Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh
  • New York

    L'era atomica sta per finire - di Alfonso Navarra

    Oggi all'ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari.
    7 luglio 2017 - Laura Tussi
  • A New York la riunione ICAN
    Campagna internazionale per la messa al bando delle armi nucleari

    A New York la riunione ICAN

    La mattina di mercoledi 6 luglio affollata riunione dell’ICAN, con quasi un centinaio di partecipanti e molti interventi. La linea che è emersa definisce prioritario il portare a casa il Trattato di fronte alle pressioni ed ai ricatti che crescono per arenare la proibizione giuridica delle armi nucleari.
    6 luglio 2017 - Alfonso Navarra
“Quando volano gli aerei senza pilota sui paesi stranieri, quando attaccano e uccidono, ciò non vuol dire che vi sia in guerra”.

Non solo Iran: la guerra silenziosa dei droni

La tecnologia robotica UAV è un’arma che avrebbe bisogno di un nuovo quadro etico. Molti la vedono come un nuovo stile di combattimento perché i droni girano in uno spazio, e attendono il momento migliore per attaccare con precisione.
12 dicembre 2011 - Rossana De Simone

CIA

Nell’articolo la “Guerra silenziosa. La nuova dottrina di Barack Obama: Strategie d’azione. Contro l’Iran niente bombe fragorose ma attacchi cibernetici e uccisioni mirate.” Carlo Jean scrive che la strategia del presidente Obama è profondamente diversa da quella del suo predecessore Bush jr.
http://www.iltempo.it/interni_esteri/2011/12/11/1308660-guerra_silenziosa_nuova_dottrina_barack_obama.shtml

In realtà le cose non stanno così. Possiamo però affermare che Obama ha già iniziato la guerra all’Iran? Una guerra silenziosa appunto, condotta non al limite del diritto internazionale, ma oltre il diritto internazionale. Per tornare al confronto con la gestione Bush, basta leggere il documento “la strategia nazionale per controterrorismo 2011” redatto dalla Casa Bianca, per trovare le idee più estreme della gestione del precedente presidente.
http://www.whitehouse.gov/blog/2011/06/29/national-strategy-counterterrorism

Il 17 settembre 2011, immediatamente dopo l’attacco alle torri del World Trade Center, Bush aveva autorizzato la CIA a intraprendere una guerra globale. Secondo il giornalista Suskind, la CIA aveva individuato terroristi in 60 paesi e il Segretario della Difesa Rumsfeld aveva cominciato a sviluppare piani per operazioni speciali.
http://www.democracynow.org/2008/8/13/the_way_of_the_world_ron

microuav

Nell'era di Obama si è arrivati ad elencare circa 75 paesi e si è individuato nei droni l’arma perfetta.
“Quando volano gli aerei senza pilota sui paesi stranieri, quando attaccano e uccidono, ciò non vuol dire che vi sia in guerra”. Questo è ciò che sostiene il presidente Obama. Ma se è l’Iran a far saltare in aria la casa di un sospetto funzionario della CIA negli USA, come reagirebbe l’America? Sicuramente direbbe che è un atto di guerra.
Il presidente Bush aveva autorizzato l’uso dei mezzi dell’intelligence per distruggere la guardia rivoluzionaria iraniana, per attaccare gli scienziati nucleari e il sistema di computer iraniano.
Obama conta di usare le insurrezioni lungo i confini del paese e quelle all’interno dell’Iran, aumenta la vendita ai paesi del Golfo Persico di anti-bunker, munizioni, aerei da combattimento e altro hardware militare, per aumentarne le capacità offensive e difensive.
U.S. Eyes Covert Plan to Counter Iran in Iraq
http://online.wsj.com/article/SB10001424053111903895904576547233284967482.html?mod=googlenews_wsj

La tecnologia drone può essere sofisticata, ma può essere decodificata e replicata, e quaranta paesi hanno già UAV nei loro arsenali. Quando gli americani conducono attacchi con i droni dovrebbe chiedere l’autorizzazione del governo locale o, come nel caso della Libia, lo dovrebbe fare come parte di una forza multinazionale. Nel Pakistan la campagna con i droni si è intensificata dimostrando fino a che punto gli USA sono capaci di agire autonomamente senza che i legislatori abbiano dato una risposta alle questioni riguardanti la guerra con questi velivoli.
Gli USA possono arrogarsi il diritto di vita e di morte di persone di tutto il mondo?
Monitoring Anti-State Armed Conflicts in South Asia http://cmcpk.wordpress.com/category/monthly-security-reports/ Drone Attacks in Pakistan http://cmcpk.wordpress.com/drone-attacks-in-pakistan/

