Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Bae indagata per corruzione verso Arabia Saudita

16 maggio 2004
Giorgio Beretta
Fonte: Unimondo - 04 maggio 2004

Il Ministero della Difesa della Gran Bretagna sta indagando su un colossale caso di corruzione da parte della BAE System, la maggior industria armiera britannica, verso prominenti personaggi dell'Arabia Saudita ai quali sarebbero stati pagati 60 mil! ioni di sterline (quasi 90 milioni di euro) di bustarelle. Lo rivela un'inchiesta del Guardian. Secondo il quotidiano britannico il principale beneficiario dell'affare sarebbe il principe saudita Turki bin Nasser. Il principe, che viene riportato nei documenti col codice "PB" (a significare "principal beneficiary" - "principale beneficiario") è il genero dell'attuale Ministro della Difesa saudita, il principe Sultan del clan che controlla il petrolio statale saudita.

Al principe Turki bin Nasser sarebbero state consegnate almeno 306 bustarelle per un valore complessivo 17 miloni di sterline (oltre 25 milioni di euro) e i documenti in possesso degli inquirenti rivelano tutti i nomi dei funzionari sauditi che avrebbero ricevuto bustarelle dalla BAE tra cui militari collegati all'ambasciata saudita di Londra ai quali sa! rebbero state offerte dalle BAE lussuose abitazioni londinesi. L'articolo del Guardian ricostruisce una serie di "pagamenti" di hotel e alloggi di lusso effettuati dalla Bae System per conto del principe Turki bin Nasser e della sua famiglia. In particolare i documenti rivelano che i pagamenti sono continuati ben oltre la data del febbraio 2002, quando è stata introdotta in Gran Bretagna una legislazione che rende illegale il pagamento di funzionari stranieri.

Il principe Turki bin Nasser è conosciuto come l'intermediario principale dell'affare "Al Yamamah", una vendita di aeroplani e navi da guerra della BAE all'Arabia Saudita iniziata negli anni del governo Thatcher, per la colossale cifra di 50miliardi di sterline (quasi 75 miliardi di euro) che ha fruttato un guadagno annuale alla ditta britannica di 1,5 miliardi di sterline (quasi 2 miliardi 225milioni di euro) per una quindicina d'anni. Sebbene la consegna dei Tornado sia ormai effettuata, l'Arabia Saudita continua a ! pagare ogni anni milioni di sterline alla Bae per manutenzione e training. E proprio in questi giorni la Bae System, una delle principali industrie armiere mondiali, sta mettendo a punto un nuovo contratto di 1,5 miliardi di sterline (quasi 2miliardi 225milioni di euro) sempre con l'Arabia Saudita per sostituire e ammodernare aerei da guerra con nuovi sistemi aerei e missilistici.

Va ricordato che a fine marzo la Bae System ha raggiunto un accordo con Finmenccanica, la principale industria militare italiana, nella trattativa "EuroSystems". L'accordo intende rafforzare la reciproca "cooperazione strategica attraverso un allargamento ad altri settori di attività". Le due aziende formeranno "un comitato di direzione strategico che avrà il compito di coordinare le attività in tutte le aree di interesse reciproco, allo scopo di identificare tutte le possibili opportunità sia nell'ambito delle joint ventures esistenti che in altri campi di attività" - riporta il comunicato ufficiale di Finmenccanica. Il volume d'affari globale delle attività incluse nel perimetro della trattativa è stimato dalle due ditte in circa 3,7 miliardi di euro. [GB]

Articoli correlati

  • L'Italia ripudia la guerra, ma vende le armi nel mondo
    Disarmo
    La nostra industria di armamenti da lavoro, incluso l’indotto, a circa 150.000 persone

    L'Italia ripudia la guerra, ma vende le armi nel mondo

    Eppure la legge n. 185 del 9 luglio 1990 vieta l'esportazione ed il transito di materiali di armamento verso i Paesi in stato di conflitto armato. Eppure l'articolo 11 della Costituzione ripudia la guerra. Perciò occorre subito sospendere l’esportazione di armi verso le parti in conflitto in Yemen.
    1 giugno 2020 - Dale Zaccaria
  • Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita
    Disarmo
    Turchia

    Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita

    Quando si vendono e si comprano armamenti, petrolio e gas, il manicheo rituale “buoni/cattivi” e “amici/nemici” viene messo elegantemente da parte
    23 luglio 2019 - Rossana De Simone
  • Stop alla vendita di bombe all'Arabia Saudita?  Non proprio.
    Disarmo
    Come leggere una notizia giornalistica criticamente – un caso studio.

    Stop alla vendita di bombe all'Arabia Saudita? Non proprio.

    Secondo gran parte dei mass media, il governo M5S/Lega avrebbe fatto votare, mercoledì scorso alla Camera dei Deputati, uno “stop alle esportazioni di armi ai sauditi per l'uso in Yemen”. In realtà, le cose non sono andate proprio così. Vediamo perché.
    1 luglio 2019 - Patrick Boylan
  • A portata di mano un divieto italiano alla vendita di armi ai sauditi
    Disarmo
    Finalmente arriva davanti alla Camera dei Deputati

    A portata di mano un divieto italiano alla vendita di armi ai sauditi

    Domani (24-6-2019) alle ore 15, la mozione dell'on. Fassina de “La Sinistra” verrà presentata a Montecitorio. Potrete seguire il dibattito live sulla webtv della Camera.
    23 giugno 2019 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)