Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
7 ottobre 2021
Patrick Boylan

Delivering the Julian Assange letter, asking for sanctions against the U.S. and the UK, to President von der Leyen at the Rome headquarters of the European Commission

Lo scorso 28 settembre è stata la giornata UNESCO dell’Accesso Universale alle Informazioni e del Diritto di Sapere.

Quel giorno alle ore 11, U.S. Citizens for Peace & Justice Italiani per Assange , insieme a DiEM25 in Italy ed altri attivisti della Capitale (1.), hanno consegnato a mano una busta gigante con una lettera per la Presidente dell’UE Ursula von der Leyen, presso la European Commission in Rome, sita in via IV Novembre 149.

Nel suo discorso sullo Stato dell’Unione europea lo scorso 15 settembre, infatti, la Presidente von der Leyen aveva dichiarato: “Dobbiamo porre un freno a coloro che minacciano la libertà dei media poiché difendendo la libertà della nostra stampa, difendiamo la nostra democrazia.”

Perciò, nel caso di Julian Assange e del suo sito Wikileaks, gli attivisti hanno chiesto che venga posto un freno a chi minaccia la libertà dei media oggi in occidente e segnatamente agli Stati Uniti e al Regno Unito che, da dieci anni, perseguitano il giornalista Assange:

con la detenzione arbitraria (v. U.N. Working Group on Arbitrary Detention) (2.),

con la tortura psicologica (v. la testimonianza del Relatore ONU sulla tortura) (3.),

e con i continui intralci alla sua Libertà di espressione tramite il suo sito web, in violazione dell’art. 10 della Convenzione europea dei diritti umani.

L’UE non esita ad applicare sanzioni contro i governi rei di detenzione arbitraria, tortura, censura – dicono gli attivisti – e dovrebbe applicarle anche in questo caso. (4.)

Chiudi

Firmate anche voi la lettera alla Presidente von der Leyen
per chiedere la fine della persecuzione USA/UK di Julian Assange

Troverete la lettera qui:
http://peaceandjustice.it/assange/28-9/lettera_ce.pdf

Potete aggiungere la vostra firma qui:
https://www.change.org/EUforAssange

Nel creare il suo sito Wikileaks 15 anni fa, Julian Assange ha reso effettivo il nostro Diritto all’Accesso alle Informazioni e il nostro Diritto di Sapere – proprio i valori che l’ONU celebra ogni 28 settembre”, aggiungono gli attivisti. “Perciò egli va protetto, non criminalizzato. Bisogna invece processare chi ha commesso i crimini rivelati da Assange.”

In questi 15 anni, infatti, il sito Wikileaks ha offerto un luogo sicuro in cui le “gole profonde” (whistleblower) di tutto il mondo hanno potuto rivelare gli illeciti di cui sono venuti a conoscenza. Infatti, il sito ha consentito loro di pubblicare i documenti compromettenti passati tra le loro mani -- anche documenti arbitrariamente secretati -- in maniera anonima, senza la possibilità di essere rintracciati.

Naturalmente, Assange e la sua équipe hanno verificato poi i documenti ricevuti; inoltre, hanno oscurato i nomi di coloro che avrebbero visto violato il diritto alla privacy o che avrebbero rischiato vendette qualora i loro nomi fossero stati rivelati. I documenti, così redatti, sono stati poi passati quasi sempre a testate internazionali per una ulteriore verifica e un ulteriore vaglio – e anche per ottenere maggiore diffusione.

Grazie a questo strumento di giornalismo investigativo, dirompente, ma gestito con criterio, Assange ha potuto far conoscere i molteplici crimini di guerra commessi dai militari statunitensi in Afghanistan, in Iraq e in molti altri paesi del mondo, nonché gli illeciti commessi dal politici statunitensi come l’allora Presidente Donald Trump e l’allora Segretaria di Stato Hillary Clinton. Non glielo hanno perdonato.

Anzi, hanno ordinato una campagna diffamatoria, il blocco del finanziamento del sito Wikileaks, e la detenzione arbitraria di Assange durata 7 anni (durante la quale sono stati commessi i crimini di tortura psicologica), culminatasi, in questi ultimi due anni, con la “custodia cautelare” di Assange nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh a Londra.

Ora Assange deve affrontare un’udienza all’Alta Corte di Londra per decidere sulla concessione della sua estradizione negli USA, su richiesta del Dipartimento della Giustizia statunitense. Lì rischia i 175 anni di carcere sulla base dell'Espionage Act – per quanto questa legge dovrebbe riguardare i soli cittadini americani che rivelano segreti a nemici di guerra stranieri. Assange, invece, è un cittadino Australiano che non ha mai operato negli Stati Uniti.

