Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

E’ deciso: da ottobre 2014 i sistemi d’arma diverranno aumento “contabile” del Pil perché considerati beni durevoli

i sistemi d’arma, sempre più sofisticati e costosi, saranno considerati un “valore” che rientra nelle transazioni di mercato come qualsiasi altra merce
29 maggio 2014

bambini contro carri armati

In questi giorni abbiamo letto sui giornali che tutti i Paesi Ue, compresa l’Italia, adotteranno un nuovo Sistema dei conti nazionali e regionali (SEC 2010) per cui anche il reddito derivante dal traffico di stupefacenti, dalla prostituzione e dal contrabbando di sigarette o alcol, entrerà a tutti gli effetti nel calcolo del prodotto interno lordo.
Ma se questa notizia ha avuto una notevole risonanza, diversa è l’attenzione posta al riconoscimento che i sistemi d’arma, sempre più sofisticati e costosi, saranno considerati un “valore” che rientra nelle transazioni di mercato come qualsiasi altra merce.
La novità, che potrebbe tramutarsi per l'Italia in un incremento tra l'1% e il 2% del dato pregresso del Pil 2011, verrà inserita nei conti a partire dall’autunno 2014 in coerenza con le linee Eurostat, ed è stata giustificata dall’Istat in quanto “Negli ultimi venti anni le economie sono state investite, a livello internazionale, da cambiamenti di grande rilievo: il ruolo crescente delle tecnologie ICT nei processi produttivi, la sempre maggiore importanza delle risorse intangibili, il rafforzamento della proprietà intellettuale di beni e servizi, la globalizzazione dei mercati”. In conclusione questi cambiamenti hanno richiesto aggiustamenti nel modo di compilare le statistiche macroeconomiche.
http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-14-21_en.htm

Fra le modifiche metodologiche principali si è dunque affermato che la spesa per sistemi d'arma, sostenuta dalle amministrazioni pubbliche, ha la natura di investimento. Precedentemente, a causa della loro natura potenzialmente distruttiva, i sistemi d’arma venivano trattati come “consumi” intermedi a prescindere dalla loro lunghezza di vita. Oggi si è considerato che, se un armamento non viene distrutto durante una guerra, questo verrà utilizzato per un lungo periodo e potrà essere esportato dopo diversi anni, divenendo un investimento fisso lordo indipendentemente dalla natura della spesa o la sua destinazione, malgrado il suo potenziale distruttivo.
L’impatto di tale modifica sul Pil dipende dal bilancio militare di ogni paese: per l’Unione europea significa un aumento del prodotto interno lordo di circa lo 0.1%.
Complessivamente il nuovo SEC rappresenterà un aumento del 2,4% del Pil di cui l’1,9 sarà dovuto alla capitalizzazione delle spese in ricerca e sviluppo.
Ricapitolando gli investimenti in ricerca e sviluppo e quelli per i sistemi d’arma saranno contati come investimenti.
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-05-22/istat-cambia-sistema-conti-nazionali-anche-droga-e-prostituzione-calcolo-pil-ottobre-2014-133407.shtml?uuid=ABDWMIKB

Negli Stati Uniti il nuovo standard, adottato nel 2013, ha portato ad un aumento del 3,5% del Pil negli anni 2010-2012, con la capitalizzazione delle spese in ricerca e sviluppo pari a 2,5 punti percentuali http://www.bea.gov/national/an1.htm
La decisione di creare un collegamento tra la spesa militare e Pil è stata caldeggiata fortemente dai sostenitori di alti bilanci militari, incuranti del fatto che il Pil è un parametro arbitrario, artificiale, che non guarda alle priorità di un paese e scommette in una sua perenne condizione di pericolosità.
Il complesso militare industriale ringrazia.
Tying US Defense Spending to GDP: Bad Logic, Bad Policy
http://strategicstudiesinstitute.army.mil/pubs/parameters/articles/08autumn/sharp.pdf

 

Articoli correlati

  • Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi
    Disarmo
    La sicurezza degli Stati passa attraverso il controllo capillare del territorio

    Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi

    La nozione di sviluppo tecnologico è una nozione inscindibile da quella di sviluppo capitalistico, si trattava pertanto di smascherare la presunta neutralità della scienza
    29 marzo 2021 - Rossana De Simone
  • Come 14 milioni di automobili
    Disarmo
    L'impatto ambientale della militarizzazione in Europa

    Come 14 milioni di automobili

    E' stato pubblicato uno studio pioneristico ma parziale, per via della mancanza di dati in questo ambito, e che getta un primo allarmante sguardo sul reale impatto ambientale delle attività militari. Gli autori si sono concentrati su 6 stati dell'Unione Europea, tra cui l'Italia.
    12 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • AI - La nuova corsa agli armamenti
    Disarmo
    Intelligenza artificiale e armi autonome

    AI - La nuova corsa agli armamenti

    USA e Cina, e non solo, gareggiano sul fronte pericoloso della delega delle operazioni militari a sistemi autonomi in contesti sempre più complessi, come i combattimenti in volo
    3 dicembre 2020 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)