CyberCultura

La tecnologia e' pronta

Internet "apre" a caratteri diversi da quelli latini

Lettere accentate, tildi, umlaut, dieresi, potranno far parte dei nomi a dominio


Cos'è ICANN?

ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) è l'ente no profit, organizzato a livello internazionale, che ha la responsabilità di assegnare gli indirizzi IP (Internet Protocol) e di gestire il sistema dei nomi a dominio (Top-Level Domain) generici (gTLD) e country code (ccTLD), nonche' i sistemi di root server. Questi servizi, attualmente erogati da ICANN, erano inizialmente forniti da IANA, (Internet Assigned Numbers Authority), e da altri enti su mandato del governo americano.
Trattandosi di un ente con un partenariato pubblico-privato alla base, ICANN si è prefissato vari obiettivi tra i quali quello di salvaguardare la stabilità operativa dell'internet, quello di favorire la libera concorrenza all'interno della rete, quello di ampliare il livello di rappresentatività della Comunità Internet e, infine, quello di sviluppare una politica in linea con le sue finalità che tenga conto degli interessi delle parti interessate e che miri al raggiungimento del loro consenso.


Qual e' il ruolo di ICANN?

ICANN coordina la gestione degli elementi tecnici del DNS per assicurare risolvibilità universali in modo che tutti gli utenti di Internet siano in grado di trovare tutti gli indirizzi validi. Tale funzione è svolta organizzando l'assegnazione di identificatori tecnici universali usati nelle operazioni di Internet e le deleghe per i nomi a dominio di primo livello (quali ".com", ".info", ecc.).
Altri tematiche che interessano gli utenti Internet, quali ad esempio le regole relative alle transazioni finanziarie, il controllo dei contenuti sull'internet, i messaggi pubblicitari non richiesti (spam) ed il trattamento dei dati personali, non rientrano tra gli scopi principali di ICANN.


Ed ora l'apertura ai caratteri non latini nei DNS

Tutte le lingue che utilizzano caratteri diversi da quelli latini (il cirillico, l'arabo, ma anche il tedesco per via della "umlaut" o dieresi e l'italiano), potranno utilizzare sull'internet il proprio alfabeto, mantenendone quindi tutte le specificità, mentre fino ad ora sono validi solo i caratteri dall'A alla Z. E' questa una delle anticipazioni diffuse dagli organizzatori del meeting mondiale di Icann, l'organismo che coordina tutti gli aspetti tecnici di Internet a livello mondiale, per la prima volta in Italia, da oggi al 6 marzo a Roma.
Fra i temi di oggetto di alcune sessioni dell'evento, afferma una nota, il più spinoso sarà quello della privacy in rete. L'evento Icann sara' la sede nella quale si potra' dirimere la controversia tra Usa da una parte e Unione Europea, Argentina, Giappone e Canada dall'altra, in merito al corretto trattamento dei dati personali di chi registra un dominio nell'internet e di chiunque utilizzi una casella di posta elettronica.
L'area anglo-americana è piu' incline a tutelare le esigenze del business e sostiene di conseguenza la necessità di rendere pubblici tutti i dati personali di chi registra un dominio e ottiene una casella di posta elettronica, mentre Europa, Argentina, Giappone e Canada hanno una visione maggiormente orientata alla riservatezza dei dati personali in Rete.

Articoli correlati

  • Missionari in piazza
    Alex Zanotelli
    Roma, piazza Montecitorio, 24 luglio 2019

    Missionari in piazza

    Contro l'approvazione del decreto sicurezza bis che criminalizza ulteriormente chi soccorre i migranti in mare
    23 luglio 2019
  • L'Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli chiede aiuto
    Sociale
    Cittadinanza Attiva

    L'Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli chiede aiuto

    L'AIASP ONLUS (Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli), ha una lunga storia di iniziative sociali e culturali dalla parte dei popoli, dei più deboli, contro le ingiustizie e per i diritti, contro l'esclusione culturale
    17 aprile 2019 - Laura Tussi
  • “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”
    Disarmo

    “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”

    Un'associazione pacifista sarda denuncia, presso le Procure di Roma e di Cagliari, cinque Ministri dell'attuale Governo gialloverde. Ipotesi di reato: traffico d'armi verso l'Arabia Saudita e concorso nelle stragi commesse dai sauditi nello Yemen.
    28 febbraio 2019 - Redazione
  • L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano
    Pace
    Nonostante i concreti rischi di una insurrezione o di una invasione militare...

    L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano

    Eppure sarebbe stato possibile votare una risoluzione che esiga il pieno rispetto della legalità, sia all'interno del paese, sia sul piano internazionale. Come ha già fatto il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, quando ha rifiutato di riconoscere l'usurpatore Guaidò (notizia taciuta dai mass media)
    14 febbraio 2019 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)