Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Letizia Battaglia e le sue indimenticabili fotografie

Era un'adolescente quando la sua famiglia si trasferì da Trieste a Palermo
28 ottobre 2017

La fotografa Letizia Battaglia

Letizia Battaglia era adolescente quando la sua famiglia si trasferì da Trieste a Palermo, la città in cui era nata.

Cominciò a fotografare in età matura, alla fine degli anni '60, e fu testimone per anni della tragica cronaca della guerra di mafia.

Quando viene intervistata Letizia racconta che non era certo quello che si sarebbe aspettato di fotografare. Ma la guerra di mafia cominciò proprio quando lei iniziò a girare per la città con la sua macchina fotografica, lavorando prima per il giornale "L'Ora" e più tardi, al suo ritorno da Milano, fondando un'Agenzia d'informazione. 

Le sue foto di adolescenti e bambine, di feste di strada, di personaggi della politica, di persone al lavoro, sono indimenticabili. Il suo impegno civile la portò a fondare il Centro di documentazione Peppino Impastato e al fianco del Sindaco Leoluca Orlandi alla fine degli anni '80, come Consigliere comunale della città nelle liste dei Verdi. In quegli anni la sua attività a difesa degli edifici storici della città di Palermo, che rischiavano di essere abbattuti, fu molto fu intensa. Una foto di Letizia Battaglia

In questi giorni è al Salone dell'Editoria sociale che si tiene a Roma dal 26 al 29 ottobre (nello spazio Porta Futuro di via Galvani, quartiere Testaccio)

https://it.wikipedia.org/wiki/Letizia_Battaglia

Note: Per saperne di più:
https://it.wikipedia.org/wiki/Letizia_Battaglia
https://it.eventbu.com/rome/letizia-battaglia-al-salone-dell-editoria-sociale-di-roma/6738919

Articoli correlati

  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Peppino vive!
    Editoriale
    In memoria di un giovane coraggioso che lottò contro la mafia

    Peppino vive!

    Il 9 maggio 1978 fu assassinato Peppino Impastato e nello stesso giorno venne ritrovato il corpo senza vita di Aldo Moro
    8 maggio 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • Non abbandoniamo l'Italia
    Sociale
    La solidarietà nella pandemia da coronavirus

    Non abbandoniamo l'Italia

    In Italia le persone muoiono come mosche e la Germania tentenna fino al punto che provare imbarazzo per qualcun altro non è più un’espressione figurata
    13 aprile 2020 - Petra Reski
  • Schede
    Video

    Peppino Impastato (1948-1978)

    Attivista comunista, noto per le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra, a seguito delle quali fu assassinato il 9 maggio 1978
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)