Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Nuovamente aperto il processo, indagati tre medici civili e due militari

Perché è morto il soldato Lorenzo Miccoli?

Il giallo dei tanti decessi nel reparto ematologia dell'Ospedale di Pesaro. Il padre di Lorenzo: "Io invito tutte le persone che hanno visto un loro caro perdere la vita in quel reparto, di venire allo scoperto e denunciare la cosa"
Giacomo Alessandroni22 luglio 2005
Fonte: Gennaro De Stefano; Gente; 28 luglio 2005 n. 30

Lorenzo Miccoli

Lorenzo Miccoli era militare di leva del 28° reggimento "Pavia" di Pesaro. Nel febbraio del 1995 venne ricoverato nell'ospedale "San Salvatore" di Pesaro. Aveva 20 anni ed era di Fragagnano [Taranto].

L'ospedale è diventato il centro di un caso nazionale per ripetute morti sospette.

"I medici ci rassicurarono, il professor Guido Lucarelli ci disse che si trattava di una forma di leucemia blanda che si sarebbe risolta con cure appropriate". A fine febbraio Lorenzo Miccoli confida al padre che gli è stata iniettato qualcosa nel braccio di cui non gli è stata spiegata la natura. Secondo Francesco Miccoli, il padre di Lorenzo, potrebbe essere stata iniettata al figlio qualche sostanza micidiale in dosi elevatissime.

"La storia delle morti sospette nel reparto ematologia di Pesaro è diventata un giallo in piena regola: l'infermiere Claudio Guiducci, sospettato di aver diffuso il virus dell'epatite B, si suicidò proprio il giorno prima di essere interrogato in Procura, ma - secondo quanto dice la sua fidanzata Patrizia Casagrande, fu ucciso".

Note: Il padre di Lorenzo Miccoli ha pregato PeaceLink di far conoscere l'articolo pubblicato sul settimanale Gente [che alleghiamo a questa notizia].
Per chi volesse aiutarlo nella ricerca della verità, questi sono i suoi riferimenti:

Sig. Francesco Miccoli
C.da Acquacandida, sn
74020 Fragagnano [TA]
Tel/Fax: 099-9561889

Sito web: http://www.laveritadelsoldatolorenzomiccoli.it

Allegati

Articoli correlati

  • Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto
    Ecologia
    Il 9 luglio 1960 veniva posta la prima pietra

    Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto

    Pubblichiamo qui un'interessante ricerca del prof. Enzo Alliegro che ricostruisce la nascita della fabbrica, andando a focalizzare aspetti inediti della sua storia, con particolare riguardo alle problematiche ambientali e sanitarie
    9 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Open Data, citizen-science e ambientalismo
    Citizen science

    Open Data, citizen-science e ambientalismo

    L'esempio di PeaceLink a Taranto e possibili campagne in Sicilia
    12 giugno 2019 - Francesco Iannuzzelli
  • Psyop e cellule PI
    MediaWatch
    Le operazioni psicologiche (Psyops) e la Public Information (PI)

    Psyop e cellule PI

    In seno alla Nato si sono formate unità di Psyops che si occupano di propaganda, disinformazione e manipolazione dell'informazione. Molto importanti sono le cellule PI che informano il pubblico, per mezzo dei media, sulle attività che i militari intendono condurre
    Redazione PeaceLink
  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)