Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

E’ deciso: da ottobre 2014 i sistemi d’arma diverranno aumento “contabile” del Pil perché considerati beni durevoli

i sistemi d’arma, sempre più sofisticati e costosi, saranno considerati un “valore” che rientra nelle transazioni di mercato come qualsiasi altra merce
29 maggio 2014

bambini contro carri armati

In questi giorni abbiamo letto sui giornali che tutti i Paesi Ue, compresa l’Italia, adotteranno un nuovo Sistema dei conti nazionali e regionali (SEC 2010) per cui anche il reddito derivante dal traffico di stupefacenti, dalla prostituzione e dal contrabbando di sigarette o alcol, entrerà a tutti gli effetti nel calcolo del prodotto interno lordo.
Ma se questa notizia ha avuto una notevole risonanza, diversa è l’attenzione posta al riconoscimento che i sistemi d’arma, sempre più sofisticati e costosi, saranno considerati un “valore” che rientra nelle transazioni di mercato come qualsiasi altra merce.
La novità, che potrebbe tramutarsi per l'Italia in un incremento tra l'1% e il 2% del dato pregresso del Pil 2011, verrà inserita nei conti a partire dall’autunno 2014 in coerenza con le linee Eurostat, ed è stata giustificata dall’Istat in quanto “Negli ultimi venti anni le economie sono state investite, a livello internazionale, da cambiamenti di grande rilievo: il ruolo crescente delle tecnologie ICT nei processi produttivi, la sempre maggiore importanza delle risorse intangibili, il rafforzamento della proprietà intellettuale di beni e servizi, la globalizzazione dei mercati”. In conclusione questi cambiamenti hanno richiesto aggiustamenti nel modo di compilare le statistiche macroeconomiche.
http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-14-21_en.htm

Fra le modifiche metodologiche principali si è dunque affermato che la spesa per sistemi d'arma, sostenuta dalle amministrazioni pubbliche, ha la natura di investimento. Precedentemente, a causa della loro natura potenzialmente distruttiva, i sistemi d’arma venivano trattati come “consumi” intermedi a prescindere dalla loro lunghezza di vita. Oggi si è considerato che, se un armamento non viene distrutto durante una guerra, questo verrà utilizzato per un lungo periodo e potrà essere esportato dopo diversi anni, divenendo un investimento fisso lordo indipendentemente dalla natura della spesa o la sua destinazione, malgrado il suo potenziale distruttivo.
L’impatto di tale modifica sul Pil dipende dal bilancio militare di ogni paese: per l’Unione europea significa un aumento del prodotto interno lordo di circa lo 0.1%.
Complessivamente il nuovo SEC rappresenterà un aumento del 2,4% del Pil di cui l’1,9 sarà dovuto alla capitalizzazione delle spese in ricerca e sviluppo.
Ricapitolando gli investimenti in ricerca e sviluppo e quelli per i sistemi d’arma saranno contati come investimenti.
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-05-22/istat-cambia-sistema-conti-nazionali-anche-droga-e-prostituzione-calcolo-pil-ottobre-2014-133407.shtml?uuid=ABDWMIKB

Negli Stati Uniti il nuovo standard, adottato nel 2013, ha portato ad un aumento del 3,5% del Pil negli anni 2010-2012, con la capitalizzazione delle spese in ricerca e sviluppo pari a 2,5 punti percentuali http://www.bea.gov/national/an1.htm
La decisione di creare un collegamento tra la spesa militare e Pil è stata caldeggiata fortemente dai sostenitori di alti bilanci militari, incuranti del fatto che il Pil è un parametro arbitrario, artificiale, che non guarda alle priorità di un paese e scommette in una sua perenne condizione di pericolosità.
Il complesso militare industriale ringrazia.
Tying US Defense Spending to GDP: Bad Logic, Bad Policy
http://strategicstudiesinstitute.army.mil/pubs/parameters/articles/08autumn/sharp.pdf

 

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Toponomastica femminile e i 17 obiettivi dell'Agenda 2030
    Europace
    Italia: meno del 5% di strade intitolate a donne, in prevalenza madonne e sante

    Toponomastica femminile e i 17 obiettivi dell'Agenda 2030

    Se metà della popolazione mondiale è composta da donne come mai quasi tutto lo spazio pubblico è dedicato agli uomini e alle loro imprese?
    6 novembre 2021 - Maria Pastore
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)