Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Ex banche armate si pentono

L'addio alle armi di Banca Intesa

Alla vigilia della giornata mondiale per la pace, annuncia che non fornirà più finanziamenti al commercio di armi. Intervista esclusiva al responsabile policy, Valter Serrentino.
19 marzo 2004
Benedetta Verrini (b.verrini@vita.it)
Fonte: Vita on line 18/3/04

Il gruppo bancario lo ha reso noto oggi, in un comunicato in cui si dice chiaramente che “In coerenza con i valori e i principi di eticità a cui si ispira, Banca Intesa ha deciso di sospendere la partecipazione a operazioni finanziarie che riguardano l'esportazione, l'importazione e transito di armi e di sistemi di arma, che rientrano nei casi previsti dalla legge 185/90”.
Una grande conquista per la società civile, che attraverso la campagna Banche Armate ha mobilitato in questi anni vasti settori dell'opinione pubblica, rendendo visibili le banche che annualmente entravano nella Relazione del ministero del Tesoro per operazioni autorizzate (generalmente, il ricevimento di bonifici e altri servizi finanziari a favore delle aziende belliche) nel commercio d'armi.
Nell'ultima Relazione, ad esempio, il Gruppo Banca Intesa, con la Banca Commerciale, aveva appoggiato operazioni per 54,5 milioni di euro rappresentando il 7,4% del totale, preceduta da Banco Bilbao Vizcaya, BNL, Banca di Roma e Gruppo San Paolo IMI (e seguita da un altro Gruppo che ha annunciato “l'addio alle armi”, Unicredito, che evidentemente deve smaltire vecchie operazioni e si mantiene piuttosto rappresentativo, con una percentuale del 6,8% per il Credito Italiano e 6,8% per Unicredit).

--- L'intervista

L'ordine di servizio di chiudere con le operazioni riguardanti armi è giunto questa mattina. “Il nostro Gruppo, nell'ambito della sua responsabilità sociale, non può non essere sensibile a questa tematica” spiega a Vita il responsabile policy del Gruppo, Valter Serrentino.

- Come siete arrivati a questa decisione?

E' evidente che la tematica delle cd. Banche armate e della Campagna in difesa della legge 185 del 1990 in questi anni ha creato un vasto fronte trasversale, laico e cattolico, che ha notevolmente sensibilizzato l'opinione pubblica. Non potevamo non guardare con attenzione questo mondo e questi temi. Si è svolto un momento di confronto interno, nel Gruppo, che ha condotto a questa decisione. Aggiungo che in questo momento storico, così intriso di violenza, si sente fortemente il bisogno di una risposta diversa da quello puro e semplice della forza e delle armi.

- Ha inciso anche “l'impronta sociale” cui tiene il vostro amministratore delegato, Corrado Passera?

Senza dubbio. Questa decisione è legata all'ambito della responsabilità sociale e ambientale, che è di pertinenza dell'amministratore delegato. Si inserisce perfettamente nel nostro Piano d'Impresa di essere Banca per il Paese, che significa anche avere una particolare attenzione alle domande e ai bisogni emergenti nella società.

- Mi spieghi la questione delle operazioni che continuerete a svolgere “in eccezione” a questa decisione storica.

Banca Intesa si riserva comunque di valutare autonomamente operazioni che, pur rientrando fra quelle previste dalla legge 185/90, non abbiano caratteristiche tali da essere incoerenti con lo spirito di 'banca non-armata'". Pensate alle operazioni di peacekeeping, in cui i soldati Onu vanno comunque armati. Si tratta comunque di operazioni singole, che verranno decise una ad una e in questi casi, le operazioni verranno segnalate sul sito internet dell'istituto. Sarà un modo per garantire il massimo della trasparenza, e dare modo alla società civile di dire la sua e segnalarci anche le diverse posizioni.

- La vostra è una scelta che ha anche un contraccolpo economico.

