Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

Il governo non può eludere il dialogo

Base Usa di Vicenza: la contrarietà della CGIL

La scelta relativa alla base di Vicenza segnerebbe invece solamente un puro aumento nell'impegno del territorio italiano per usi militari.

Segreteria Nazionale CGIL

19/01/2007 - L'annuncio della decisione del Governo Italiano di confermare gli impegni assunti dal governo Berlusconi per l'ampliamento della base di Vicenza suscita vari elementi di perplessità e contrarietà di merito e di metodo.

Pesano ovviamente la responsabilità primaria del governo di centrodestra e la modalità con la quale l'amministrazione della città di Vicenza ha concesso il proprio parere favorevole.

Ma una decisione, presentata come una presa d'atto dovuta, non produce la necessaria trasparenza sui termini dell'intesa sottoscritta e non determina il necessario confronto con la richiesta dell'amministrazione statunitense, che, nel quadro degli impegni internazionali dell'Italia, permetta di valutarne il significato in rapporto alle strategie e agli interessi dell'Italia e dell'Europa, in particolare nello scacchiere mediterraneo e mediorientale. Proprio in quest'area il governo ha finora improntato la propria politica alla ricerca della cooperazione e del dialogo per la pace e la soluzione dei conflitti e al rifiuto di approcci unilaterali fondati sulla forza. La scelta relativa alla base di Vicenza segnerebbe invece solamente un puro aumento nell'impegno del territorio italiano per usi militari.

Inoltre, proprio perché si tratta di materia che fa capo alle sue primarie prerogative, il governo non può non assumere, per la sua parte, la responsabilità del confronto con la diffusa ostilità della popolazione a questa decisione, espressa dalla richiesta referendaria e da numerose mobilitazioni, alle quali anche le strutture della CGIL di Vicenza e della regione hanno partecipato.

E' evidente infatti che la decisione sulla base di Vicenza non è semplicemente una questione urbanistica (che pure merita ogni considerazione visto l'indiscutibile pesante impatto sul territorio), ma interpella l'esercizio della sovranità e la coerenza della politica estera del Paese, e le conseguenza economiche, ambientali e di sicurezza del territorio e della regione interessata dal progetto, che devono fare parte in modo esplicito e trasparente del processo decisionale che il governo dovrebbe realizzare. Tale processo non può eludere una fase di dialogo e di confronto che risponda alla molteplicità dei problemi sollevati nel territorio e l'avvio ravvicinato della riflessione sull'insieme delle servitù militari del Paese, peraltro già previsto dal programma di governo.

Roma 19 gennaio 2007

Note:

http://www.cgilvicenza.it
http://www.altravicenza.it

Invece CISL E UIL chiedono l'ampliamento della base Usa

TELEVIDEO 18/01/2007 00:25
VICENZA, SI'A BASE USA SIT-IN A ROMA
VICENZA, SI'A BASE USA
SIT-IN A ROMA

Sit-in in piazza Montecitorio per il sì all'ampliamento della base americana di Vicenza.

Alcune centinaia di persone, provenienti da diverse città del Veneto, hanno manifestato davanti alla Camera con striscioni e bandiere a stelle e strisce. Al sit-in hanno aderito anche le sezioni locali di Cisl e Uil che sottolineano "l'importanza economica" della presenza Usa per la città veneta.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)