Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Guerre di Rete, uno sguardo sulle varie campagne su cybersorveglianza e crittografia

La campagna italiana dei lavoratori tech

Tech Workers Coalition Italia è una coalizione di lavoratori del mondo tecnologico come programmatrici, sistemisti, designer, grafici, project manager, tester e tutte le altre figure direttamente collegate alle attività di sviluppo.
16 novembre 2020
Fonte: https://guerredirete.substack.com/ - 16 novembre 2020

Rete informatica

“Alziamo la testa”, parte la campagna italiana dei lavoratori tech: Tech Workers Coalition Italia è un'organizzazione orizzontale fondata sulla partecipazione attiva dei membri. 

E in particolare apriamo con una mobilitazione per i diritti dei lavoratori tecnologici che è appena stata lanciata in Italia. Si chiama Alziamo La Testa, ed è la campagna della sezione italiana di Tech Workers Coalition, una coalizione di lavoratori del mondo tecnologico come programmatrici, sistemisti, designer, grafici, project manager, tester e tutte le altre figure direttamente collegate alle attività di sviluppo. “Una forza lavoro fondamentale per lo sviluppo economico e tecnologico del paese - scrivono i firmatari della lettera-manifesto - che in Italia conta oltre trecentomila persone, tra lavoratori dipendenti e autonomi”.

Negli ultimi anni il tema della mobilitazione e sindacalizzazione dei lavoratori tech (per molto tempo refrattari a forme di organizzazione collettiva) è andato crescendo, specie all’estero. Ed ha seguito vari filoni: nella ricca Silicon Valley, ad esempio, si è posto l’accento sulla lotta alla discriminazione (di genere, razziale ecc) e al tema del controllo dell’uso finale dei prodotti (quando questi sono ad esempio venduti a committenti militari o agenzie governative che li usano per sorvegliare o reprimere). Ma, specie in altri territori, si sente molto anche il tema salariale, dell’aggiornamento professionale, del riconoscimento di diritti di vario tipo, inclusi quelli civili e politici, come in alcune proteste in India e Bielorussia. Più in generale si è vista una sfida ad alcune culture aziendali che non vedevano di buon occhio l’organizzazione interna dei lavoratori o la richiesta di più trasparenza e accountability.

Il movimento è cresciuto a partire soprattutto dal 2018, e il Trumpismo, secondo alcuni osservatori, ha contribuito a spingerlo (insieme ad altri movimenti sociali, dal Metoo a Black Lives Matter). Un momento significativo sono state le proteste interne a Google nel 2018 per il progetto Maven, che doveva fornire al Pentagono una tecnologia di intelligenza artificiale (AI) per migliorare il riconoscimento di oggetti nelle immagini raccolte dai droni e che è stato poi abbandonato. L’azienda di Mountain View aveva deciso di non rinnovare il contratto e si era messa a lavorare a delle regole interne per proibire l’uso di tecnologie di intelligenza artificiale nelle armi.

Articoli correlati

  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • L'escalation della guerra Russia-Ucraina
    Disarmo
    Nella dinamica dell’escalation i mezzi divorano il fine

    L'escalation della guerra Russia-Ucraina

    “Durante la guerra fredda gli Stati Uniti resistettero all'Unione Sovietica in conflitti per procura in tutto il mondo senza venire a scontri diretti. La stessa risposta accuratamente calibrata è necessaria per l'invasione russa dell'Ucraina"
    6 maggio 2022 - Rossana De Simone
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
  • Guerre e bugie
    Conflitti
    Le bugie di Boris Johnson raccontate ai bambini sulla guerra in Ucraina

    Guerre e bugie

    In un video in cui commenta un'intervista rilasciata dal premier del Regno Unito a Sky News, Yurii Sheliazhenko, segretario del Movimento Pacifista Ucraino, smonta una a una le falsità sostenute dal Primo Ministro britannico
    26 aprile 2022 - Yurii Sheliazhenko
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)