Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Guerre di Rete, uno sguardo sulle varie campagne su cybersorveglianza e crittografia

La campagna italiana dei lavoratori tech

Tech Workers Coalition Italia è una coalizione di lavoratori del mondo tecnologico come programmatrici, sistemisti, designer, grafici, project manager, tester e tutte le altre figure direttamente collegate alle attività di sviluppo.
16 novembre 2020
Fonte: https://guerredirete.substack.com/ - 16 novembre 2020

Rete informatica

“Alziamo la testa”, parte la campagna italiana dei lavoratori tech: Tech Workers Coalition Italia è un'organizzazione orizzontale fondata sulla partecipazione attiva dei membri. 

E in particolare apriamo con una mobilitazione per i diritti dei lavoratori tecnologici che è appena stata lanciata in Italia. Si chiama Alziamo La Testa, ed è la campagna della sezione italiana di Tech Workers Coalition, una coalizione di lavoratori del mondo tecnologico come programmatrici, sistemisti, designer, grafici, project manager, tester e tutte le altre figure direttamente collegate alle attività di sviluppo. “Una forza lavoro fondamentale per lo sviluppo economico e tecnologico del paese - scrivono i firmatari della lettera-manifesto - che in Italia conta oltre trecentomila persone, tra lavoratori dipendenti e autonomi”.

Negli ultimi anni il tema della mobilitazione e sindacalizzazione dei lavoratori tech (per molto tempo refrattari a forme di organizzazione collettiva) è andato crescendo, specie all’estero. Ed ha seguito vari filoni: nella ricca Silicon Valley, ad esempio, si è posto l’accento sulla lotta alla discriminazione (di genere, razziale ecc) e al tema del controllo dell’uso finale dei prodotti (quando questi sono ad esempio venduti a committenti militari o agenzie governative che li usano per sorvegliare o reprimere). Ma, specie in altri territori, si sente molto anche il tema salariale, dell’aggiornamento professionale, del riconoscimento di diritti di vario tipo, inclusi quelli civili e politici, come in alcune proteste in India e Bielorussia. Più in generale si è vista una sfida ad alcune culture aziendali che non vedevano di buon occhio l’organizzazione interna dei lavoratori o la richiesta di più trasparenza e accountability.

Il movimento è cresciuto a partire soprattutto dal 2018, e il Trumpismo, secondo alcuni osservatori, ha contribuito a spingerlo (insieme ad altri movimenti sociali, dal Metoo a Black Lives Matter). Un momento significativo sono state le proteste interne a Google nel 2018 per il progetto Maven, che doveva fornire al Pentagono una tecnologia di intelligenza artificiale (AI) per migliorare il riconoscimento di oggetti nelle immagini raccolte dai droni e che è stato poi abbandonato. L’azienda di Mountain View aveva deciso di non rinnovare il contratto e si era messa a lavorare a delle regole interne per proibire l’uso di tecnologie di intelligenza artificiale nelle armi.

Articoli correlati

  • PeaceLink esprime riprovazione e sdegno per i reclutamenti forzati a Mosca
    Editoriale
    L'obiezione di coscienza è garantita dal Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici

    PeaceLink esprime riprovazione e sdegno per i reclutamenti forzati a Mosca

    Pieno sostegno alle organizzazioni pacifiste internazionali che stanno condannando fermamente queste pratiche. Le autorità russe devono rispettare pienamente il diritto all'obiezione di coscienza e cessare immediatamente le azioni repressive contro i coscritti.
    10 giugno 2024 - Associazione PeaceLink
  • Gli Usa militarizzano l'Ecuador
    Latina
    Il Sofa – Status of Forces Agreement è un accordo militare capestro

    Gli Usa militarizzano l'Ecuador

    Approvato da Guillermo Lasso e poi ratificato dall’attuale presidente Daniel Noboa, l'accordo permetterà agli Stati Uniti di gestire la sicurezza sul territorio ecuadoriano trasformando il paese latinoamericano in una sorta di colonia
    10 giugno 2024 - David Lifodi
  • Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?
    Editoriale
    L'arresto richiesto dal presidente della Corte Penale Internazionale del premier Netanyahu

    Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?

    La reazione indignata del primo ministro israeliano Netanyahu, che ha respinto con veemenza il paragone tra lo "Stato democratico di Israele" e Hamas, tocca la diffusa convinzione che una nazione considerata "democratica" sia immune dall'accusa di crimini contro l'umanità. Il caso di David McBride
    22 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?
    Economia
    Mentre la Nato invia armi in Ucraina le banche europee triplicano i loro profitti in Russia

    Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?

    Il Financial Times rivela che le sette principali banche europee - tra cui anche UniCredit e Intesa Sanpaolo - hanno registrato in Russia un profitto combinato di oltre 3 miliardi di euro nel 2023. Una cifra tripla rispetto a quanto guadagnato nel 2021.
    30 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)