Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Letizia Battaglia e le sue indimenticabili fotografie

Era un'adolescente quando la sua famiglia si trasferì da Trieste a Palermo
28 ottobre 2017

La fotografa Letizia Battaglia

Letizia Battaglia era adolescente quando la sua famiglia si trasferì da Trieste a Palermo, la città in cui era nata.

Cominciò a fotografare in età matura, alla fine degli anni '60, e fu testimone per anni della tragica cronaca della guerra di mafia.

Quando viene intervistata Letizia racconta che non era certo quello che si sarebbe aspettato di fotografare. Ma la guerra di mafia cominciò proprio quando lei iniziò a girare per la città con la sua macchina fotografica, lavorando prima per il giornale "L'Ora" e più tardi, al suo ritorno da Milano, fondando un'Agenzia d'informazione. 

Le sue foto di adolescenti e bambine, di feste di strada, di personaggi della politica, di persone al lavoro, sono indimenticabili. Il suo impegno civile la portò a fondare il Centro di documentazione Peppino Impastato e al fianco del Sindaco Leoluca Orlandi alla fine degli anni '80, come Consigliere comunale della città nelle liste dei Verdi. In quegli anni la sua attività a difesa degli edifici storici della città di Palermo, che rischiavano di essere abbattuti, fu molto fu intensa. Una foto di Letizia Battaglia

In questi giorni è al Salone dell'Editoria sociale che si tiene a Roma dal 26 al 29 ottobre (nello spazio Porta Futuro di via Galvani, quartiere Testaccio)

https://it.wikipedia.org/wiki/Letizia_Battaglia

Note: Per saperne di più:
https://it.wikipedia.org/wiki/Letizia_Battaglia
https://it.eventbu.com/rome/letizia-battaglia-al-salone-dell-editoria-sociale-di-roma/6738919

Articoli correlati

  • L'Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli chiede aiuto
    Sociale
    Cittadinanza Attiva

    L'Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli chiede aiuto

    L'AIASP ONLUS (Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli), ha una lunga storia di iniziative sociali e culturali dalla parte dei popoli, dei più deboli, contro le ingiustizie e per i diritti, contro l'esclusione culturale
    17 aprile 2019 - Laura Tussi
  • “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”
    Disarmo

    “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”

    Un'associazione pacifista sarda denuncia, presso le Procure di Roma e di Cagliari, cinque Ministri dell'attuale Governo gialloverde. Ipotesi di reato: traffico d'armi verso l'Arabia Saudita e concorso nelle stragi commesse dai sauditi nello Yemen.
    28 febbraio 2019 - Redazione
  • L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano
    Pace
    Nonostante i concreti rischi di una insurrezione o di una invasione militare...

    L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano

    Eppure sarebbe stato possibile votare una risoluzione che esiga il pieno rispetto della legalità, sia all'interno del paese, sia sul piano internazionale. Come ha già fatto il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, quando ha rifiutato di riconoscere l'usurpatore Guaidò (notizia taciuta dai mass media)
    14 febbraio 2019 - Patrick Boylan
  • Per obbedire alla coscienza e alla Costituzione
    Migranti
    Oggi manifestazione a sostegno del sindaco di Palermo e per tutelare i diritti umani

    Per obbedire alla coscienza e alla Costituzione

    Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, contravvenendo al decreto sicurezza, ha disposto che i cittadini stranieri il cui permesso di soggiorno umanitario sia scaduto, potranno ancora iscriversi all'anagrafe del Comune.
    4 gennaio 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)