Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Ultima serata del Festival di cortometraggi TARANTO IN SHORT

Un'ottima iniziativa culturale di un gruppo di giovani sognatori

8 settembre 2014
Anna Lucia Carrera

Nella serata di domenica 7 settembre 2014 si è concluso il Festival TARANTO IN SHORT, sempre nella bellissima location del Castello Spagnolo. Sono stati presentati cinque cortometraggi relativi alla Sezione INTERNAZIONALE. La giuria "in rosa", composta da Antonella Gaeta, Rosaria De Bartolo e Francesca Romana Recchia Luciani, ha premiato il corto "ELECTRIC INDIGO"(Belgium)del regista Jean-Julien Collette. Una bambina vive insieme a due padri eterosessuali "sposati" con l'approvazione della madre biologica, la quale diventa parte integrante della famiglia. Per cause di forza maggiore... dopo alcuni anni la donna viene allontanata dalla casa e la bambina continua a vivere con i due padri. Padri... che non si fanno alcuno scrupolo di vivere in maniera molto libera e disinvolta la loro vita sessuale sotto gli occhi della bambina. Quando, dopo diversi anni, la madre si ripresenta in famiglia... la situazione precipita. Le scelte egoiste e impulsive degli adulti... si ripercuotono sempre sull'equilibrio e sulla serenità dei minori. La giuria, inoltre, ha attribuito una menzione speciale a "TILL THEN"(USA/Germany)del regista Benjamin Wolf. Tra due "meno giovani" dirimpettai, una dolce signora e un gentile signore, nasce un tenero amore platonico. Tutte le mattine si affacciano alla finestra e guardano il mondo che passa sotto i loro occhi: ragazze che passeggiano, persone che prendono il taxi, operai che lavorano, persone che escono dalle proprie case. E, oltre a condividere questi eventi, i due dirimpettai si scambiano timidi saluti, languidi sguardi e sinceri sorrisi. Una mattina la dolce signora si accorge che il suo gentile dirimpettaio... non è affacciato alla finestra. Preoccupata... va a fargli visita e gli porta la pianta che lei posa sempre sul davanzale della sua finestra. Il gentile signore è malato, è costretto a stare a letto ed è assistito dalla figlia. Il giorno dopo... la dolce signora va ad assistere il suo gentile dirimpettaio, perchè la figlia è fuori per lavoro, e gli riempie la camera da letto di specchi. Grazie ai numerosi specchi... il gentile e ammalato dirimpettaio potrà continuare a guardare dal suo letto il mondo che passa per strada e anche... la sua dolce dirimpettaia affacciata alla finestra. Una storia tenera e delicata... che riesce a catturare anche gli animi meno sensibili.  Gli altri tre corti presentati nella serata sono di altre nazioni. "AHORA, NO"(Spain)di Elia Ballesteros, è una storia ambientata in Spagna, dove una madre e una figlia si ritrovano dopo essere state separate durante il regime di Franco. "REMEMBERING THE FALLEN"(France)di Julien Grincajgier è la storia di un'amicizia. Un uomo non più goivane va al cimitero e, mentre si trova davanti alla tomba di un amico, ricorda il giorno in cui è nata la loro amicizia. Durante la seconda guerra mondiale si incontrano sotto un albero, sono entrambi feriti. L'incontro, che in un primo momento può diventare scontro... perchè in guerra sono nemici, si trasforma in reciproca solidarietà. Un'amicizia che nasce senza parole... e che dura per tutta la vita. "DROPS OF SMOKE"(Brazil)di Ane Siderman, racconta la storia di una strana donna che ha uno strano rapporto con una vicina di casa. Dopo la premiazione dei corti, gli organizzatori di TARANTO IN SHORT  hanno premiato il miglior interprete e la migliore interprete del Festival. I vincitori, quindi, sono stati Teodosio Barresi, il protagonista di "PICCOLA STORIA DI MARE" e Araci Esteves, la protagonista di "DROPS OF SMOKE". La serata si è conclusa con l'attribuzione dei premi della giuria popolare, di cui io ho avuto il piacere e l'onore di farne parte. La giuria popolare ha giudicato e votato tutti i corti delle tre serate del Festival ed ha premiato in ex aequo "CORSO DANTE" di Gianni Saponara e "TILL THEN" di Benjamin Wolf. Ma TARANTO IN SHORT ha avuto altri quattro vincitori: Serena Tondo, Andrea Simonetti, Michele Bramo e Andrea Simonetti jr. Questi quattro ragazzi hanno realizzato il loro bellissimo sogno e hanno donato a Taranto una bellissima realtà! E di belle realtà... Taranto ne ha tanto bisogno! Come diceva Nelson Mandela "Un vincitore è un sognatore che non ha mai smesso di sognare". E allora voglio dire a questi ragazzi: cari giovani... non smettete mai di sognare... e di farci sognare! Perchè se continuate a vincere voi... vince un po' anche Taranto! Bravi ragazzi... siete stati grandi!!! 

Articoli correlati

  • Cittadinanza globale a partire da Taranto
    Cittadinanza
    Taranto un esempio educativo virtuoso e virtuale

    Cittadinanza globale a partire da Taranto

    A Cortona nel 2008 l’esperienza fondante di un summit sulla cittadinanza attiva e globale
    22 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto
    Taranto Sociale
    I cittadini protesteranno perché il sindaco Rinaldo Melucci non risponde

    ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto

    Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto: "Si chiede ancora una volta che il sindaco dichiari l'incompatibilità dell’area a caldo dell’Ilva con la salute pubblica. Ricordiamo che l'area a caldo dell'Ilva venne già dichiarata fuorilegge fin dal 2012 dalla Magistratura".
    15 ottobre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Sandro ci mancherai
    Taranto Sociale
    Perdiamo una delle sue persone più buone che ci ha accompagnato in questi anni

    Sandro ci mancherai

    Sorridente e scoppiettante come pochi, sapeva rendere colorate e leggere le manifestazioni che facevamo assieme per combattere l'inquinamento a Taranto
    8 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Ilva Football club è la speranza
    Sociale
    A Taranto vogliamo vedere tornare i bambini a giocare all'aperto

    Ilva Football club è la speranza

    Le mie impressioni su "Ilva football club" che è diventato un caso letterario, ricevendo recensioni autorevoli su giornali nazionali. Narra della squadra di calcio dell’ILVA. I suoi calciatori sono tutti morti. Giocavano su un campo contaminato.
    Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)