CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Nota della Associazione Software Libero sulla proposta di direttiva 2003/0024

    Un altro rischio incombe sull'Europa: dopo l'EUCD arriva l'Intellectual Property Enforcement Directive (clicca qui per il testo), una nuova direttiva nel cui testo sono presenti concetti e precetti pericolosi non solo per il software libero.
    13 settembre 2003 - Associazione Software Libero
    Un altro rischio incombe sull'Europa: dopo l'EUCD arriva l'Intellectual Property Enforcement Directive (clicca qui per il testo), una nuova direttiva nel cui testo sono presenti concetti e precetti pericolosi non solo per il software libero.

    Il prossimo 11 settembre la commissione JURI del Parlamento Europeo discuterà una Direttiva (Intellectual Property Enforcement Directive) che richiede forme di criminalizzazione della cosiddetta violazione della proprietà intellettuale.

    Col termine "proprietà intellettuale" si comprendono discipline giuridiche molto diverse fra loro, come il copyright, i brevetti, i marchi, i nomi a dominio Internet, le quali comportano problemi e richiedono tutele nient'affatto uniformi. L'effetto di uniformare queste discipline, addirittura dal punto di vista penale, è di ridurre drasticamente le libertà civili dei cittadini europei, rendendo oltretutto legalmente rischiose le attività legate all'innovazione e alla competizione tecnologica.

    In questi giorni una coalizione internazionale di associazioni e gruppi hanno avviato una campagna (CODE, Coalition for an Open Digital Environment) tesa a far conoscere i rischi di questa nuova proposta di direttiva nonché a chiedere ai parlamentari europei la non approvazione.

    Sul sito della campagna http://www.ipjustice.org/code.shtml è possibile leggere la lettera spedita da questa coalizione ai parlamentari che fanno parte della commissione chiamata l'11 settembre prossimo a discutere ed eventualmente approvare questa direttiva.

    L'Associazione Software Libero condivide tutte le preoccupazioni espresse dalla coalizione e rimarca come ancora una volta con questa direttiva, come con la precedente EUCD, si danneggiano i cittadini.

    Anziché limitarsi a colpire chi trae illegalmente profitto dalle violazioni del diritto d'autore, si colpiscono gli utenti, declassandoli dal ruolo di cittadini a quello di clienti privi di diritti, condannandoli ad una fruizione arbitrariamente limitata delle opere e minacciando la loro riservatezza. Come se non bastasse, la direttiva minaccia lo sviluppo della concorrenza e dell'innovazione nel mercato dell'informazione digitale.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)