Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Uranio impoverito, una strage di Stato
    I militari italiani colpiti da patologie oncologiche riconducibili all'esposizione a nanoparticelle di metalli pesanti come l'uranio impoverito

    Uranio impoverito, una strage di Stato

    Luciano Cipriani maresciallo dell’Aeronautica militare aveva 47 anni. Nel suo curriculum diverse missioni all’estero, Kosovo, Afghanistan. Aveva respirato a pieni polmoni l’aria di quei luoghi e calpestato le terre avvelenate dalle nanoparticelle, tutto senza protezioni.
    9 agosto 2016 - Cinzia Palmacci
  • Uranio impoverito, avevamo ragione
    La lunga lotta di PeaceLink per fare luce sulla Sindrome dei Balcani e sui bombardamenti con uranio impoverito nel mondo

    Uranio impoverito, avevamo ragione

    Il ministero della Difesa è stato giudicato per “condotta omissiva” e condannato al risarcimento di un milione e mezzo di euro alla famiglia del caporalmaggiore Salvatore Vacca
    23 maggio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    30 maggio 2013 - Nadia Redoglia
  • Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"
    Si tagliano continuamente i fondi per la sanità, mentre si continua a sprecare denaro pubblico in armamenti

    Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"

    "Stiamo morendo in una nuova trincea, quella fredda e buia della burocrazia e in quella ancor più spietata dell’indifferenza delle istituzioni militari, in una trincea strana in cui nessuno ti copre le spalle.."
    23 novembre 2012 - Gabriele Caforio
Si apre anche per i poligoni di tiro una prospettiva di mobilitazione e di contestazione

Conclusi i lavori della Commissione di inchiesta sull'uranio impoverito. Il giudizio del senatore Luigi Malabarba

Si sono conclusi questa mattina i lavori della commissione di inchiesta al Senato con l’approvazione della relazione finale. Hanno votato a favore i componenti della maggioranza, mentre l’opposizione si è astenuta e non si e' registrato nessun voto contrario. Il documento approvato ha al suo interno gli emendamenti proposti dai senatori dell’opposizione che sono stati considerati alla stregua di osservazioni.
1 marzo 2006

Senato della Repubblica
Gruppo Rifondazione Comunista
Ufficio Stampa - tel 06 67064289

Comunicato Stampa

URANIO: AL VIA I RICORSI LEGALI
Dichiarazione di Gigi Malabarba, capogruppo PRC e segretario della Commissione d'inchiesta sull'uranio impoverito

"Indipendentemente dalla causa di servizio deve essere assicurata ai militari ammalati e alle famiglie adeguata assistenza sia sotto il profilo dell'accessibilità delle necessarie prestazioni sanitarie che del sostegno del reddito familiare. I benefici previsti per il personale di leva sono estesi logicamente a tutti. La speciale elargizione prevista per i superstiti deve invece essere estesa anche ai militari che abbiano contratto infermità permanentemente invalidanti, mentre l'importo della stessa, pari a lire 50 milioni, deve essere aumentato in misura consistente, anche in relazione all'aumento del costo della vita. Così è scritto nelle conclusioni della Commissione: dopo 15 anni dalla definizione di quell'importo e dopo che alle vittime di Nassiriya sono stati concessi 400 milioni, credo che un risultato sia stato raggiunto, con l'accoglimento degli emendamenti avanzati da Rifondazione Comunista e accolti dal presidente Paolo Franco". E' il primo commento di Gigi Malabarba, capogruppo PRC al Senato e segretario della Commissione d'inchiesta, dopo il voto di astensione sulla relazione conclusiva dei lavori.
"Anche per i poligoni di tiro, in cui imprese e forze armate finora "autocertificano" le loro attività senza controllo alcuno, provocando disastri ambientali e patologie sulle popolazioni civili, deve essere imposto un sistema di registrazione che descriva prima e dopo ciascuna esercitazione o sperimentazione in modo analitico il materiale oggetto dell'attività. Un'analisi del rischio inoltre deve essere presentata al momento della registrazione. Sarà poco, anche perché - a mio avviso - i poligoni in Sardegna devono essere chiusi, ma è un altro punto di appoggio per cominciare a mettere il naso in questo "buco nero" provocato dal ministero della difesa" aggiunge Malabarba.
"Ora le cause legali possono raggiungere gli obiettivi di risarcimento con più facilità, anche se è indispensabile la continuazione dell'attività della Commissione nella prossima legislatura. Se si vince sui militari, infatti, è possibile sfondare anche sui diritti ancor più significativi riguardanti le popolazioni civili nei teatri di guerra e attorno alle basi. La mia conclusione - nonostante la relazione finale sia insoddisfacente a causa del boicottaggio del Ministro della difesa Martino, delle gerarchie militari e delle loro lobby nei partiti - è che non c'è commissione che può sostituire la mobilitazione dal basso, ma che comunque il nostro impegno nella Commissione d'inchiesta segna dei punti a favore delle rivendicazioni contro le armi da mettere al bando, contro le basi e contro le guerre" conclude Malabarba.

Roma, 1 marzo 2006

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)