Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Come difendersi dal rischio nucleare

Incontro della Pace a cura di Pax Christi
12 gennaio 2001

- Introduzione di Alessandro Marescotti (presidente di PeaceLink)

- Relazione del Prof.Antonino Drago (docente di fisica Universita' di Napoli)

Si è svolto alla presenza di un folto pubblico il primo appuntamento della XVI edizione degli "incontri della pace" organizzati dal locale gruppo di Pax Christi. Il tema della serata, "come difendersi dal rischio nucleare", è stato affrontato da due relatori: il prof. Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink, ed il prof. Antonino Drago, docente di storia della fisica presso l'università di Napoli, uno dei primi in Italia che denuncio' i rischi nucleari e sollevo' il problema delle responsabilita' della scienza di fronte al pericolo atomico. Le notizie degli ultimi giorni sugli effetti nocivi dell'uranio impoverito sui militari italiani in missione in Kosovo e la mobilitazione della popolazione civile nei "porti a rischio nucleare" sono stati gli argomenti trattati dal prof. Marescotti, che ha subito polarizzato l'attenzione delle numerose persone presenti all'incontro. "In piu' di un caso si e' arrivati - proprio in Puglia! - all'apocalisse nucleare per un banale incidente o per incuria", ha osservato il prof. Marescotti, che ha denunciato - dati alla mano - tutte le situazioni in cui la popolazione avrebbe potuto essere decimata senza saperlo. Il prof. Drago, ha sviluppato poi una riflessione più approfondita sull'industria nucleare, sui meccanismi di funzionamento dei reattori nucleari presenti a bordo dei sottomarini militari, sui rischi di un eventuale incidente per la popolazione. In particolare, è stato chiarito il funzionamento dei cosiddetti proiettili all'uranio impoverito, considerati spettacolari strumenti di guerra nell'ottica militare e terribili mezzi di morte in un ottica che consideri la difesa dell'umanità il primo dovere. Nel corso del dibattito che si è svolto al termine della serata, è emerso il ruolo fondamentale dell'informazione e della coscientizzazione per la prevenzione di utilizzi del nucleare. Forte si è sentita la volontà di opporsi, con chiarezza, a chi vuol fare della guerra - ed oggi guerra significa nucleare - lo strumento di risoluzione dei conflitti internazionali. A questa logica andrà tutta l'opposizione di chi crede e crederà sempre nella nonviolenza e nel disarmo come strade per il reale progresso dell'umanità.

Pax Christi Taranto

Articoli correlati

  • A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin
    Taranto Sociale
    Il 14 novembre sarà presentato e moderato da Alessio Giannone alias Pinuccio

    A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin

    Edouard Martin - una figura centrale del documentario di Jérôme Fritel - sarà presente alla proiezione. Lavoratore siderurgico e poi sindacalista di CDFT, è stato l’icona della lotta operaia dei siti ArcelorMittal in Francia.
    26 ottobre 2019
  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)