Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

L'orecchio indiscreto del "Grande Fratello"

Spionaggio C4i a Taranto

Che con il nodo C4I aumenti il peso della presenza militare della Marina USA, è sicuro, come anche attraverso di esso passeranno ordini ed informazioni di elevato carattere decisionale, sia in caso di pace che di guerra, sullo scacchiere Adriatico-Balcanico e del Mediterraneo Centroorientale.
1 marzo 2004
Tonino Camuso

Leggiamo su "Rivista Militare" (edita dallo Stato Maggiore Esercito) n. 3 di Maggio/Giugno 2000, in un articolo sui sistemi C4I a cura del Brigadiere Generale Angelo Pacifici comandante operativo del raggruppamento C4 di Infrastruttura:
"… è un sistema informatico di comando, controllo e comunicazioni, informatico gestionale e/o informatico dedicato esclusivamente all’attività informativa (intelligence, spionaggio… n.d.r.) e che nella funzione C4 è il naturale supporto per la funzione C2 (Comando e controllo)…".
In poche parole, grazie alle alte tecnologie impiegate nel sistema C4I, utilizzando reti che viaggino sia su satelliti che su reti dedicate (Internet e/o INTRANET della Forza Armata in questione), permette la presenza virtuale in ogni punto operativo del C4I del Comando (che si chiami Pentagono, o comando Nato, o ecc…) e nel contempo di "processare" una infinità di informazioni provenienti dal campo operativo (di battaglia) o dall’acquisizione da opera di spionaggio di qualsiasi genere, politico, economico, personale, ecc.
Questi sistemi sono nell’attuale filosofia militare la chiave di volta per vincere le guerre future, consentendo allo Stato Maggiore l’accesso a tutte le informazioni utili in tempo reale e d’essere ovunque, raggiungendo e controllando sul campo di battaglia, purché connesso al sistema C4I, anche il singolo soldato.
Nel prossimo futuro, i sistemi C4I Avanzati controlleranno la flotta robotica che dovrà sostituire le troppo dispendiose flotte guidate da umani. Sono stati stanziati miliardi per la costruzione del primo prototipo di portaerei robot, che a sua volta potrà accogliere squadriglie d’aerei robotizzati, senza pilota. L’intento dichiarato dal Pentagono è creare una rete di navi robot collocate in punti caldi del mondo, in acque internazionali e capaci di colpire dove gli interessi USA siano in pericolo e senza richiedere aiuto ad alcuno e sottostare a mediazioni con gli alleati.
Leggiamo su "Rivista Aeronautica" 5/99 (periodico dell’Aeronautica Militare Italiana) che attualmente le Forze Armate Europee, carenti dei costosi sistemi C4I e per le iniziative multinazionali della CJTF (Task Force Comune), dovranno utilizzare (sotto controllo e supervisione USA) i sistemi C4I statunitensi. Questo è stato deciso nel Luglio ’97 a Madrid, in un vertice di capi di Stato e di governo - compreso il nostro - onde permettere che le iniziative a guida UEO non fossero una farsa e comunque ogni decisione politico-militare europea fosse sempre controllabile dal proprietario/appaltante dei sistemi C4I (il Pentagono).
Fanno bene pacifisti, antimilitaristi, Peacelink a preoccuparsi?
Che con il nodo C4I aumenti il peso della presenza militare della Marina USA, è sicuro, come anche attraverso di esso passeranno ordini ed informazioni di elevato carattere decisionale, sia in caso di pace che di guerra, sullo scacchiere Adriatico-Balcanico e del Mediterraneo Centroorientale. Se poi ipotetiche decisioni ed informazioni italiane e/europee, ma anche comunicazioni, passando per il nodo C4I di Taranto, saranno sotto l’occhio e l’orecchio indiscreto del Grande Fratello Americano, se è vero, sarà cosa poco piacevole ma… non è la pura realtà? Siamo pur sempre un Paese a sovranità limitata (come orgogliosamente afferma D’Alema nel suo libro sul Kosovo) e come tale dobbiamo sottostare a ciò che ci rifila il nostro padre-padrone: il Pentagono ed il mostruoso complesso militar-industriale che esso alimenta, compresa la minuscola Logicon Inc., di Arlington, installatrice del C4I di Taranto.

Antonio Camuso
Osservatorio sui Balcani di Brindisi

Note: Sabato 7 marzo 2004 ore 18 incontro di studio a Taranto sul rischio nucleare e la nuova base Usa. Si terrà presso l'Istituto Tecnico Fermi in Corso Italia. Partecipano Tonino Camuso, Tonino Drago e Alessandro Marescotti.

Articoli correlati

  • A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin
    Taranto Sociale
    Il 14 novembre sarà presentato e moderato da Alessio Giannone alias Pinuccio

    A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin

    Edouard Martin - una figura centrale del documentario di Jérôme Fritel - sarà presente alla proiezione. Lavoratore siderurgico e poi sindacalista di CDFT, è stato l’icona della lotta operaia dei siti ArcelorMittal in Francia.
    26 ottobre 2019
  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)