Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Sei atomiche a spasso nei cieli Usa

Un bombardiere B-52 caricato «per errore» con testate da 5 a 15 chilotoni sorvola tutti gli Stati uniti a nord a sud prima che qualcuno se ne accorga. Bush infuriato, saltano teste, partono inchieste, il Congresso pretende spiegazioni
6 settembre 2007
Matteo Bosco Bortolaso
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Terrore nucleare dal cielo, come nel Dottor Stranamore. La minaccia non arriva dal presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad o dal nordcoreano Kim Jong Il. E' tutta made in Usa. La settimana scorsa sei missili con testate nucleari sono stati caricati per sbaglio su un bombardiere B-52 a stelle e strisce, che ha sorvolato per circa tre ore i cieli d'America, da nord a sud.
E' da oltre quarant'anni che armi simili non vengono fatte volare sui bombardieri. Eventualmente si preferisce usare aerei cargo. Kennedy e Krusciov, all'epoca, avevano sottoscritto un trattato in materia. Un trattato che il sorvolo nucleare della settimana scorsa potrebbe aver violato, secondo un ex generale dell'aviazione, Don Shepperd. L'inquietante episodio risale al 30 agosto scorso e riguarderebbe sei advanced cruise missiles sui quali erano agganciate testate di una potenza compresa tra i cinque e i quindici chilotoni. I missili hanno volato dal North Dakota alla Louisiana, attraversando da nord a sud tutti gli Stati Uniti, apparentemente senza che l'equipaggio del B-52 se ne accorgesse. Solamente dopo l'atteraggio nella base di Barksdale, in Louisiana, l'aviazione militare ha scoperto le testate nucleari.
La rivelazione arriva dalla rivista militare Army Times. I militari statunitensi si rifiutano di discutere di armi atomiche e non hanno confermato che gli armamenti trasportati fossero effettivamente nucleari. Nemmeno il portavoce del Pentagono Byan Whitman ha voluto commentare l'incidente, seguendo le rigide abitudini del ministero della difesa, dove, comunque, tre fonti coperte dall'anonimato hanno confermato quanto scritto dalla rivista. Il colonnello Edward Thomas, comunque, ha sottolineato ad Army Times che «le armi sono sempre rimaste sotto la nostra custodia e non c'è mai stato un pericolo per la popolazione americana».
Il comandante della squadra aerea è stato rimosso dall'incarico. I militari della base del North Dakota coinvolti nell'incidente sono stati allontanati da compiti legati alla gestione di ordigni atomici. Un'inchiesta è stata lanciata dal ministero della difesa e sarà guidata dal generale Douglas Raaberg, del quartier generale dell'Air Combat Command.
I missili - destinati ad essere disattivati - dovevano essere caricati sul B-52, una gigantesca fortezza aerea, privi delle testate nucleari. Le autorità militari, comunque, hanno sottolineato che anche in caso di incidenti le testate non avrebbero potuto essere attivate e non c'erano rischi apocalittici: i codici di lancio delle armi atomiche sono custoditi alla Casa Bianca. Ventuno tonnellate, quota massima 15 mila metri, velocità massima 1.028 km/h e un raggio di azione di 7 mila chilometri senza rifornimento: questa è la carta d'identità dei B-52, vere e proprie fortezze volanti in servizio da oltre mezzo secolo, che rimangono più che attivi che mai. Sono infatti i principali bombardieri nucleari di cui dispongono gli Stati Uniti e rimangono ancora oggi uno dei veicoli d'attacco più grandi e potenti del mondo. Il primo B-52 compì il proprio volo inaugurale nel 1952. Da allora il bombardiere è stato utilizzato in tutte le guerre e le operazioni militari americane nel mondo: Vietnam, Afghanistan, Iraq. Neppure l'entrata in scena dei più moderni B-1B e B-2 ha mandato in pensione i B-52, che il Pentagono conta di tenere attivi forse fino al 2040. Dei 744 esemplari costruiti - l'ultimo ad uscire dalla catena di montaggio risale al 1961 - ne restano operativi solo 94, tutti del modello H. Le due principali basi che ospitano questo tipo di bombardierei negli Usa sono proprio Minot in North Dakota e Barskdale in Louisiana. Ma è a Washington, la capitale, che è evidente l'imbarazzo di vertici militari e dell'amministrazione. Il presidente George W. Bush è stato informato della vicenda, mentre il capo degli stati maggiori del Pentagono, il generale Peter Pace, ha dato via ad ulteriori accertamenti. Il Congresso scalpita, chiedendo spiegazioni: secondo il presidente della commissione sulle forze armate della Camera, Ike Skelton, «il popolo americano, i nostri alleati e i nostri potenziali avversari devono essere certi che quando si tratta dell'arsenale nucleare, noi applichiamo i più alti standard di sicurezza». Anche Ahmadinejad e Kim Jong Il, insomma, devono essere rassicurati.

Note: L'immancabile B-52
Già visto. Ma finora solo al cinema

Finora si era visto ma solo al cinema. Nel 1964, in «Il dottor Stranamore» diretto da Stanley Kubrik e interpretato da Peter Sellers, il generale Ripper, convinto che esista un complotto comunista per conquistare il mondo libero, ordina un attacco di bombardieri atomici B-52. Inutili i tentativi del presidente di rimediare: un B-52 andrà avanti e, a cavalcioni di una bomba, il pilota scenderà felice sul suo obiettivo. Sempre nel '64 in «Sette giorni a maggio» di John Frankenheimer, il presidente Usa, in un futuro 1980 e in piena guerra fredda, firma l'accordo di disarmo con l'Urss. Il capo di stato maggiore è contrario alla scelta e trama un golpe. Il presidente riuscirà a sventare il complotto, che vedeva fra le sue armi anche quelle nucleari e gli immancabili B-52.

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva
    Disarmo
    Commissione UE: armi " beni essenziali"

    Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva

    Sinistra Europea nell’Europarlamento ha lanciato una campagna per bloccare l’iniziativa: "La proposta di finanziare con le nostre tasse, attraverso l’abbattimento dell’Iva, il commercio delle armi, è una proposta semplicemente criminale", ha commentato Paolo Ferrero, vice presidente di SE
    13 novembre 2021 - Gregorio Piccin
  • Abolizione nucleare e diritto alla pace: l'attivismo in piazza
    Ecologia
    Cop26 Glasgow, respingiamo l'innaturale alleanza nucleare-rinnovabili

    Abolizione nucleare e diritto alla pace: l'attivismo in piazza

    E' molto grave la dichiarazione della presidente della Commissione UE, al termine del vertice del 23 ottobre: "Il nucleare serve all'Europa per fare i conti con la crisi energetica".
    30 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)