Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

L'uranio impoverito avvelena l'Iraq, il Kuwait e l'Arabia Saudita

Prof. Dr. Siegwart-Horst Guenther
Fonte: Tratto dal libro "Uranio impoverito: il metallo del disonore"

I proiettili all'uranio impoverito sono stati usati per la prima volta dalle truppe alleate durante la Guerra del Golfo nel 1991, con effetti e conseguenze devastanti.

All'inizio del mese di marzo 1991, trovai alcuni proiettili in una zona di combattimeno irachena che avevano la forma e le dimensioni di un sigaro ed erano straordinariamente pesanti.

In seguito notai dei bambini giocare con alcuni proiettili di questo tipo; uno di loro e' morto di leucemia.

Verso la fine del 1991 diagnosticai una malattia finora sconosciuta nella popolazione irachena, che era provocata da disfunzioni renali ed epatiche.

I miei sforzi per poter analizzare questi proiettili sconosciuti mi hanno creato parecchi problemi in Germania: Il materiale era estremamente tossico e radioattivo. Il proiettile mi fu confiscato dalla polizia, portato via con enormi misure di sicurezza e conservato in un deposito appositamente schermato.

Durante gli ultimi 5 anni ho svolto parecchi studi in Iraq. I loro risultati mostrano palesemente che il contatto con munizioni all'uranio impoverito ha le seguenti conseguenze, in particolare per i bambini:

- Un considerevole aumento di malattie infettive causate da forti immunodeficienze in grande parte della popolazione;

- Frequenti episodi di vasti herpes, anche nei bambini;

- Sindromi simili all'AIDS;

- Una sindrome finora sconosciuta provocata da disfunzioni renali ed epatiche;

- Leucemia e neoplasmi maligni;

- Deformazioni congenite causate da difetti genetici, riscontrabili anche in animali.

I risultati dei miei studi mostrano somiglianze con la descrizione clinica della cosiddetta Sindrome del Golfo nei soldati statunitensi e britannici e nei loro bambini. Le deformazioni congenite provocate da difetti genetici sono identiche nei bambini americani e iracheni.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)