Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Vicenza

Quando una base è troppa, figurarsi due

Un paio di considerazioni sui fatti accaduti il 4 Luglio
6 luglio 2009
Spartaco Vitiello

Mi sono trovato personalmente ad assistere alla scena documentata in queste immagini:

Un'immagine degli scontri di sabato 4 luglio Un'immagine degli scontri di sabato 4 luglio

e i video numero 6, 5 e 4 che al momento si trovano nella parte centrale della home page di http://www.globalproject.info/.

A mio parere, cinquanta persone che avessero attraversato il fiume in costume da bagno e avessero piantato sull'argine (in tutta sicurezza perché lì la polizia non poteva nemmeno arrivare) altrettante bandiere ed uno stiscione avrebbero dato un'immagine che poteve fare il giro del mondo e dare un - piccolo, ma comunque valido - contributo alla lotta contro la base. Cento persone col casco integrale e il fazzoletto in faccia che per agitare (e far sfilare dall'asta...) una (1) bandiera lanciano in maniera del tutto gratuita ed inutile fumogeni e sassi contro la polizia, possono al massimo finire su qualche "blob" di cose ridicole, possono fornire utili immagini alla propaganda di Maroni o forse suscitare l'entusiasmo di chi si trova incastrato nel circolo vizioso lotta-repressione-lotta.

E questo lo dico con rispetto e ammirazione per l'energia che questi ragazzi mettono in campo e per le motivazioni profonde che la muovono.

E' giustissimo gridare ai militari (unico pubblico fisicamente presente della manifestazione) "noi siamo diversi" ma poi bisogna veramente pensare e agire in modo diverso, non scimmiottarli.

Un ragionamento analogo vale per i fatti più gravi accaduti alla testa, io non c'ero, ma ho sentito molte testimonianze,  i video http://dailymotion.virgilio.it/video/x9rtw3_scontri-a-vicenza_news mostrano chiaramente che cento persone con casco, fumogeni ed estintori usati a sproposito hanno cercato e voluto la reazione dei militari che si trovavano in una posizione sì provocatoria, ma che non impedivano l'avanzamento del corteo lungo il percorso prestabilito. Se fin dall'inizio alla testa del corteo ci fossero state le donne la manifestazione sarebbe stata totalmente pacifica, la copertura mediatica ci sarebbe stata ugualmente ed i telegiornali non avrebbero trasmesso immagini che servono solo a convincere i vicentini indecisi che è pericoloso manifestare.

Note: Guarda la galleria fotografica della manifestazione del fotografo Fernando Piezzi.

Articoli correlati

  • La nostra solidarietà ai giovani americani
    Editoriale
    Protestano pacificamente contro il sostegno militare Usa all'esercito israeliano

    La nostra solidarietà ai giovani americani

    Chiedono un cambiamento significativo nella politica di Biden verso Israele ma ottengono pallottole e arresti. Catherine Elias - leader della protesta - dice: "Siamo nel Paese che non solo finanzia, ma produce e crea anche la maggior parte delle bombe che vengono lanciate su Gaza".
    26 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
  • "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"
    Economia
    Intervista a Jeffrey Sachs sulla guerra in Ucraina, la Nato, l'Europa, gli USA e la Cina

    "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"

    "Gli Stati Uniti hanno chiamato il primo ministro Meloni e hanno detto di uscire dalla Via della Seta. Pensate che abbia avuto da sola quell’idea? L'idea statunitense è che nessuno debba rivaleggiare con la potenza degli USA. Dovremmo invece puntare a costruire un mondo multipolare e cooperativo".
    6 febbraio 2024 - Jeffrey Sachs
  • Schede
    Il 26 maggio 2004 il New York Times riconobbe i propri errori pubblicando un articolo

    Le presunte armi di distruzione di massa di Saddam in Iraq

    Giornali come il New York Times, fino al 2003 ostili alla guerra, finirono per accettare come veritiere le affermazioni di Powell e per considerare ineluttabile l'intervento armato. A guerra terminata non fu trovata alcuna traccia di quelle fantomatiche armi.
    16 novembre 2023
  • L'Assemblea generale dell'ONU vota per la fine dell'embargo a Cuba
    Latina
    Una sola nazione si è astenuta: l'Ucraina

    L'Assemblea generale dell'ONU vota per la fine dell'embargo a Cuba

    Solo due nazioni hanno votato per mantenere l'embargo: Stati Uniti e Israele.
    L'embargo a Cuba è stato istituito dagli Stati Uniti nel 1960, in risposta alla rivoluzione cubana guidata da Fidel Castro. L'anno successivo la CIA organizzò anche un tentativo di invasione che però fallì.
    3 novembre 2023 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)