Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Risoluzione 1368 (2001)

12 settembre 2001
Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Risoluzione 1368 (2001)
Adottata dal Consiglio di Sicurezza nel corso della sua 4370esima riunione il 12 settembre 2001

Il Consiglio di Sicurezza,
riaffermando i principi e gli scopi della Carta delle Nazioni Unite,
determinato a combattere con tutti i mezzi le minacce alla pace e alla sicurezza internazionali causate dagli atti terroristici,
riconoscendo il diritto intrinseco all'autodifesa individuale o collettiva in accordo con la Carta,

1. condanna inequivocabilmente nei termini più forti possibili i raccapriccianti attacchi terroristici che hanno avuto luogo l'11 settembre 2001 a New York, Washington, D.C. e in Pennsylvania e considera tali atti, come qualsiasi atto di terrorismo internazionale, una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali;

2. esprime il più profondo cordoglio alle vittime, alle loro famiglie e al popolo e al Governo degli Stati Uniti d'America;

3. fa appello a tutti gli Stati affinché lavorino urgentemente insieme per assicurare alla giustizia gli autori, gli organizzatori e gli sponsorizzatori di questi attacchi terroristici e sottolinea che i responsabili dell'aiuto, del supporto o della protezione degli autori, degli organizzatori e degli sponsorizzatori di questi atti verranno considerati responsabili;

4. fa inoltre appello alla comunità internazionale affinché raddoppi i suoi sforzi per prevenire e reprimere gli atti terroristici anche attraverso una maggiore cooperazione e attraverso la piena implementazione delle rilevanti convenzioni internazionali contro il terrorismo e delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, in particolare la risoluzione 1269 (1999) del 19 ottobre 1999;

5. esprime la propria disponibilità a prendere tutte le misure necessarie per rispondere agli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 e a combattere tutte le forme di terrorismo, in accordo con le sue responsabilità secondo la Carta delle Nazioni Unite;

6. decide di continuare ad occuparsi della questione.

Note: La presente traduzione è stata svolta autonomamente dall'Associazione PeaceLink sulla base del testo inglese disponibile su Internet e deve pertanto considerarsi ufficiosa.
Traduzione di Jessica Boveri

Articoli correlati

  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)