Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Come difendersi dal rischio nucleare

Incontro della Pace a cura di Pax Christi
12 gennaio 2001

- Introduzione di Alessandro Marescotti (presidente di PeaceLink)

- Relazione del Prof.Antonino Drago (docente di fisica Universita' di Napoli)

Si è svolto alla presenza di un folto pubblico il primo appuntamento della XVI edizione degli "incontri della pace" organizzati dal locale gruppo di Pax Christi. Il tema della serata, "come difendersi dal rischio nucleare", è stato affrontato da due relatori: il prof. Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink, ed il prof. Antonino Drago, docente di storia della fisica presso l'università di Napoli, uno dei primi in Italia che denuncio' i rischi nucleari e sollevo' il problema delle responsabilita' della scienza di fronte al pericolo atomico. Le notizie degli ultimi giorni sugli effetti nocivi dell'uranio impoverito sui militari italiani in missione in Kosovo e la mobilitazione della popolazione civile nei "porti a rischio nucleare" sono stati gli argomenti trattati dal prof. Marescotti, che ha subito polarizzato l'attenzione delle numerose persone presenti all'incontro. "In piu' di un caso si e' arrivati - proprio in Puglia! - all'apocalisse nucleare per un banale incidente o per incuria", ha osservato il prof. Marescotti, che ha denunciato - dati alla mano - tutte le situazioni in cui la popolazione avrebbe potuto essere decimata senza saperlo. Il prof. Drago, ha sviluppato poi una riflessione più approfondita sull'industria nucleare, sui meccanismi di funzionamento dei reattori nucleari presenti a bordo dei sottomarini militari, sui rischi di un eventuale incidente per la popolazione. In particolare, è stato chiarito il funzionamento dei cosiddetti proiettili all'uranio impoverito, considerati spettacolari strumenti di guerra nell'ottica militare e terribili mezzi di morte in un ottica che consideri la difesa dell'umanità il primo dovere. Nel corso del dibattito che si è svolto al termine della serata, è emerso il ruolo fondamentale dell'informazione e della coscientizzazione per la prevenzione di utilizzi del nucleare. Forte si è sentita la volontà di opporsi, con chiarezza, a chi vuol fare della guerra - ed oggi guerra significa nucleare - lo strumento di risoluzione dei conflitti internazionali. A questa logica andrà tutta l'opposizione di chi crede e crederà sempre nella nonviolenza e nel disarmo come strade per il reale progresso dell'umanità.

Pax Christi Taranto

Articoli correlati

  • Sabato 24 novembre si parlerà dell'immunità penale concessa per Ilva ad Am Investco
    Ecologia
    L'immunità penale concessa ad Am Investco viola la Costituzione?

    Sabato 24 novembre si parlerà dell'immunità penale concessa per Ilva ad Am Investco

    Permangono le problematiche legate all'inquinamento e i dubbi sulla costituzionalità della norma che ha concesso l’immunità penale e amministrativa agli acquirenti Ilva.
    22 novembre 2018
  • "Ho pianto per i bambini di Taranto e per questa infanzia negata"
    Legami di ferro
    L'Unicef si schiera al fianco di Taranto e dei suoi bambini vittime dell'inquinamento

    "Ho pianto per i bambini di Taranto e per questa infanzia negata"

    Andrea Iacomini, portavoce nazionale Unicef Italia, celebra a Taranto la convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. E dichiara: "Il nostro mandato è di proteggere i bambini ovunque essi siano". E poi: "Il caso ILVA non è chiuso, i bambini qui vivono una condizione impressionante".
    24 novembre 2018 - Beatrice Ruscio
  • Il settimo compleanno delle Chiancarelle ribelli - Salerno e Taranto unite contro gli inquinatori
    Ecologia
    A Salerno come a Taranto si discute di come superare il conflitto salute - lavoro

    Il settimo compleanno delle Chiancarelle ribelli - Salerno e Taranto unite contro gli inquinatori

    Il gemellaggio tra i comitati di Taranto e Salerno continua perché ovunque e per tutti vale il principio che bisogna tutelare la salute. Peacelink è stata invitata alla presentazione del documentario "Il tradimento" sulla vicenda Ilva che si terrà a Salerno.
    22 novembre 2018
  • Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi
    Ecologia
    Dose tollerabile giornaliera per un bambino di 10 anni a Taranto

    Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi

    Diossine e PCB possono essere presenti nelle cozze di zone inquinate. Con i nuovi valori di DST (Dose Settimanale Tollerabile) divulgati dall'EFSA, a Taranto i bambini non dovrebbero mangiare più di 13 grammi di cozze a settimana
    21 novembre 2018 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)