Ma il messaggio che vuole mandare il Dipartimento di Giustizia statunitense è chiaro: “Non importa chi sei, non importa di che nazionalità sei, non importa dove ti trovi nel mondo, se osi svelare i crimini di guerra commessi dai militari USA, noi verremo a prenderti e a portarti in una nostra galera per il resto della tua vita.”

L’effetto intimidatorio dell’estradizione di Julian Assange su tutti i mass media mondiali è più che evidente: lo status di giornalista investigativo non proteggerà più chi svela i crimini di guerra statunitensi.

Naturalmente, non è prevista nessuna indagine, da parte del governo USA, su i crimini di guerra denunciati da Assange e tanto meno l’imputazione dei militari che li avrebbero commessi. Solo chi li ha denunciati verrà sottoposto a processo.

.

-----------------------------------------------------------

(1.) tra cui NoWar-Roma, PeaceLink, Donne in Nero e altre formazioni italiane di attivisti.

(2.) https://www.ohchr.org/EN/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=24552 The UN WGAD also cited violations of Universal Declaration on Human Rights (Art 9/10) and International Covenant on Civil & Political Rights (Art. 7, 9.1, 9.3, 9.4, 10, 14). European Court of Human Rights recognizes WGAD.

(3.) https://www.ohchr.org/en/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=25249

(4.) EU sanctions regulation: "This Regulation shall apply to torture and other cruel, inhuman or degrading treatment or punishment, arbitrary arrest or detention, violations or abuses of freedom of opinion and expression." For specific cases, see https://eeas.europa.eu For the norm see:
https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/HTML/?uri=CELEX:32020D1999&from=EN#d1e32-19-1

____________________________________________________________________________

Firmate anche voi la lettera alla Presidente von der Leyen
per chiedere la fine della persecuzione USA/UK di Julian Assange

Trovate la lettera qui: http://peaceandjustice.it/assange/28-9/lettera_ce.pdf

Potete aggiungere la vostra firma qui: https://www.change.org/EUforAssange

Articoli correlati

  • Per proteggerci dai reati alimentari, ambientali e altri, tuteliamo meglio i nostri “whistleblower”
    Editoriale
    Difendiamo chi ci difende, ovvero i “whistleblower” (le “gole profonde”)

    Per proteggerci dai reati alimentari, ambientali e altri, tuteliamo meglio i nostri “whistleblower”

    Quanti dipendenti di aziende alimentari, sapendo di frodi commesse dalla loro azienda, rinunciano a denunciarle per paura di rappresaglie? Idem per gli altri tipi di azienda. E noi ne paghiamo le conseguenze! Oggi chi denuncia reati è insufficientemente tutelato. Ne sa qualcosa Julian Assange.
    21 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Assange, simbolo mondiale della libertà di stampa
    Pace
    Julian Assange dimenticato da gran parte del mondo pacifista italiano

    Assange, simbolo mondiale della libertà di stampa

    L’Associazione PeaceLink – Telematica per la pace, vuole rilanciare le molteplici petizioni attive nel mondo a sostegno di Julian Assange, incriminato per aver rivelato i più efferati crimini di guerra compiuti e perpetrati dagli Stati Uniti nelle ultime guerre, a partire da Iraq e Afghanistan
    20 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Il 27 e 28 ottobre si decide l’estradizione di Assange negli Stati Uniti
    Pace
    Si avvicina il processo d’appello davanti all’Alta Corte Britannica

    Il 27 e 28 ottobre si decide l’estradizione di Assange negli Stati Uniti

    Il fondatore di Wikileaks ha rivelato i crimini di guerra americani ma rischia 175 anni di carcere per rivelazione di segreti militari. Il 26 ottobre conferenza stampa alla Camera dei Deputati.
    18 ottobre 2021 - Dale Zaccaria
  • Scendere in campo per Julian Assange: una nuova strategia
    Pace
    Basta difenderlo, ora attacchiamo!

    Scendere in campo per Julian Assange: una nuova strategia

    Invece di essere sempre sulla difensiva, cercando di smontare le accuse false fatte contro Julian Assange dai governi USA/UK, due gruppi di attivisti, suoi estimatori – uno a Londra e l’altro a Roma – hanno deciso di passare all'attacco.
    16 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)