Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • Una dottrina interpretativa per il nuovo presidente Donald Trump. Dal muro anti migranti al nucleare militare sino a “America First”: un budget per rendere l’America di nuovo grande.
    benvenuti nel nuovo mondo di Trump il cui motto è vincere

    Una dottrina interpretativa per il nuovo presidente Donald Trump. Dal muro anti migranti al nucleare militare sino a “America First”: un budget per rendere l’America di nuovo grande.

    Mai sottovalutare il potere del complesso militare-industriale
    19 aprile 2017 - Rossana De Simone
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio

Armi, l'Italia incassa nuovi partner industrial-militari

9 dicembre 2004 - Alessandra Mecozzi
Fonte: Liberazione


Il 10 dicembre sarà il 56° anniversario della Dichiarazione Universale dei diritti umani delle nazioni Unite, una sorta di catalogo che avrebbe dovuto orientare la politica, mettendo al proprio centro gli individui, donne e uomini, come soggetti fisici e giuridici. Ma anziché celebrarne i progressi, se ne denuncia il disastro: un miliardo e mezzo di lavoratori che vive con meno di due dollari al giorno (Organizzazione internazionale del lavoro), 852 milioni di persone che hanno fame (Fao). Nello stesso tempo le questioni della potenza militare, della produzione e del commercio di armi si impongono al dibattito politico.

Il presidente Ciampi visita la Cina, e chiede la revoca dell'embargo sulle armi di Ue e Nu, scattato dopo l'eccidio di Tien An Men. Nell'ottobre scorso il Presidente del Consiglio in occasione del primo volo del Caccia M-346, si rivolse ai dirigenti delle principali industrie armiere italiane presenti (Finmeccanica, Aermacchi, Alenia…), dichiarando che avrebbe fatto «il commesso viaggiatore» per loro conto, vantò il ruolo dell'Italia nella politica internazionale: «Si prevede di avere ordinativi cospicui. Abbasseremo i costi attraverso la quantità».

Dopo il memorandum sulla cooperazione militare del 2003, al Senato per la ratifica, il 18 novembre il Ministro della Difesa italiano incontratosi a Roma con il ministro della difesa israeliano, ha annunciato un investimento congiunto di 181 milioni di dollari per lo sviluppo di un «nuovo sistema di guerra elettronica, con lo scopo di neutralizzare apparecchi nemici su un vasto spazio aereo». La politica estera italiana sta diventando politica militare? La ripresa economica in Italia si affida al "business" delle armi? La cooperazione allo sviluppo, già malridotta, si trasforma direttamente in "cooperazione militare"? Il "Keynesismo di guerra", di cui si era parlato a proposito della guerra preventiva in Iraq, tassello di quella globale, sta rapidamente investendo l'Italia, ansiosa di emulare il modello dello "stupido uomo bianco". Le autorizzazioni alle esportazioni di armi rilasciate dal Governo italiano nel 2003 ammontano a circa 1 miliardo e 300 milioni di euro, con un incremento del 40% rispetto all'anno precedente: tra i 60 paesi forniti c'è la Cina (nonostante l'embargo, di cui ora si chiede la rimozione). In Cina non ci sono solo migliaia di condanne a morte ogni anno e migliaia di prigionieri politici, sindacalisti, giornalisti: i minatori muoiono a migliaia per l'insostenibilità delle condizioni di lavoro e di insicurezza delle miniere di carbone, sottoposti a supersfruttamento per produrre sempre più energia per l'impressionante crescita industriale ed economica del paese. Con più di 52,7 miliardi di dollari di investimenti esteri diretti e oltre 10.000 joint venture nel solo settore dell'elettronica che occupa milioni di lavoratori, in prevalenza donne (dati 2002), la "fabbrica del mondo" sta diventando un partner privilegiato di tanti paesi europei. Per l'Italia diventa partner industrial-militare: i diritti non rendono, meglio missili e tecnologie militari. Ma veniamo rassicurati dal fatto che il governo farà attenzione alla non contraffazione dei marchi!

Altro partner privilegiato, è Israele, il cui stato di illegalità e di permanente violazione dei diritti umani, dalla occupazione dei territori palestinesi del 1967, alle colonie, al muro di separazione, alle esecuzioni extragiudiziali, all'uccisione di oltre 3.500 civili palestinesi, è stato ampiamente denunciato dalla Corte di giustizia dell'Aia, dall'Assemblea delle Nazioni Unite, dal Parlamento Europeo, da Amnesty international.

Tanta propaganda è stata fatta su diritti e democrazia al tempo dell'attacco all'Afghanistan, poi di quello all'Iraq e adesso per elezioni senza legittimità, tanto poco se ne sente parlare quando si concludono accordi militari o si chiede l'abolizione, non giustificata dal progresso dei diritti, di un embargo sulle armi; ma c'è da dire che tanto ci siamo indignati allora, noi movimenti contro la guerra, il liberismo e il razzismo, contro i poteri forti e per la democrazia partecipata, tanto poco ci indignamo oggi. I diritti umani che includono quelli civili, politici economici e sociali, sono interdipendenti quanto lo è oggi ogni punto del mondo: la loro violazione o acquiescenza ad essa significa pericolo per tutti. Vite delle persone e regole della convivenza: è l'unica bussola che ci è data, in opposizione alla distruzione e alle guerre reciproche, sociali, culturali o militari. Ma la denuncia cade nel vuoto se non è strumento per una pratica politica. E' ora di rimettere mani e teste su queste materie, connettendo riflessioni, conoscenze ed esperienze sparse, cercando di rileggere ciò che sta succedendo nel nostro paese e nel mondo, nei posti di lavoro, nelle fabbriche, nei territori, come nella "geopolitica". Legami sempre più potenti ed evidenti uniscono militarismo e degrado della politica, armi e impoverimento, spese militari e precarizzazione delle vite; la guerra, eufemisticamente "la difesa", sta entrando nelle nostre vite, la politica se ne sta andando: per costruire un altro mondo possibile, per immaginare realisticamente diritti globali di donne e uomini, c'è un lavoro da fare che è proprio dei movimenti, su cui da qualche anno si stanno misurando: la costruzione di alternative, andando alla radice di ciò che accade, serve un confronto radicale sul senso delle "resistenze" e quello del diritto internazionale, su conflitto sociale e silenzio della politica, su stili di vita e modo di produzione. Bisognerebbe cominciare a tracciare i lineamenti per una riconversione civile delle menti e delle produzioni. E' una grande sfida sociale, culturale e politica, che il mondo in cui viviamo ci mette di fronte: vale la pena di raccoglierla, perché dà un senso al presente e una possibilità al futuro.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)