Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
  • Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo
    In allegato la lettera

    Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo

    PeaceLink e Cova Contro mandano a Bruxelles i dati attualmente disponibili. Sono tratti da tre relazioni non ancora pubblicate, alle quali abbiamo però avuto accesso in modo ufficioso.
    10 maggio 2016 - Antonia Battaglia e Giorgio Santoriello

Le atomiche italiane

Armi nucleari statunitensi sono dislocate in Italia, ad Aviano e Ghedi Torre
Francesco Iannuzzelli5 novembre 2000 - Francesco Iannuzzelli

Le atomiche U.S.A. in Europa
Ramstein Germania 55
Buechel Germania 11
Lakenheath Regno Unito 33
Incirlik Turchia 25
Aviano Italia 18
Ghedi Torre Italia 11
Volkel Olanda 11
Kleine Brogel Belgio 11
Araxos Grecia 6
tot. 181
I dati relativi alla presenza di bombe atomiche ad Aviano e a Ghedi Torre fanno riferimento al 1998 e sono citati da parecchie fonti; a seconda delle fonti i dati oscillano leggermente ma restano costanti i nomi delle postazioni.
Dal 1987 le basi devono soddisfare certi requisiti per ospitare le armi nucleari, il cosiddetto WS3 (Weapons Storage and Security Systems).
Nel 1998 le uniche basi italiane con sistemi WS3 erano Aviano e Ghedi Torre. Aviano ospitava bombe atomiche dagli anni '50, Ghedi dal 1963.

Negli anni precedenti, nel culmine della guerra fredda, l'Europa era piena di bombe (circa 7000) e 19 basi italiane ospitavano bombe atomiche. Non e' noto quali fossero queste 19 basi, si dice solo che l'Italia era l'unico paese ad ospitare testate nucleari in tutti i tre tipi di base (esercito, aviazione e marina). E' comunque certa la presenza di testate nucleari in quel periodo nelle basi di Aviano, Ghedi Torre, Rimini, Longare, Comiso, Gioia del Colle, La Maddalena.
(Fonte: http://www.brook.edu/FP/PROJECTS/NUCWCOST/BASESIZE.HTM)

Il numero di testate nucleari dislocate in Europa rimase alto fino agli anni '80 (5845 nel 1983), poi sono progressivamente calate.
Ecco come e' variata la presenza di testate nucleari in Italia:
1975: 439
1985: 49
1992: 150
1998: 30

Tutte queste informazioni sono reperibili sul rapporto
"Taking Stock - Worldwide Nuclear Deployments 1998"
di William M. Arkin, Robert S. Norris, Joshua Handler
Pubblicato nel 1998 dal National Resource Defense Council

Potete scaricarlo in formato pdf da questo sito:
http://www.nrdc.org/nuclear/tkstock/tssum.asp

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)