioni di euro al fine di assicurare lo svolgimento delle attività e dei servizi connessi alla celebrazione dell'anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani che si svolgerà nel 2008». Cento parlamentari tra maggioranza e opposizione hanno già sottoscritto la proposta di legge «che rappresenta - aggiunge Lotti - un'occasione in più per riflettere e confrontarci con chi ha idee diverse dalle nostre».
Gli eventi dedicati all'anno dei diritti umani saranno quindi caratterizzati da pragmatismo e concretezza, a cominciare dalla Settimana della pace - dal 1° al 7 ottobre - che al grido di «A ognuno di fare qualcosa» permetterà a chiunque di realizzare la propria personale iniziativa, iscrivendola sul sito www.perlapace.it. Non dimentichiamo però che i punti principali su cui si focalizza questa mobilitazione sono l'insegnamento dei diritti umani nelle scuole e una nuova linea editoriale dei media. «Troppo spesso - dice Mariza Bafile (L'Ulivo) - gli attori dell'informazione occidentale chiudono un occhio sulla mancanza di diritti nei paesi più poveri». «Perchè - aggiunge Sergio D'Elia (Rnp) - i corrispondenti dall'estero negli Stati Uniti sono sempre in numero maggiore rispetto a quelli in Cina?».
La senatrice Silvana Amati (L'Ulivo) si è impegnata affinché la proposta di legge venga approvata al Senato prima della Marcia Perugia-Assisi; in questo modo il 10 dicembre inizierà ufficialmente l'anno dei diritti umani. Il nuovo soggetto giuridico nascerebbe dalla fusione del Garante per i diritti dei detenuti e della Commissione nazionale per la promozione e difesa dei diritti umani e rappresenterebbe un protocollo aggiuntivo contro le torture. Relatrice del disegno di legge è Graziella Mascia (Prc). «Questa imponente mobilitazione - dice Lotti - ci servirà a dare un nuovo significato alla parola pace. Una parola spesso abusata, ma che verrà riempita di nuova linfa dalle numerose iniziative che andranno avanti per tutto il 2008». «Rispetto a 60 anni fa - conclude Lotti - sono stati fatti dei passi avanti nella giurisprudenza con la creazione del diritto internazionale. Ma il fatto che ci sia voluta la creazione di una legge speciale sottolinea come sia ancora grave la situazione per la tutela dei diritti di tutti. La marcia per la pace rappresenterà una mobilitazione generale di tutto il Paese».

Articoli correlati

  • Honduras e diritti umani, un cinismo strutturale
    Latina

    Honduras e diritti umani, un cinismo strutturale

    Stigmatizzazione, criminalizzazione, persecuzioni giudiziarie ed assassinio di attivisti fanno dell’Honduras uno dei paesi più letali per chi difende terra e beni comuni
    20 ottobre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Assange, simbolo mondiale della libertà di stampa
    Pace
    Julian Assange dimenticato da gran parte del mondo pacifista italiano

    Assange, simbolo mondiale della libertà di stampa

    L’Associazione PeaceLink – Telematica per la pace, vuole rilanciare le molteplici petizioni attive nel mondo a sostegno di Julian Assange, incriminato per aver rivelato i più efferati crimini di guerra compiuti e perpetrati dagli Stati Uniti nelle ultime guerre, a partire da Iraq e Afghanistan
    20 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Nuovo attacco alla comunità LGBTI
    Latina
    Honduras

    Nuovo attacco alla comunità LGBTI

    Donna trans e attivista per i diritti umani assassinata in Honduras, la quarta dall’inizio dell’anno
    5 ottobre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Il pacifismo operaio
    Pace
    L’opposizione alla guerra è uno degli elementi costitutivi e fondativi del movimento operaio

    Il pacifismo operaio

    La guerra fu subito considerata massimo male perché portava i giovani al macello, peggiorava le condizioni di vita, cancellava diritti e libertà, occultava le istanze per l’emancipazione delle classi lavoratrici
    30 settembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)