In genere l’UAV è gestito dall’intelligence e sottoposto al suo commando. Qualora sia armato e debba intervenire a supporto di altre attività, l’unmanned finisce sotto il controllo di un secondo comandante (aeronautica), nel caso invece di una operazione speciale finisce sotto il comando di un terzo, quello delle special forces. Lo abbiamo visto durante l’operazione dell’unità d'elite della marina.
Seal Team 6: inside the Osama bin Laden assassination squad
http://www.guardian.co.uk/world/2011/may/04/seal-team-6-inside-osama

Il drone RQ-19 Sentinel che gli iraniani hanno mostrato al mondo, ha riaperto la polemica che il presidente Obama possa prevedere di lanciare raid in Iran con l’aiuto di forze speciali per distruggerlo. Questa opzione è stata abbandonata solo perché sarebbe stata considerata un atto di guerra con conseguenze incalcolabili.
Gli Stati Uniti hanno usato i satelliti per anni per raccogliere informazioni sui siti nucleari iraniani, ma il Sentinel RQ-170 dispone di nuove possibilità e funzioni. Può volare ad altitudini alte, è in grado di rimanere in aria per ore, ha sensori multipli per le immagini, può intercettare comunicazioni elettroniche e può prelevare campioni d’aria per verificare se vi siano sostanze chimiche che potrebbero indurre a credere che è attivo, in quella zona, un programma nucleare.
Con il video a terra si può vedere il via vai delle persone e altri movimenti che un satellite non potrebbe rilevare. In mano all’Iran ci sarebbero dunque non solo i segreti del rivestimento stealth, i suoi sensori e le sue telecamere, ma anche i dati memorizzati nel computer che segnerebbero gli obiettivi di un attacco americano e/o israeliano.
Il sistema ha rivelato una sua debolezza in quanto si sarebbe dovuto avviare il processo automatico di distruzione in quanto la RAND ha affermato che quando qualcosa va storto durante un volo dei droni, questo è programmato per tornare automaticamente alla base.
Evidentemente non è stato attivato e, sebbene le informazioni siano crittografate, è evidente che non esiste una perfezione tecnologica. E c’è poco da ridere.
Drone Wars: Iran Unlikely To Benefit Much From Windfall
http://www.forbes.com/sites/lorenthompson/2011/12/08/drone-wars-why-iran-is-still-in-the-dark/

Una falla si era già aperta quando i sistemi di controllo a terra della Air Force Base in Nevada, sono stati infettati da un virus informatico. I tecnici dell’Air Force sono stati costretti a cancellare completamente i dischi rigidi interni del GCS e non sono ancora sicuri di come sia penetrato e da dove proviene.
http://www.forbes.com/sites/alexknapp/2011/10/08/americas-drones-have-been-infected-by-a-virus/

Il governo iraniano ha emesso una denuncia formale convocando l’ambasciatore svizzero Livia Leu Agosti che gestisce la diplomazia per gli Stati Uniti in Iran. I funzionari iraniani hanno detto che questa è l’ennesima prova che vi siano azioni di spionaggio nei suoi confronti.
Iran Reports Arrest of U.S. Spy Ring
http://www.nytimes.com/2011/06/23/world/middleeast/23tehran.html?_r=1

L’esitazione da parte dei funzionari americani nel confermare che il velivolo che si è schiantato era il Sentinel della Lockheed Martin, sta a significare che vi sono altri droni in Iran.
La tecnologia usata da questo UAV è la stessa che ha rivelato il nascondiglio di Osama bin Laden.
Bin Laden non è mai stato visto ma il via vai di gente importante ha rivelato che lui era lì e gran parte delle informazioni critiche sono state raccolte dal sistema di sensori FMV.
Sia la CIA sia il Geospatial-National Intelligence Agency (NGA) hanno basato le proprie attività di intelligence sulle capacità FMV come chiave delle analisi di intelligence. Si tratta di un sensore full-motion video.

La tecnologia robotica UAV è un’arma che avrebbe bisogno di un nuovo quadro etico. Molti la vedono come un nuovo stile di combattimento perché i droni girano in uno spazio, e attendono il momento migliore per attaccare con precisione.
Durante una riunione della American Society of International Law, Peter Singer del Brookings Institution ha detto che le nuove tecnologie hanno cambiato le regole del gioco. I droni sono gestiti da piloti seduti di fronte a schermi di computer ma non bisogna ignorare che sono sottoposti agli stessi stress dei piloti coinvolti nei cieli.
Regole speciali per i droni?
http://www.asil.org/insights101112.cfm

