Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Seconda e super affollata serata al Festival TARANTO IN SHORT, sempre nella magnifica location del Castello Spagnolo

L'incertezza e la paura del nuovo... e la sicurezza della quotidianità

7 settembre 2014
Anna Lucia Carrera

"37° 4 S" è il titolo del cortometraggio del regista Adriano Valerio, premiato alla fine della seconda serata del Festival TARANTO IN SHORT. Le immagini del film sono accompagnate dalla voce narrante di Nick, un ragazzo che vive a Tristan da Cunha, una piccola isola sperduta dell'Oceano Atlantico.  Nick è innamorato di Anne, la quale vuole lasciare l'isola per andare a vivere a Londra. Nick è combattuto tra il desiderio di seguire la sua ragaza e la voglia di restare sulla sua isola. Deciderà di restare a Tristan da Cunha, convinto che Anne prima o poi tornerà da lui. Come Nick, che rimane circondato dall'immensità dell'Oceano Atlantico, tutti noi a volte(o spesso)facciamo scelte che ci costringono a restare chiusi nel nostro piccolo mondo, a rimanere circondati dalla sicura monotonia della quotidianità. Ma se non si abbatte l'immensità delle proprie insicurezze e/o paure, si perde la meravigliosa possibilità di avventurarsi nell'immensità dell'intero mondo. La giuria, composta da Anna Ferruzzo, Pino Forresu e Carmelo Patrono, ha anche premiato con una menzione speciale "RECUIEM", il cortometraggio diretto da Valentina Carnelutti. Due bambini, Leo e Annetta, al risveglio si accorgono che la loro mamma è ancora a letto. Leo, più grande della sorellina, intuisce cosa è accaduto. Il coraggio con cui affronta la situazione e la responsabilità nei confronti della sua sorellina... sono a dir poco sorprendenti. Gli altri tre corti proiettati nella serata sono i seguenti. "PRECARITA'" di Flavio Costa, è un cortometraggio con il quale il regista vuole mettere in evidenza l'attuale crisi economica. Due giovani laureati si vedono "costretti" a fare i mendicanti, frequentando un "corso"... che dà loro la giusta e necessaria "formazione" per la "professione". "PIOVE" di Francesco Zucchi e Lu Pulici, una storia che si svolge in un piccolo e strano paese, dove si incontra per strada... chi dipinge il cielo di blu la mattina... e poi fa brillare il cielo di stelle la sera! In questo piccolo e strano paese... c'è anche un piccolo e strano medico, che visita i suoi pazienti a domocilio... nelle situazioni più strane(ad esempio, una visita ad un paziente avviene con il sottofondo assordante di un'aspirapolvere!). Si scoprirà che quel medico... in realtà non è un medico... e che lui per primo... necessita di un vero medico! "EPPURE IO L'AMAVO", di  Cristina Puccinelli.  Una ragazza tradita e poi lasciata dal fidanzato, decide di vendicarsi e mette in atto comportamenti che rasentano lo stalking. Si accorgerà dell'inutilità e della pericolosità della vendetta. Questi sono i cinque corti presentati nella sera di sabato 6 settembre 2014, relativi alla Sezione NAZIONALE. La serata, che ha visto una partecipazione di pubblico più numerosa rispetto a quella del primo giorno del Festival, è stata allietata da altri due eventi. Un breve ma interessante workshop sul cinema e un'esibizione del chitarrista e compositore Pino Forresu(uno dei componenti della giuria), il quale ha concluso la sua performance insieme ad un suo allievo. Anche la seconda serata del Festival... è andata alla grande!

Articoli correlati

  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
  • Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?

    Una cosa importantissima per città come Taranto è quella di programmare uno sviluppo economico che consenta una vita dignitosa ai propri cittadini. Per fare questo bisogna programmare le politiche pubbliche. La tesi allegata in formato PDF affronta tale nodo tenendo conto dell'aspetto ecologico.
    24 giugno 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)