Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

il commento

Pochi minuti per colpire, e l'Italia acconsente

Europa in balia Conteranno solo i «protocolli» del Pentagono: risposta pronta, anche nucleare, in 2-12 minuti
11 maggio 2007
Manlio Dinucci - Tommaso Di Francesco
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Funzionari dell'amministrazione Bush, recatisi a Praga e Varsavia, stanno mettendo a punto gli accordi sulle prime installazioni dello «scudo» antimissili in Europa: una stazione radar nella Repubblica ceca e 10 missili intercettori in Polonia. Così tutto sarà pronto quando arriverà il presidente Bush, che il 5 e l'8 giugno visiterà i due paesi. «C'è un comune desiderio - ha assicurato il segretario generale della Nato Jaap de Hoop Scheffer - che qualsiasi sistema statunitense dovrebbe essere complementare a qualsiasi sistema Nato di difesa missilistica». Una formula diplomatica per nascondere il fatto che Washington, sapendo che la Francia si oppone (almeno finora) e altri governi sono dubbiosi, non ha chiesto all'Alleanza di realizzare lo «scudo», ma l'ha scavalcata assicurandosi il consenso di singoli governi (Gran Bretagna, Polonia, Repubblica ceca, Italia).
«Questo è un sistema statunitense: il suo comando e controllo rimarrà quindi nelle mani degli Stati uniti», ha detto a chiare lettere il sottosegretario Usa alla difesa Eric Edelman. Ha quindi spiegato: «Per la difesa missilistica, i tempi sono oggi molto più brevi di quanto fossero durante la guerra fredda. Allora avevamo 30 minuti per decidere la risposta. Oggi, a seconda delle circostanze, abbiamo una finestra tra 2 e forse 12 minuti». Quindi, «i protocolli di esecuzione sono preprogrammati nel sistema». In altre parole, una volta schierati in Europa (non solo in Polonia ma, com'è nei piani del Pentagono, anche in altri paesi Italia compresa), i missili intercettori potranno essere lanciati senza il consenso dei paesi in cui sono installati. Gli stessi governi europei non saranno neppure preavvisati, in quanto la «finestra» di 2-12 minuti non lascia tempo. Una volta coperti dallo «scudo», i paesi europei saranno quindi in balia dei «protocolli di esecuzione preprogrammati» dal Pentagono. E la «risposta», di cui parla Edelman, prevede non solo l'uso dello «scudo» ma anche l'attacco nucleare, compreso quello «preventivo».
La segretaria di stato Condoleezza Rice si recherà a Mosca, il 14-15 maggio, a spiegare che lo «scudo» in Europa serve a fronteggiare i missili iraniani e nord-coreani e non ad acquisire un vantaggio strategico sulla Russia. Sarà però difficile che le credano. Il radar nella Repubblica ceca sarà la prima installazione di una rete di intelligence, attraverso cui il Pentagono potrà monitorare più efficacemente il territorio russo. I missili intercettori in Polonia, e gli altri che dovrebbero essere installati ancora più a est, sono costituiti dai primi due stadi del missile balistico intercontinentale Minuteman II e potrebbero essere potenziati sostituendoli con quelli del Minuteman III. La Russia avrà quindi a ridosso del suo territorio missili balistici intercontinentali statunitensi riadattati, ma sempre riarmabili con testate nucleari. Alla camera dei rappresentanti a maggioranza democratica, il sottocomitato delle forze strategiche ha criticato l'amministrazione perché l'estensione dello «scudo» all'Europa provoca reazioni sempre più forti a Mosca, e ha votato per ridurne il finanziamento. Quindi ora c'è da aspettarsi che Bush chiederà ai governi europei una maggiore compartecipazione al finanziamento del progetto.
In questa faccenda sempre più complessa e pericolosa il governo Prodi ha trascinato l'Italia, firmando in segreto al Pentagono l'accordo-quadro, che il generale Obering ha definito «pietra miliare di maggiore importanza» nelle relazioni Usa-Italia. Nessuno ne dubita. Solo che è la pietra miliare della strada che porta alla guerra.

Articoli correlati

  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • In difesa dei nativi americani
    Pace
    Il movimento di opposizione all’Indian Removal Act

    In difesa dei nativi americani

    Jeremiah F. Evarts (1781–1831) era un missionario, riformatore e attivista cristiano per i diritti degli indiani d'America. Si distinse per la difesa dei diritti degli indiani d'America.
    Redazione PeaceLink
  • Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi
    Disarmo
    La sicurezza degli Stati passa attraverso il controllo capillare del territorio

    Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi

    La nozione di sviluppo tecnologico è una nozione inscindibile da quella di sviluppo capitalistico, si trattava pertanto di smascherare la presunta neutralità della scienza
    29 marzo 2021 - Rossana De Simone
  • AI - La nuova corsa agli armamenti
    Disarmo
    Intelligenza artificiale e armi autonome

    AI - La nuova corsa agli armamenti

    USA e Cina, e non solo, gareggiano sul fronte pericoloso della delega delle operazioni militari a sistemi autonomi in contesti sempre più complessi, come i combattimenti in volo
    3 dicembre 2020 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)