Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Il cinema che cambia

Ad Algeri con "Papicha"

Protagonista affascinante e assoluta della storia è una studentessa diciottenne, e donna è la regista algerina Mounia Meddour. Siamo ad Algeri e sta per scoppiare la guerra civile
8 marzo 2021

La giovane protagonista Lyna Khoudri del film algerino "Papicha"

Siamo agli inizi degli anni ’90 in Algeria. La vita di Nedjma e delle altre studentesse nel campus universitario che le ospita viene  sconvolta dal rapido diffondersi del fondamentalismo religioso. Sono anni che saranno ricordati come "decennio nero". Lo scontro tra il governo militare golpista e i gruppi di fondamentalisti islamici armati porterà il caos nel paese e almeno 150.000 morti.

Nedjma, vera forza della natura ("Papicha" è una parola di eco francese usata tra i giovani per indicare una ragazza bella e irrequieta) ha una grande passione per gli abiti, e i modelli che disegna vengono fatti passare per italiani dai commercianti suoi estimatori. Continuerà a disegnarli mentre tutto cambia rapidamente con risvolti drammatici, fino ad organizzare nel campus una coraggiosa sfilata, cercando di non cambiare la sua vita e di salvarla.

Il film della regista algerina Mounia Meddour, presentato con successo al Festival di Cannes nel 2019 nella sezione "Un Certain Regard", ha partecipato anche agli Oscar 2020 grazie ad un'eccezione al regolamento, dato che non è mai uscito nelle sale algerine perché improvvisamente bloccato dalle autorità.

Dalla fine di agosto 2020, il film è stato distribuito nelle sale italiane con il titolo "Non conosci Papicha". E' ora visibile tramite i consueti circuiti di noleggio e visione on line.

"Non conosci Papicha", il trailer dal sito Cineuropa

Note: Il trailer italiano:
https://www.mymovies.it/film/2019/papicha/trailer/

Altre informazioni sul film:
https://tg24.sky.it/spettacolo/cinema/2020/08/19/non-conosci-papicha-film
https://cineuropa.org/it/video/rdid/371109/

Articoli correlati

  • Grave regressione dei diritti delle donne
    Latina
    Honduras

    Grave regressione dei diritti delle donne

    Proibizione dell’aborto e del matrimonio egualitario scolpita nella pietra
    22 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura
    Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Liuba, le altre e i figli da buttare via
    Sociale
    Donne che non hanno paura

    Liuba, le altre e i figli da buttare via

    A volte la discriminazione è più sottile, e non è meno grave. Ma ascoltare quello che Liuba è costretta a subire, con altre donne dipendenti della multinazionale dell'abbigliamento Yoox, fa accaponare la pelle
    10 dicembre 2020 - Lidia Giannotti
  • Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
    Sociale
    25 novembre

    Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

    Nel 2020, a causa del lockdown, i casi sono aumentati in contesti familiari. Proponiamo un monologo scritto da Paola Cortellesi perché venga fatto vedere nelle scuole.
    24 novembre 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)