La lunga lotta di PeaceLink per fare luce sulla Sindrome dei Balcani e sui bombardamenti con uranio impoverito nel mondo

Uranio impoverito, avevamo ragione

Il ministero della Difesa è stato giudicato per “condotta omissiva” e condannato al risarcimento di un milione e mezzo di euro alla famiglia del caporalmaggiore Salvatore Vacca
23 maggio 2016 - Alessandro Marescotti

Sull'uranio impoverito avevamo ragione.

La giustizia ha dato ragione alla famiglia del caporalmaggiore Salvatore Vacca. "A distanza di oltre 16 anni, la Corte d’Appello di Roma ha dato ora ragione alla battaglia della «madre coraggio» Giuseppina, condannando il ministero della Difesa per omicidio colposo", si legge sul Corriere della Sera. 

 

Uranio impoverito, i giornali di sedici anni fa

Chi ci segue dal secolo scorso, sa che fin dal dossier sulla guerra in Kosovo avevamo sollevato, con dovizia di dettagli tecnici, la questione della pericolosità dell'uranio impoverito e del suo uso nei bombardamenti.

Ricostruimmo la storia dell'uso in guerra dell'uranio impoverito. E indagammo anche sui bombardamenti in Iraq.

Il generale Giuseppe Marani (portavoce militare della Nato) dichiara il 17 maggio 1999 che i proiettili all'uranio impoverito "non comportano alcun rischio" e che il loro livello di radioattività "non è superiore a quello di un orologio".

Ma cosa è l'uranio impoverito? Lo spiega bene Manlio Dinucci: "L'uranio impoverito, con cui sono fabbricati i proiettili anticarro usati anche in questa guerra, è un sottoprodotto del processo diarricchimento dell'uranio 238, di cui conserva circa il 65% della radioattività. Grazie alla sua eccezionale densità (pesa 1,7 volte più del piombo) e alla sua natura piroforica, è in grado di penetrare attraversola corazza dei carri, sviluppando all'interno un'altissima temperatura. Al momento dell'esplosione, l'uranio si trasforma in aerosol le cui particelle radioattive, trasportate dalle correnti convettive e dai venti, si spargono su una vasta area. Penetrando nel corpo umano attraverso inalazione, ingestione o contaminazione delle ferite, può provocare tumori e gravi danni genetici alle generazioni successive".

Su PeaceLink sedici anni fa pensammo di mettere la mappa digitale dei Balcani, con i punti dove era stato usato l’uranio impoverito. Allora non c’erano le Google Maps. Francesco Iannuzzelli  costruì le mappe digitali  on line dei bombardamenti che vennero prese d’assalto dai familiari dei militari. Il sito di PeaceLink collassò. 

Organizzammo conferenze. Si avvicinavano timidamente i familiari dei militari e chiedevano se veramente l’uranio impoverito fosse pericoloso. Capimmo che non avevano avuto alcuna informazione dal ministero della Difesa. 

Oggi il ministero della Difesa è stato ritenuto responsabile per non aver protetto adeguatamente il militare.

Oggi i familiari delle vittime dell'uranio impoverito hanno vinto la loro dolorosa guerra per ottenere verità e giustizia, e noi con loro possiamo dire che ne valeva la pena. E aggiungiamo: mai più la guerra. 

Note: Uranio impoverito, ministero della Difesa condannato per la morte di un soldato
http://www.repubblica.it/politica/2016/05/20/news/uranio_impoverito_ministero_condannato-140227199/

Uranio impoverito, la strage silenziosa continua
Le vittime non si contano soltanto fra i nostri militari di ritorno dalle missioni all’estero, ma anche fra i loro figli. La lista dei bambini venuti al mondo con malformazioni e quella degli aborti terapeutici o spontanei continua a salire. E il lavoro della commissione d'inchiestra della Camera è tutto in salita
http://espresso.repubblica.it/inchieste/2015/12/31/news/uranio-impoverito-la-strage-silenziosa-continua-1.244981

Marco Paolini sull'uranio impoverito
https://www.youtube.com/watch?v=OrASCi3ORy8

Allegati

Articoli correlati

  • Uranio impoverito, una strage di Stato
    Disarmo
    I militari italiani colpiti da patologie oncologiche riconducibili all'esposizione a nanoparticelle di metalli pesanti come l'uranio impoverito

    Uranio impoverito, una strage di Stato

    Luciano Cipriani maresciallo dell’Aeronautica militare aveva 47 anni. Nel suo curriculum diverse missioni all’estero, Kosovo, Afghanistan. Aveva respirato a pieni polmoni l’aria di quei luoghi e calpestato le terre avvelenate dalle nanoparticelle, tutto senza protezioni.
    9 agosto 2016 - Cinzia Palmacci
  • Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole
    Sociale

    Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    30 maggio 2013 - Nadia Redoglia
  • Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"
    Disarmo
    Si tagliano continuamente i fondi per la sanità, mentre si continua a sprecare denaro pubblico in armamenti

    Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"

    "Stiamo morendo in una nuova trincea, quella fredda e buia della burocrazia e in quella ancor più spietata dell’indifferenza delle istituzioni militari, in una trincea strana in cui nessuno ti copre le spalle.."
    23 novembre 2012 - Gabriele Caforio
  • Consumo Critico
    Perché riflettere sul nucleare è indispensabile, ed è importante che le nuove generazioni sappiano tutto questo.

    E il NO a fumetti entra nella scuola

    Un incontro a scuola per presentare il libro a fumetti, edito da Altrinformazione, che descrive i perché del nostro pieno NO al nucleare.
    13 maggio 2011 - Roberto Del Bianco

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)