Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Uranio impoverito, una strage di Stato
    I militari italiani colpiti da patologie oncologiche riconducibili all'esposizione a nanoparticelle di metalli pesanti come l'uranio impoverito

    Uranio impoverito, una strage di Stato

    Luciano Cipriani maresciallo dell’Aeronautica militare aveva 47 anni. Nel suo curriculum diverse missioni all’estero, Kosovo, Afghanistan. Aveva respirato a pieni polmoni l’aria di quei luoghi e calpestato le terre avvelenate dalle nanoparticelle, tutto senza protezioni.
    9 agosto 2016 - Cinzia Palmacci
  • Uranio impoverito, avevamo ragione
    La lunga lotta di PeaceLink per fare luce sulla Sindrome dei Balcani e sui bombardamenti con uranio impoverito nel mondo

    Uranio impoverito, avevamo ragione

    Il ministero della Difesa è stato giudicato per “condotta omissiva” e condannato al risarcimento di un milione e mezzo di euro alla famiglia del caporalmaggiore Salvatore Vacca
    23 maggio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    30 maggio 2013 - Nadia Redoglia
  • Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"
    Si tagliano continuamente i fondi per la sanità, mentre si continua a sprecare denaro pubblico in armamenti

    Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"

    "Stiamo morendo in una nuova trincea, quella fredda e buia della burocrazia e in quella ancor più spietata dell’indifferenza delle istituzioni militari, in una trincea strana in cui nessuno ti copre le spalle.."
    23 novembre 2012 - Gabriele Caforio
Senato

Uranio impoverito, finalmente s'indaga

Al via la commissione parlamentare, è subito scontro sugli obiettivi e sulla composizione. L'opposizione teme insabbiamenti: non sia una sede di studio
15 settembre 2004 - M. BA. (Il Manifesto)

Verrà finalmente istituita oggi una commissione di inchiesta del senato sui danni da uranio impoverito, il micidiale metallo impiegato nei proiettili da guerra che ha causato linfomi, leucemie e tumori in oltre 300 militari italiani impegnati nei Balcani e in Somalia. Per la prima volta una commissione parlamentare avrà poteri di indagine simili a quelli dell'autorità giudiziaria, e potrà così fugare ogni dubbio sulla portata tossica dei proiettili radioattivi, accertando anche le condizioni di conservazione e l'utilizzo di questo metallo nelle esercitazioni militari sul territorio italiano. Ieri il presidente della commissione difesa, il forzista Contestabile, ha ricevuto i rappresentanti dell'Osservatorio militare, i familiari delle vittime e le loro associazioni, che fin dall'inizio hanno tentato di rompere il «muro di gomma» costruito attorno alla vicenda. Per ora sulla commissione spira un venticello «bipartisan», anche se per iniziare i lavori è necessario il via libera finale dell'aula del senato. Un atto da compiersi prima della sessione di bilancio.

La commissione dovrà concludere i lavori in tempi brevi (un anno), potrà acquisire atti e documenti di ogni tipo e convocare testimoni, autorità ed esperti.

Il timore di «insabbiamenti» è comunque forte. Luigi Malabarba del Prc chiede di procedere «senza ulteriori rinvii, magari sollecitati da gerarchie militari». Il nodo che resta da sciogliere infatti è la composizione della commissione. Il centrodestra - che dovrebbe comunque tenere per sé il presidente - mira a farne un puro organo medico-scientifico. Ma i familiari delle vittime e l'opposizione non ci stanno. A dare loro un forte sostegno infatti si sono espressi solo Ds, Prc, Pdci e Verdi. Oltre ad Azione giovani di An. Silenzio assoluto da tutti i partiti di centrodestra.

Secondo Falco Accame, presidente dell'Anavafaf, una delle associazioni presenti all'incontro, «la questione non è tanto medica, quanto politico-militare». Gli Usa, dopo la prima guerra del Golfo, hanno adottato norme di protezione già in Somalia, ottobre `93, mentre per gli italiani le norme sono comparse solo il 22 novembre `99. Perché tanto ritardo? Le regole sono state rispettate? Cosa accade in Iraq, Afghanistan o nei poligoni Nato? «Noi non abbiamo mai visto un militare con una maschera» rileva Accame. D'accordo anche il maresciallo Domenico Leggieri, portavoce dell'Osservatorio militare: «Per la prima volta potremo depositare tutta la documentazione raccolta, dai dati numerici alle perizie cliniche. Ma sono perplesso su una commissione costituita da tecnici».

Nel 2000 (governo Amato) la commissione ministeriale di esperti guidata da Franco Mandelli escluse un legame tra leucemie e tumori con l'uranio impoverito, anche se rilevò un'incidenza anomala del linfoma di Hodgkin tra i militari impiegati nei Balcani.

Uno dei padri della commissione, il Ds Lorenzo Forcieri, insiste sul tema dei risarcimenti, finora «bloccati perché non si sa se l'uranio basti da solo a scatenare le malattie o agisca insieme ad altre concause». Si avverte il rischio di un «già visto», bisogna affidare l'inchiesta a esperti giuridici con una responsabilità politica. Il deputato Ds Valerio Calzolaio sposta la questione più in là: «Le armi ad uranio impoverito sono o no un danno per l'umanità? A livello internazionale si discute se vietarle del tutto per i danni ambientali e biologici di lungo periodo. Questa commissione dovrà occuparsene».

Calzolaio ricorda come una recente indagine a campione su un terzo dei 3mila soldati italiani in Iraq è stata insoddisfacente: «Bisogna lavorare insieme alle agenzie internazionali, che ormai hanno raccolto dati consistenti». Anche per questo Articolo 21 organizzerà alla fine di ottobre ad Orvieto un convegno internazionale dedicato proprio all'uranio impoverito.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)