Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

L’incrociatore nucleare Pietro il Grande ha a bordo due reattori nucleari da 300 Mw

Greenpeace: chiarezza su incrociatore nucleare e impegno italiano in Russia

"Occorre predisporre un’analisi del rischio ambientale e rendere pubblico un piano d’evacuazione d’emergenza”, commenta Domitilla Senni, direttrice di Greenpeace.
24 marzo 2004
Greenpeace

Roma, 23 marzo 2004 - “Bisogna liberare tutti i mari dalla minaccia nucleare e la carenza di manutenzione delle flotta russa è paurosa. Chiediamo al governo russo di rendere noto dove si trova l’incrociatore, predisporre un’analisi del rischio ambientale e rendere pubblico un piano d’evacuazione d’emergenza” commenta Domitilla Senni, direttore di Greenpeace.

L’incrociatore nucleare Pietro il Grande ha a bordo due reattori da 300 Mw e può trasportare missili cruise SS-19 cruise con una testata atomica di 350 chilotoni (una potenza pari a 30 volte la bomba di Hiroshima).

Dal 1955 al 2001, la Marina Russa ha fatto costruire 248 sottomarini a propulsione atomica e 5 incrociatori, ad oggi 183 di questi sottomarini non sono più in servizio, 113 dei quali appartengono alla flotta del nord, la stessa dell’incrociatore ‘Pietro il Grande”. La penisola di Kola, sul mare di Barents, al confine con Norvegia e Finlandia, ospita i due terzi della flotta nucleare russa. Guardando la cartina, non si può non notare la successione di basi navali, cantieri e depositi di combustibile nucleare esausto. Basi militari russe e il rischio nucleare

“Cosa sta facendo l’Italia per il decommissioning dei sommergibili nucleari russi?” si chiede Senni. L’Italia partecipa, infatti, alla “Global Partnership”, che impegna i paesi del G8 a investire anche nel campo del decommissioning dei sommergibili nucleari russi, in particolare quelli della penisola di Kola. I russi hanno chiesto all’Italia fondi e apparecchiature per lo smantellamento di un sottomarino classe Oscar (15.000 t), un sottomarino classe Papa (6.000 t) e di un sottomarino classe Victor (6.000 t). Per l’Italia i progetti dovrebbero essere seguiti dalla Sogin insieme alle industrie italiane (Fincantieri, Ansaldo, Duferco, Camozzi).

Note: Ufficio stampa, tel. 06/57299944, email ufficiostampa@greenpeace.it

Articoli correlati

  • Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?
    Economia
    Mentre la Nato invia armi in Ucraina le banche europee triplicano i loro profitti in Russia

    Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?

    Il Financial Times rivela che le sette principali banche europee - tra cui anche UniCredit e Intesa Sanpaolo - hanno registrato in Russia un profitto combinato di oltre 3 miliardi di euro nel 2023. Una cifra tripla rispetto a quanto guadagnato nel 2021.
    30 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Cosa sarebbe accaduto se l'Ucraina fosse entrata nella Nato e Putin non l'avesse invasa?
    Conflitti
    In problema dell'articolo 5 dello Statuto Nato

    Cosa sarebbe accaduto se l'Ucraina fosse entrata nella Nato e Putin non l'avesse invasa?

    Facciamo l'ipotesi che navi ucraine fossero entrate nelle acque territoriali della Crimea e che la Russia avesse reagito affondandole. Le acque territoriali della Crimea per la Russia sono russe e per l'Ucraina sono ucraine.
    21 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Russia, il miglior risultato manifatturiero dal 2006
    Economia
    Elon Musk raccomanda una soluzione negoziata prima che sia troppo tardi

    Russia, il miglior risultato manifatturiero dal 2006

    Le sanzioni contro la Russia non hanno portato al crollo immediato come molti nella Nato speravano. Questo ha causato un cambiamento di rotta privilegiando l'invio di armi che in un primo tempo dovevano servire a far resistere l'Ucraina in attesa che le sanzioni paralizzassero Putin.
    1 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
  • La guerra della Nato contro la Russia: un incubo da evitare
    Editoriale
    Dichiarazioni irresponsabili del Pentagono

    La guerra della Nato contro la Russia: un incubo da evitare

    Come pacifisti, ci opponiamo con tutte le nostre forze a questa deriva militarista. La NATO, nata nel 1949 per difendere i suoi stati membri, si troverebbe a tradire il suo stesso statuto se decidesse di entrare in guerra contro la Russia.
    1 marzo 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)