Non siamo mai stati la prima “banca armata” nella classifica del ministero. Certo, toccare quasi il 10% del totale significa aver avuto un certo peso. Questa decisione ha di sicuro anche una dimensione economica, ma con il nostro Piano d'Impresa stiamo facendo anche un discorso di allocazione del credito, “aprendo” i nostri servizi a soggetti che finora sono stati esclusi, come gli studenti universitari, che presso i nostri sportelli possono ottenere prestiti d'onore, o le imprese sociali, con cui abbiamo di recente fatto un consorzio, il Pan, per creare nuovi servizi all'infanzia. E' un modo di aprirsi a una vasta fetta della società che ha esigenze cui noi vogliamo venire incontro per far crescere il paese.

--- Uno stralcio dell'ordine di servizio

Ecco l'ordine di servizio diramato oggi a tutte le filiali
del Gruppo: Banca Intesa, in coerenza con i valori e i principi
di eticità a cui si ispira, che si traducono anche nella conce-
zione di “banca non armata”, ha deciso di sospendere le opera-
zioni finanziarie relative alle operazioni in oggetto, in tutti
i casi previsti dalla legge 185/1990 del 9/7/1990 – Nuove norme
sul controllo dell'esportazione, importazione e transito dei
materiali d'armamento.

Con decorrenza immediata, le strutture territoriali e centrali
di Banca Intesa devono pertanto operare in linea con il divieto
di porre in atto nuove operazioni di finanziamento alla cliente-
la per operazioni aventi a oggetto commercio e produzione di
armi o sistemi d'arma.

Eventuali operazioni giudicate coerenti con lo spirito di “ban-
ca non armata” potranno essere autorizzate in via straordinaria
dall'Amministratore Delegato e CEO e saranno oggetto di infor-
mazione – per opportuna trasparenza nei confronti della comuni-
tà esterna – anche sul sito internet della banca.

Articoli correlati

  • Armi o dignità?
    Disarmo
    L’Italia vende armi all'Egitto che viola gravemente i diritti umani

    Armi o dignità?

    La legge 185/90 vieta di esportare armi verso paesi in stato di conflitto armato e con gravi violazioni di diritti umani. Ma, da Regeni a Zaki, l’export militare di armi è in continuo incremento e ingenera pericoli e miseria per l'umanità, come il rischio di una irreversibile guerra nucleare
    1 settembre 2020 - Laura Tussi
  • "Commercio delle armi e migrazioni forzate: due sfide per costruire un mondo più pacifico"
    Disarmo
    Un video emozionante con la testimonianza del Pontefice

    "Commercio delle armi e migrazioni forzate: due sfide per costruire un mondo più pacifico"

    Questo pontificato sta ponendo al centro dell'attenzione alcuni temi di grande attualità. "Sarebbe un’assurda contraddizione parlare di pace, negoziare la pace e, al tempo stesso, promuovere o permettere il commercio di armi", ha dichiarato papa Francesco.
    2 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • L'Italia ripudia la guerra, ma vende le armi nel mondo
    Disarmo
    La nostra industria di armamenti da lavoro, incluso l’indotto, a circa 150.000 persone

    L'Italia ripudia la guerra, ma vende le armi nel mondo

    Eppure la legge n. 185 del 9 luglio 1990 vieta l'esportazione ed il transito di materiali di armamento verso i Paesi in stato di conflitto armato. Eppure l'articolo 11 della Costituzione ripudia la guerra. Perciò occorre subito sospendere l’esportazione di armi verso le parti in conflitto in Yemen.
    1 giugno 2020 - Dale Zaccaria
  • Partecipiamo al corteo “Disarmiamo Leonardo” per dire al MEF: ritiro o riconversione!
    Disarmo
    Si tratta di una fabbrica della morte di cui siamo tutti azionisti – ora basta.

    Partecipiamo al corteo “Disarmiamo Leonardo” per dire al MEF: ritiro o riconversione!

    Il corteo si terrà sabato 7 dicembre dalle 15.30 a Genova – Sestri Ponente in piazza Baracca ed è organizzata dall'Assemblea contro la guerra.
    30 novembre 2019 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)