virus drone

Gli incidenti in cui sono coinvolti i droni sono più alti di quelli dei velivoli pilotati.
Dal momento che il velivolo “sa quello che deve fare”, la missione prosegue anche in caso di interruzione della comunicazione tra il velivolo stesso e la stazione di controllo.
Il ruolo passivo dell’operatore, responsabile solo del monitoraggio del sistema durante tutta la missione, fa sì che vi siano difficoltà nel riprendere il controllo del sistema quando qualcosa non funziona come previsto. Ricerche hanno dimostrato che dopo 30 minuti di monitoraggio di un sistema si abbassa il livello di allerta dell’operatore, in più i bassi livelli di “quota di lavoro” richiesti fanno sentire l’operatore “dis-accoppiato” con il sistema non solo nell’agire, ma anche nel sentirsi responsabile della missione perchè è il sistema che esegue la missione.
I diversi livelli di automazione non forniscono al velivolo capacità decisionale. Esso non reagisce autonomamente, non decide di modificare o meno la missione ad eventi non programmati quali un suo malfunzionamento, oppure un cambiamento dello scenario operativo in cui sta volando.
Un incidente che interessi un sistema non viene causato da un singolo ed isolato evento, ma piuttosto da un insieme di eventi concatenati. Nel caso degli UAV, molti degli incidenti analizzati hanno come causa scatenante un problema al velivolo a cui esso stesso non sa reagire, spesso l’operatore non comprende lo stato alterato del velivolo e non prende il controllo diretto.
I primi prototipi sono stati utilizzati già negli anni ’50, ma la svolta si ebbe nel 1982 quando Israele schierò questi sistemi nella valle di Bekaa nel Libano per fornire informazioni per l’intelligence, per la sorveglianza e la ricognizione e attivare i sistemi di difesa aerea siriani dell’aria.
Gli Stati Uniti iniziarono quindi ad acquistare i sistemi unmanned israeliani (il Pioneer) e a sviluppare nuovi sistemi come il “Predator RQ-1. Tale sistema dal 1996 è stato usato nei Balcani e poi una volta munito di missili aria-terra in Kosovo, Afghanistan, Iraq.
Il Northrop-Grumman Global Hawk RQ-4 ha volato per la prima volta nel 1988 ed è stato usato sia in Afghanistan ed Iraq. In questi scenari sono stati utilizzati anche gli UAV di ridotte dimensioni definiti mini-UAV e micro-UAV, trasportati direttamente dai soldati sul campo e impiegati in voli a bassa quota e corto raggio.
Il sistema UAV, velivolo senza pilota a bordo, comprende il velivolo, i sistemi per la navigazione, il controllo ed il payload, sensori, telecamere, sistemi per l’atterraggio. Vi sono velivoli che sono controllati direttamente da un pilota esterno alla stazione di controllo che comanda manualmente il velivolo in fase di decollo e atterraggio, velivoli che per il decollo vengono lanciati da una catapulta e che atterrano autonomamente, e infine vi sono velivoli che decollano e atterrano automaticamente. Ci sono 10 livelli di automazione in ognuno dei quali l’operatore e la macchina cedono o acquisiscono autonomia. Il livello 1 corrisponde al controllo manuale, mentre il livello 10 corrisponde alla completa autonomia. A partire da tale livello si scende verso livelli che prevedono un sempre maggiore coinvolgimento dell’operatore. Ogni livello definisce la possibilità di decisione e d’azione sia dell’individuo sia della macchina.
Nel caso in cui la missione è completamente pianificata prima del decollo del velivolo, il compito primario dell’equipaggio durante la missione è quello di monitorare lo stato del velivolo e di controllare il payload. Questo è il caso del Global Hawk che risulta essere il velivolo più automatizzato di quelli attualmente in uso.
Oltre il drone vero e proprio, il sistema comprende il Sistema di Terra GSS (Ground Support System) costituito da una parte fissa UAV CC (UAV Control Center) e da una parte mobile MGS (Mobile Ground Segment). La Ground Control Station è l’interfaccia che mette in diretto contatto l’operatore con l’aeromobile ed è fornita di tutti gli strumenti necessari per comandare il velivolo.
A seconda del livello di automazione implementato, i display attraverso i quali gli operatori (il vehicle operator, che ha il comando del velivolo, ed il payload operator, che gestisce il payload) ricevono tutte le informazioni provenienti dai sensori e dalle telecamere di bordo riguardo lo stato del sistema (velivolo, sistemi di comunicazione) e dello scenario nel quale il velivolo vola.
L’Italia ha utilizzato piattaforme UAV in azioni belliche con i Predator già nel 2004 in Iraq. In ambito industriale esempi di piattaforme UAV sviluppate sono il Falco della Galileo Avionica e lo Sky-X di Alenia Aeronautica ed è inserita anche in progetti europei come il progetto europeo Neuron che ha come obiettivo di costruire e portare sul campo un UCAV stealth entro il 2012.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)