CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili
    Lettera aperta a Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace

    Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili

    L'epilogo vergognoso di questa vergognosa guerra richiede a mio parere una netta condanna della Tavola della Pace. A che e' servito marciare da Perugia ad Assisi per ricordare Capitini se poi i ragazzi vedono torturare Gheddafi senza alcuna immediata presa di distanza di Napolitano e della stessa Tavola della Pace? Lo tsunami della "guerra giusta" oggi ha annichilito decenni di impegno di educazione alla pace e non possiamo continuare a fare finta di nulla.
    25 ottobre 2011 - Alessandro Marescotti
  • “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”. (Art. 1. Dichiarazione Universale dei Diritti Umani)

    Una coda colorata lunga venti chilometri.

    Una di queste sere dall’alto dell’autorevolezza di un programma di approfondimento televisivo, non sarà difficile trovare uno dei tanti tuttologi che li definirà illusi o ipocriti. Fatto è che domenica camminando da solo in mezzo al “Popolo della Pace”, mi sono sentito molto meno solo.
    26 settembre 2011 - Ernesto Celestini
  • PeaceLink, a Perugia laboratori didattici per costruire pace, libertà e sviluppo sostenibile
    Diario di un'esperienza

    PeaceLink, a Perugia laboratori didattici per costruire pace, libertà e sviluppo sostenibile

    Prima della Marcia Perugia Assisi alcuni peacelinkers hanno animato degli incontri con studenti provenienti da scuole di varie regioni italiane.
    Alessandro Marescotti
  • Impressioni disordinate sulla marcia Perugia Assisi
    La pace si fa camminandosi a fianco

    Impressioni disordinate sulla marcia Perugia Assisi

    Ho imparato ad accompagnare, ho imparato a farmi condurre, ho dato fiducia. Ci siamo persi e ritrovati in quel popolo sgargiante in quei sorrisi da ragazzi, nelle rughe dei visi più maturi ci siamo ritrovati senza nemmeno metterci d'accordo: ma io dico che ci stavamo cercando.
    Teresa Manuzzi

Diffusione del software libero nelle scuole umbre

L'assessore regionale all'istruzione, Maria Prodi, ed il consigliere regionale dei "Verdi per i Valori", Oliviero Dottorini, si sono incontrati nei giorni scorsi con alcuni rappresentanti della comunità "Linux" di Perugia
31 luglio 2006 - Redazione

L'assessore regionale all'istruzione, Maria Prodi, ed il consigliere regionale dei "Verdi per i Valori", Oliviero Dottorini, si sono incontrati nei giorni scorsi con alcuni rappresentanti della comunità "Linux" di Perugia, che si occupa della implementazione e diffusione del software libero, per elaborare una comune iniziativa rivolta alle scuole umbre. Il progetto è in linea con la legge recentemente approvata dal Consiglio regionale dell'Umbria sul software "open source". La nuova normativa regionale, che è frutto dell'unificazione di due disegni di legge presentati dal consigliere Dottorini e dal consigliere del PdCi Roberto Carpinelli, definisce norme in materia di pluralismo informatico e sull'adozione e diffusione del software "libero".

"A settembre – ha detto l'assessore Prodi – invieremo una proposta a tutte le scuole per realizzare, partendo da alcuni strutture ‘pilota', un'importante iniziativa consistente nella formazione di competenze sul software libero e nell'installazione guidata e supportata di Linux nei laboratori informatici scolastici". I rappresentanti della comunità Linux hanno spiegato che il software "open source", a difficoltà non certo superiori rispetto a quelli attualmente più diffusi, consente maggiore sicurezza, riservatezza ed enormi vantaggi dal punto di vista della economicità. Per tutti questi motivi i rappresentanti dell'Istituzione regionale hanno sottolineato l'importanza della sua conoscenza e disponibilità a partire dalle prime esperienze di informatizzazione nelle scuole, per attuare una vera libera scelta dei prodotti informatici.

Per quanto riguarda Orvieto, il gruppo Linux della città ha già avviato contatti con le scuole e realizzato alcune iniziative per la sensibilizzazione rispetto a questa tematica. La normativa regionale non potrà che incoraggiare e intensificare le azioni già intraprese.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)