Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Uranio impoverito, una strage di Stato
    I militari italiani colpiti da patologie oncologiche riconducibili all'esposizione a nanoparticelle di metalli pesanti come l'uranio impoverito

    Uranio impoverito, una strage di Stato

    Luciano Cipriani maresciallo dell’Aeronautica militare aveva 47 anni. Nel suo curriculum diverse missioni all’estero, Kosovo, Afghanistan. Aveva respirato a pieni polmoni l’aria di quei luoghi e calpestato le terre avvelenate dalle nanoparticelle, tutto senza protezioni.
    9 agosto 2016 - Cinzia Palmacci
  • Uranio impoverito, avevamo ragione
    La lunga lotta di PeaceLink per fare luce sulla Sindrome dei Balcani e sui bombardamenti con uranio impoverito nel mondo

    Uranio impoverito, avevamo ragione

    Il ministero della Difesa è stato giudicato per “condotta omissiva” e condannato al risarcimento di un milione e mezzo di euro alla famiglia del caporalmaggiore Salvatore Vacca
    23 maggio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    30 maggio 2013 - Nadia Redoglia
  • Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"
    Si tagliano continuamente i fondi per la sanità, mentre si continua a sprecare denaro pubblico in armamenti

    Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"

    "Stiamo morendo in una nuova trincea, quella fredda e buia della burocrazia e in quella ancor più spietata dell’indifferenza delle istituzioni militari, in una trincea strana in cui nessuno ti copre le spalle.."
    23 novembre 2012 - Gabriele Caforio
Intervista

Uranio impoverito. «Riconosciamo il danno»

Giovanni Forcieri, sottosegretario alla Difesa, afferma: «Per gli ammalati, in conseguenza delle missioni, ci deve essere assolutamente il riconoscimento della malattia e dell'indennizzo»
12 gennaio 2007 - Antonio Massari
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

«Carlo Calcagni ha ragione: le conseguenze dell'uranio impoverito vanno oltre il rischio al quale i nostri militari sono esposti». E' l'opinione di Giovanni Forcieri, sottosegretario alla Difesa, che aggiunge: «E per gli ammalati, in conseguenza delle missioni, ci deve essere assolutamente il riconoscimento della malattia e dell'indennizzo».
Sottosegretario, quanto siamo lontani da questo riconoscimento?
Non molto. E mi auguro che al più presto sia rimessa in attività la commissione d'inchiesta parlamentare sull'uranio impoverito. Nella scorsa legislatura, non sempre s'è lavorato in un clima di collaborazione.
Si sono riscontrate resistenze?
Nelle dichiarazioni formali no, ma se guardiamo i fatti...
Guardiamoli.
Il disegno di legge per la commissione d'inchiesta risale al 1997. La commissione parte nel 2004. Aggiungiamo che ci sono voluti mesi per nominare i presidenti e farla lavorare. C'è sempre stato un muro di gomma.
Qual è stato l'ultimo partito a nominare i suoi rappresentanti?
Credo Forza Italia. Non so se sia avvenuto perchè esprimeva il ministero della Difesa.
La nuova commissione potrà attivarsi presto?
Manca solo la nomina del presidente. Ma voglio aggiungere che le conclusioni della vecchia commissione sarebbero già utili, sia al riconoscimento delle malattie, sia all'indennizzo per le cause in corso. A maggior ragione ora auspico un lavoro rapido. Stiamo puntando a un centro d'eccellenza, che raccolga tutti i dati, che oggi ancora non esiste, come non c'è collegamento tra sanità militare e civile.
All'epoca delle missioni, il governo italiano conosceva i rischi legati all'uranio impoverito?
L'ipotesi è circolata. Non posso né confermarla né smentirla. Ma mi risulta che, in ambito Nato, una serie di comunicazioni e precauzioni fossero state indicate. E quindi anche noi avremmo dovuto esserne messi a conoscenza. La vecchia commissione non ha accertato responsabilità.
La locuzione «uranio impoverito» è scomparsa dall'emendamento alla finanziaria: che ne pensa?
Mi dispiace. Tutto nasce con un emendamento dei Verdi, e in particolare di Bulgarelli, i quali chiedevano che una parte dei fondi della Difesa fossero destinati alle bonifiche dei poligoni militari e alle vittime dell'uranio impoverito. Per i primi sono stati stanziati 25 milioni di euro, per i secondi dieci milioni. Purtroppo però l'emendamento è stato riscritto e, a un certo punto, è apparso nel testo - e non so come sia potuto accadere - senza l'accenno all'uranio impoverito. Avevo proposto un testo correttivo, concordato con Verdi e Prc, e mi avevano assicurato che sarebbe stato utilizzato. Invece tutto è rimasto nella forma originaria. Forse non hanno colto la differenza, ma credo sia stato un errore tecnico, non parlerei una volontà politica. Anche perché nell'emendamento più esteso, le vittime dell'uranio sono comprese.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)