Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

L'uranio impoverito avvelena l'Iraq, il Kuwait e l'Arabia Saudita

Prof. Dr. Siegwart-Horst Guenther
Fonte: Tratto dal libro "Uranio impoverito: il metallo del disonore"

I proiettili all'uranio impoverito sono stati usati per la prima volta dalle truppe alleate durante la Guerra del Golfo nel 1991, con effetti e conseguenze devastanti.

All'inizio del mese di marzo 1991, trovai alcuni proiettili in una zona di combattimeno irachena che avevano la forma e le dimensioni di un sigaro ed erano straordinariamente pesanti.

In seguito notai dei bambini giocare con alcuni proiettili di questo tipo; uno di loro e' morto di leucemia.

Verso la fine del 1991 diagnosticai una malattia finora sconosciuta nella popolazione irachena, che era provocata da disfunzioni renali ed epatiche.

I miei sforzi per poter analizzare questi proiettili sconosciuti mi hanno creato parecchi problemi in Germania: Il materiale era estremamente tossico e radioattivo. Il proiettile mi fu confiscato dalla polizia, portato via con enormi misure di sicurezza e conservato in un deposito appositamente schermato.

Durante gli ultimi 5 anni ho svolto parecchi studi in Iraq. I loro risultati mostrano palesemente che il contatto con munizioni all'uranio impoverito ha le seguenti conseguenze, in particolare per i bambini:

- Un considerevole aumento di malattie infettive causate da forti immunodeficienze in grande parte della popolazione;

- Frequenti episodi di vasti herpes, anche nei bambini;

- Sindromi simili all'AIDS;

- Una sindrome finora sconosciuta provocata da disfunzioni renali ed epatiche;

- Leucemia e neoplasmi maligni;

- Deformazioni congenite causate da difetti genetici, riscontrabili anche in animali.

I risultati dei miei studi mostrano somiglianze con la descrizione clinica della cosiddetta Sindrome del Golfo nei soldati statunitensi e britannici e nei loro bambini. Le deformazioni congenite provocate da difetti genetici sono identiche nei bambini americani e iracheni.

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate
    Disarmo

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov
    Pace

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
    Pace

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.3 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)